20 marzo 2013

It won't be that easy, bitches. -A

SPOILER ALERT!


Attenzione lettore disagiato, il seguente post contiene rivelazioni sul finale della terza stagione di Pretty Little Liars. Se a differenza mia hai una vita, per piacere fai ritorno quando l'avrai visionato e la tua esistenza tornerà ad avere un senso compiuto.


E così, oggi, 20 marzo, toglierò a tutti ogni dubbio sulla mia intelligenza e cultura.
Pretty Little Liars e cultura fanno innegabilmente a pugni nella stessa frase. Figuriamoci in una stessa persona.
Ci sono molte cose inspiegabili, d'altra parte.
Non mi spiego perché io non abbia scoperto prima i boccetti in cui infili le unghie e magicamente ti tolgono lo smalto così, almeno, avrei evitato di avere sulla coscienza una buona fetta di foresta amazzonica a forza di dischetti di cotone perché tanto nulla è mai facile quanto ti facciano credere. Tanto per dirne una.

E non mi spiego Pretty Little Liars.

Pretty Little Liars è una serie televisiva trasmessa dal Network ABC a partire dal 2008, un teen drama e giallo basato sull'omonima serie di libri scritta da Sarah Shepard e pubblicata qui, nel nostro ridente paese, col titolo di Giovani, carine e bugiarde. A questo punto credo che la maggior parte abbia già smesso di leggere, sempre che non l'abbia - saggiamente - fatto alle parole teen drama fonte, per me, di gioia irrefrenabile e incapacità di controllo. Datemi del teen e sarò felice.

Nella ridente cittadina di Rosewood, dove tutto è perfetto e anche la rosticceria di Cecco il Porcaro sembra uscita da un catalogo di design, vivono quattro povere deficienti. Le nostre protagoniste sono, insistentemente, stalkate da un losco individuo che manda loro tremendi sms - cambiare numero, no? - firmandosi con il brillante pseudonimo di -A. Le quattro scemepagliacce, dopo aver appurato che non si tratta dell'ex amica - stronza troia come poche - Alison scomparsa anni prima, si fanno vessare senza ritegno, in un gioco al massacro che le vedrà perdere amici, fidanzati, verginità (che ci sta sempre) ma non bellezza. Sia mai. Il tacco dodici è estremamente comodo per correre.
-A. che non è scemo/scema/scemi - il finale della seconda stagione ci sorprende con uno sfrontato quanto originalissimo A-team - continua, immancabilmente, ad incastrare le quattro povere imbecilli sfruttando il fatto che sono più impegnate a scegliere cosa mettersi per andare a scopare piuttosto che andare alla polizia. Perché, naturalmente, Rosewood, che è probabilmente grande come casa mia, ha un Police Department. E che ce lo vogliamo far mancare? Mica siamo degli zoticoni che vivono a Carinda in Iowa.
Ma si sa, i poliziotti sono tutti corrotti, e anche qui non manca il poliziotto figo che si bomba la mamma di Hanna - ex sfigata cicciona - o quello che, notoriamente, non capisce un cazzo. Ce n'è sempre uno.
Insomma, io mi sorbisco 71 cristo di puntate per arrivare a questa notte e non avere una risposta. Ma manco mezza. Manco una briciolina. Risposte plausibili, dico. Ma so già da me che se guardo qualcosa con la parola teen la colpa è solo mia.
Dunque, siamo arrivati al punto in cui: Toby, fidanzato della figacomepoche Spencer, in realtà è un cattivo cattivone e in realtà è morto ma in realtà non è morto ma ha fatto solo finta - di essere morto e cattivone - per salvare l'amata che, a sua volta, dopo essere uscita a tempo di record dal manicomio (e qui aprirei una postilla su come il sistema americano paia davvero ben oliato: sei sotto shock perché hai visto il tuo fidanzato trucidato nel bosco? Taaac, manicomio cazzo ci frega. Però sei ricca e bella e quindi taaaac, esci come se niente fosse) dicevo che la figacomepoche Spencer uscita dalla casa dei pazzi sembra diventare anche lei parte del crudelissimo A-team ma invece finge, è sempre buona lei, e dopo la visita di Mona al manicomio - spiegare chi è quest'altra poretta è troppo lungo - si convince e ci convince che stare nel dark side è molto più conveniente. Ma Mona lo fa solo per il suo bene perché vuole farle reincontrare Toby perché Mona, da sempre suprema cattiva, in realtà finge. Sì, porchiddio, anche lei ed è pure lei una buona che fa finta di collaborare con Cappotto Rosso - sul serio, la chiamano così - che è la capa suprema intoccabile di tutto il Team perché tutti vogliono sapere chi cazzo è 'sta -A. che non ha una fonchia di meglio da fare che voler ammazzare e terrorizzare gente senza alcun motivo apparente - se escludiamo incesti, figli fuori dal matrimonio, presunte gravidanze, bullismo a livelli pro ecc. Negli ultimi dieci minuti, però, succede che dopo tutte 'ste rivelazioni su falsità e tradimenti che Brooke e Taylor di Beautiful spostatevi, Cappotto Rosso appare in tutta la sua furia e sembra proprio Alison. Alison che non era morta cazzo? Ma c'ero anche io a quella merda di funerale dopo che il corpo è stato ritrovato sotto casa di Maya la fidanzata di Emily - il lesbo tira sempre  - morta anche lei perché, insomma, non era abbastanza fashion, diciamocelo. E quindi?
E poi come è possibile che la telecamera di un auto della polizia funzioni ancora e possa ancora trasmettere ciò che aveva filmato dopo essere stata buttata nel lago melmoso due puntate fa? E com'è che in quel video appaiono Jenna, ex-cieca, e quell'altra di cui non ricordo il nome ma tanto è una sfigata che c'è solo da alcune puntate? Cosa non mi raccontano? Cosa non mi vogliono dire?
E perché gli ultimi dieci secondi si trasformano in qualcosa che sembra Zombi 2 di Fulci con una mano che spunta dalla terra/tomba e un'altra che l'aiuta ad uscire? Chi cazzo è tutta questa gente? Cappotto Rosso è Alison? Alison è viva? Alison cosa vuole? Alison PARLAMI!
Io non ci ho capito nulla. Come nella vita vera d'altra parte. E tutti mentono e fuggono e fingono. Come nella vita vera. Ed è un gran casino. Come nella vita vera.

