16 gennaio 2013

Le parole confondono

Riflettevo - sì capita - del fatto che a me m'importa 'na sega della maggior parte delle dinamiche umane. Chiariamoci, nel pettegolezzo ci sguazzo, a volte, ma vado fiera del fatto che non aggiungo mai, ai racconti, più malignità di quelle che già caratterizzano i protagonisti. Non che il pettegolezzo debba essere necessariamente negativo ma, insomma, è bello per quello. Ci si sente un attimo migliori. Ma solo un attimo. Tanto, poi, tutto sommato siamo fatti tutti dello stesso materiale. Mi piace però pensare di essere onesta. Non ho mai, davvero, divulgato qualcosa di personale. Raramente parlo male di qualcuno, e se lo faccio è per motivi concreti. Non per sentito dire o per quell'invidia da mean girls che poggia le proprie basi solo sull'aspetto fisico delle persone.
E insomma a me non me ne frega davvero nulla di quello che fanno e dicono la maggior parte delle persone che mi gravitano intorno. Non ne faccio una questione di stato se sento affermazioni poco carine, le provocazioni non mi toccano quasi mai e non ho alcun interesse nell'entrare in certe dinamiche di hai visto quella cosa ha fatto? Noi allora... Noi allora cosa? Che ci frega alla fine? A me 'na sega, effettivamente. L'apice sono le frasettine tendenziose scritte su facebook e la tenerezza che mi fanno le persone che si fanno rovinare giornate e rapporti da un social network. Però io le frasettine tendenziose le amo ♥ Ne ho scritte alcune. Me ne hanno dedicate. E siccome non sono scema capisco che son rivolte a me, ma non mi creano nessuna reazione se non un mezzo sorriso di divertimento. Son deliziose, a volte. Quelle poche scritte da me sono state dedicate a persone che sapevo avrebbero abboccato all'amo. Altrimenti non c'è soddisfazione.
Escludendo, quindi, un po' di malignità che mi occupa il tempo, delle dinamiche relazionali che tanto impegnano molte persone in discussioni estenuanti a me, veramente, frega zero. Continuo a dormire. Anzi, forse anche meglio. La stupidità mi disarma.
E questo mi succede anche con i miei pochi ma intimissimi amici. Generalmente non c'è mai bisogno di mettermi in modalità catatonica ma può accadere che mi raccontino di enormi tragedie per le quali l'unica esclamazione e faccia possibile sarebbero:


e se avessi barba e baffi mi uscirebbe senza dubbio meglio.
Uno dei maggiori mantra di questo periodo è il sentirmi dire: no cioè, non capisci una fonchia. Scusa ma a te non darebbe fastidio?
No, a me non darebbe fastidio se il mio uomo venisse baciato sulla guancia dalle sue amiche. Non mi dà fastidio quando lo baciano a stampo sulla bocca, cazzo vuoi che mi freghi di una guancia?
Ho un'amica, che adoro voglio sottolineare, patologicamente gelosa. Sarà che forse, di nuovo, entra in campo il mio m'importa 'na sega ma a me sembra assolutamente sacrosanto che Lui esca con chi vuole, quando vuole senza che io debba accordargli il permesso, senza che io voglia leggere i suoi messaggi sul cellulare o che glieli legga di nascosto. Perché succede. E a me tutto questo sconvolge. Ma sul serio. Ho la fortuna di essere pochissimo gelosa e di stare con una persona come me. Certo qualche limite c'è ed è quello dettato dal buon senso e dal rispetto per cui chiedi/informi l'altro/valuti. Però quando Lui è andato a pranzo dall'ex (tra l'altro bellissima) io non ho battuto ciglio. Non era una situazione simpatica ma 'sti cazzi. Perché dovrei essere gelosa? Il termine ex dovrebbe essere più che sufficiente a fare star tranquilli. Forse perché a me, fondamentalmente, fottesega? Io fiducia la dò sempre. Mi sembra doveroso. Così come mi sembra doveroso lasciar vivere l'altra persona. Ché non esisto solo io. E non esiste solo lui.
Ma ho divagato.
Era per dire: perché le persone si fanno il sangue amaro e si ammazzano la testa con problemi che in realtà non sono tali? No perché le energie mentali si potrebbero sfruttare per altro. Tipo inventare appendini da cui non cadano gli abiti, ché dico, miseria, siamo nel 2013. E ancora il mio armadio è un'apocalisse.