Io non lo capisco Pretty Little Liars ma continuo a guardarlo perché le protagoniste son fighe. Perché è pieno di buchi narrativi. Perché sfida le regole della logica con una leggerezza quasi imbarazzante. E la figa, l'incoerenza e l'assurdo sono capisaldi della vita di ognuno di noi.

Questa estate comincerà la quarta stagione. La guarderò. Nonostante un anno fa abbia comprato i primi dieci libri - in lingua originale ché in Italia siamo lenti a fare tutto - nonostante ne siano usciti un altro paio, nonostante potrei avere già tutte le risposte. Ma leggo a rilento un po' per non fregarmi la serie tv e un po' perché c'è un limite di superficialità oltre il quale proprio non posso andare. E quei libri sono davvero un passo oltre.


Share:

25 commenti:

  1. Non so come tu faccia a resistere dal leggere i libri e capire tutti gli inghippi! Io me lo ero proposta con Trono di Spade, ma poi vaffanculo in quattro mesi ho letto tutti e 12 i libri (evviva la disoccupazione e il dover dare qualcosa da fare al cervello invece di piangersi addosso per la suddetta disoccupazione). E ora sto rosicando tantissimo che voglio il prossimo libri adesso e subito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non sai quanto ti capisco, anche io sto aspettando ardentemente il libro nuovo sono disperata :( ma in compenso il 31 ricomincia *___*

      Elimina
    2. Eh ho paura di fare una cazzata. I primi 3 libri sono un filino differenti dalla serie tv e non vorrei arrivare ad una situazione di disperazione tale da avere il ricovero coatto come unica soluzione!

      Elimina
  2. il dottor house gli mena a tutti.
    punto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No ma parliamo di quanto ha spaccato il cuore il finale. Parliamone.

      Elimina
  3. mia sorella lo guardava Pretty Little Liars ma a me non ha ispirato granché :|

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh ma io sono teenager dentro!

      Elimina
  4. Mareva, ho riso dall'inizio alla fine.
    Sei geniale. :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahaha, grazie :*
      Il trash mi si addice.