COSE DA DONNE. 
DA QUI IN POI GLI UOMINI CHE SI SCHIFANO NON DEVONO LEGGERE. 
(e dico davvero, soprattutto Il Banale ché poi mi si impressiona).

Il mese scorso ho comprato la coppetta mestruale. Questa ma lilla ché è più bella. Valutavo l'acquisto da moltissimo tempo. Insomma soliti dubbi sulla comodità e sulla possibilità di ritrovarmi come Carrie nel film di De Palma.


La sto utilizzando da ieri e a parte un po' di diffidenza mia dettata da riserve mentali direi che è l'invenzione del secolo.
Per cui insomma si fa un favore a tutto: ai soldi, all'ambiente e pure se stesse in termini di comodità e di igiene.

Fine.
Taccio.



L'apocalisse è quello che c'è già
Mistica Bio Maccanica
Eonica soap opera puntate quotidiane
Assegnate le parti corrono le comparse
M'importa 'na sega sai
Ma fatta bene che non si sa mai



Share:

21 commenti:

  1. A me la coppetta mi fa senso. Non posso farci niente <_<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per far senso sì, lo fa. Sembra quasi il Graal :D
      Però, non ci credevo, ma è comoda!

      Elimina
  2. delle robette che accadono su facebook interessa poco anche a me, con le giuste riserve, riguardo a gelosia preferisco triturarmi la milza piuttosto che fare una scenata ma chi vuol capire capisca!
    una mia amica usa la coppetta da un po', si trova bene, l'unico inconveniente è che magari quando non hai voglia devi star lì a disinfettarla!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, non è proprio immediatissima, effettivamente ma se ci sono donne che se la cambiano anche nel deserto non voglio essere da meno :D
      Ah e sì, scenate mai. Stoici fino alla fine.

      Elimina
    2. voi donne siete stoiche :)

      Elimina
  3. Anche a me le parole confondono. Coppetta Vaginale è una di quelle.
    Inoltre non credo che siamo tutti fatti della stesso materiale, questa mania antropocentrista che la vita debba essere basata sul carbonio, ovunque nel cosmo, è pura paranoia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era un delirio egoico, chiaramente. Mi fa sentire sicura mettermi al centro del mio piccolo mondo, ché se penso al cosmo, ciao :D

      E lo so, lo so: coppetta vaginale è proprio una cosa bruttissima da dire.

      Elimina
  4. Mi ricordo quando avevo 14-15 anni. Tragedie per le uscite, tragedie per le litigate, riunioni d'emergenza a casa di una piuttosto che di un'altra per risolvere importanti questioni diplomatiche che nascevano dai pettegolezzi sentiti nel cesso della scuola.

    Che stanchezza.
    Sarà la vecchiaia, o sarà che ho dato tutto a 14 anni, appunto.
    Non mi frega più niente. Mi importa di pochissime persone che sono, poi, quelle a cui importa di me.

    Per la gelosia uguale. L'Architetto è l'uomo più libero al mondo. E' più libero di un'aquila reale che vola sugli Appalachi, o dove caspita volano le aquile.
    Così si fa.
    Un giorno scriverò un post in cui racconto le mie esperienze con quelle che gli gravitavano attorno. Il Benny Hill Show.

    PS: la coppetta fa senso anche a me, maledizione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me questo Architetto sembra proprio simpatico. Potremmo scambiarci esperienze alla Benny Hill Show. Lui canta in un gruppo e le cose a cui a volte, assisto, sono esilaranti.

      E come commentato anche più sopra: fa senso. Poi passa!

      Elimina
    2. Lui canta in un gruppo?
      Immagino a cosa assisti. Immagino.
      Le cirque du soleil, proprio.

      Elimina
    3. O peggio: il pubblico di Uomini&Donne!

      Elimina
  5. Premettendo che in effetti nel 2013 dovrebbero davvero inventarli 'sti appendini da cui non cadano gli abiti ché non è possibile che io mi debba attrezzare con dei cordini, volevo dire che la gelosia è una cosa che dipende un po' dalla persona. Secondo me è molto simile a una caratteristica del carattere, come l'affidabilità, o la simpatia, o la sbadataggine... Io in effetti sono un pochetto geloso, ma non la esprimo mai concretamente la mia gelosia, non limito mai l'altra persona: inizio a ripetermi che sono paranoico e aspetto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, non volevo fare la prepotente! Penso anche io che sia come hai detto tu. Ho sicuramente moltre altre nevrosi che la gente non capisce, mi volevo solo soffermare su quanto, però, certe richieste e affermazioni siano asdslutamente limitanti per e nella vita!
      Poi tu maceri dentro ed è lodevole! :D

      Se agli appendini metti le cordine sei un pro! Io mi arrendo alla gravità.

      Elimina
  6. Sulla fiducia e la gelosia abbiamo praticamente lo stesso approccio. Sarà che il fottesega è un mantra che mi accompagna da un pezzo, sarà che fondamentalmente sono anche boccalona a livelli cosmici e per comodità forse preferisco farmi intortare (che si può interpretare come "approccio Fox Mulder I want to believe"... ma va bene così.
    E sulla coppetta vaginale aspettavo una testimonianza diretta. Ma... con che criterio si sceglie la taglia? :)
    (se te lo stai chiedendo, sì, sono una scassacazzo!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse il problema è che diamo fiducia a prescindere. Io ho un ego abbastanza grande per cui, a volte, nemmeno metto in conto che qualcuno possa ingannarmi. Ingannare me? Cosa c'è di meglio di me? Idiozie a parte un tempo ero gelosa, di quelle che dicono poco e macerano tanto, poi non so bene perché 'sto sentimento se ne è andato. Forse perché sto anche con una persona che non mi dà motivi per esserlo. Chissà.

      Comunque riguardo la taglia i vari siti (ché di coppette ce ne sono centocinquantamila) generalmente dicono che la taglia piccola va bene se non hai partorito e per le donne fino ai 30 anni circa, per le altre taglia grande.
      Io ho preso la piccola e non sto avendo alcun tipo di problema.
      Se hai intenzione di prenderla ti consiglio la Fleurcup, quella che ho io. Leggendo qui e là sembra la più facile da usare perché si apre immediatamente. Poi se hai domande troviamo anche un modo privato per parlare perché magari non sono tutti interessati al nostro sangue :D

      Elimina
  7. A me la coppetta fa troppo senso :S trascurando ciò è anche il fatto che per colpa di queste cruccie malefiche e di un mio disordine patologico anche il mio armadio (aggiungerei pure la mia stanza) é un disastro totale... Io ti ADORO, é quasi amore...ma infatti chi se ne frega di ql che la gente scrive su FB/Twitter/mianonnaincariola, sebbene come te ogni tanto da brava sadica mi diverto a fare sfasare qualcuno tramite frasette punzecchiose...riguardo alla gelosia concordo su alcune cose con te, però proprio non starei tranquilla se il mio lui andasse fuori con la ex, peso che mi verrebbero i tic nervosi :) un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha grazie :)
      La coppetta la odiate proprio tutte!
      Comunque, giusto per sfatare il mito che io sia totalmente immune da ogni sentimento di gelosia dico che questa cosa mi capita in modo così vistoso da quando sto con Lui perché non mi dà motivo alcuno di dubitare.
      Non sono mai stata molto gelosa ma, nella mia vita, i rodimenti li ho avuti eh!

      Elimina
  8. Sei una grande, anche io valuto di prenderla da un po', spero di decidermi presto... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda i soldi meglio spesi! :)

      Elimina
  9. Mareva.
    O come spezzare qualsiasi incanto poetico.

    Anch'io dò fiducia, in generale. Esci con gli amici? Fai pure! Torni tardi? Sei giovane! Sei amico con la tua ex storica? Che bella cosa!

    Però oltrepassa la linea di confine e sarai cibo per coyote, uomo.
    Patti chiari, amicizia lunga!;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia abilità di riportare coi piedi per terra è proverbiale!

      Forse gli uomini non ci tradiscono perché sanno che poi useremmo la loro pelle come straccio per la polvere.

      Elimina

Parlo poco. Scrivo molto. Leggo ovunque.
Faccio cose e non vedo gente.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001 concernente i Disclaimer.

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet, pertanto considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
Tutti i testi e le immagini riportanti la firma dell’autrice sono di proprietà della stessa, pertanto non utilizzabili su altri siti web, blog e affini. Se interessati alla riproduzione di qualsivoglia materiale si contatti l’autrice per stabilire consenso e clausole.