      Elimina
  5. Io non ho letto/visto Pretty Little Liars ma, soprattutto, non so che cazzo sono i boccetti in cui infili le unghie e magicamente di tolgono lo smalto.
    Qualcuno dia un senso alla mia giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I boccetti sono i solventi ad immersione.

      http://www.kikocosmetics.com/eshop/it/product/-/productdetail/nail-polish-remover-fast-and-easy/KM0040300800000/347/0

      A me ha rivoluzionato la giornata. E poi dicono di Galileo.

      Elimina
    2. Ma pensa un po'. Un giorno arriveremo sulla Luna.

      Elimina
    3. Voleremo, un giorno.

      Elimina
  6. grandi scemepagliacce!
    questa serie all'inizio era un po' teen peaks ma ormai non sanno più che inventarsi. io comunque lo sapevo fin dall'inizio che alison era viva!
    in ogni caso, nonostante qualche calo nell'ultima stagione, serie da dipendenza (anche se io almeno i libri ho avuto la decenza di non recuperarli ahahah)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahaha, eh ma tu sei uomo, non puoi capire il fascino delle fighe in tacchi.
      (o sì, ma non approfondiamo).

      Comunque concordo, la serie ha preso un po' la deriva con alcune scelte un filino azzardate ma io a 'ste quattro porette voglio anche bene. Tranne ad Aria che si veste di merda ed è una mentecatta.

      Elimina
  7. Quest'ultima puntata da cui mi aspettavo qualche risposta è stata un mega WTF? Mi ha lasciata completamente confusa, a questo punto ipotizzo solo che ci siano solo 2 team!
    Si salva solo il fatto che Toby era nell'A-team per proteggere Spencer, il mio cuoricino ha gioito!
    E una menzione speciale per le calze/leggings di Aria nella scena della panchina con Ezra, lei e i suoi outfit schifosi non deludono mai!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sai che leggevo anche l'ipotesi che ci siano due Alison? Nel seno, tipo una gemella buona e una cattiva. Ma spero di no, che già mi mandano in esaurimento nervoso così, figuriamoci se dovessero aggiungere 'sta scemenza alla trama.

      Hai visto quei leggings? SCHERZIAMO? Se li dovessi mettere io credo che in 3,2,1 verrei menata dalla gente per strada!

      Elimina
    2. Sì sapevo di questa teoria perché pare che nei libri sia così, tu che gli hai letti magari puoi confermare... e secondo me lo fanno, lo speciale di Halloween in cui veniva raccontata la storia delle due bimbe gemelle non è stato messo a caso secondo me u,u

      Elimina
    3. Di libri, per ora, ne ho letti solo 3 o 4 (non ricordo) proprio per non rovinarmi eventuali sorprese. E non so... tra l'altro seguo anche The Lying Game (sempre dai romanzi di Sarah Shepard) e anche lì le bestemmie che non sto dicendo!

      Elimina
  8. Non ho mai visto il telefilm in questione,ma leggendo il tuo post mi hai ricordato molto me stessa quando ero drogata di LOST. Che fino alla terza stagione aveva un perchè. Dalla quarta stagione in poi è diventato talmente assurdo che lo guardavo, un po' nella speranza di una qualche illuminazione, un po' (tanto) per quel figo di Josh Holloway alias Sawyer. E all'ultima puntata dell'ultima stagione, non avendoci capito una benemerita mazza, avrei ribaltato il televisore.
    Ti sono quindi vicina in questo momento di delusione mista a rabbia.
    Gre Gre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io Lost l'ho mollato alla seconda stagione. Non faceva proprio per me.
      Però so che capisci. Che poi essendo una serie ridicola ci rido anche su e mi prendo in giro da sola!

      Elimina
  9. okey,
    com'è che mi sono persa qesta serie proprio io, regina indiscussa di TUTTE le serie televisive nessuna inclusa!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se hai tempo letteralmente da buttare drogati assieme a noi! <3

      Elimina
  10. Non l'ho letto perchè mi hanno consigliato di guardarlo e non mi voglio rovinare il finale xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissima! Non leggere, non cedere e diventa dipendente anche tu!

      Elimina

Parlo poco. Scrivo molto. Leggo ovunque.
Faccio cose e non vedo gente.

Il passato è una terra straniera

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001 concernente i Disclaimer.

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet, pertanto considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
Tutti i testi e le immagini riportanti la firma dell’autrice sono di proprietà della stessa, pertanto non utilizzabili su altri siti web, blog e affini. Se interessati alla riproduzione di qualsivoglia materiale si contatti l’autrice per stabilire consenso e clausole.