19 marzo 2013

Shannon Larratt 1973-2013

Non so se chi mi legge abbia idea di chi fosse Shannon Larratt.
Shannon Larratt ha creato un posto in cui la parola diverso non è mai stata pronunciata.
In cui, davvero, non eri diverso.
Shannon è il padre di BME e del suo blog.
Shannon ha insegnato a molti a non avere paura.

Shannon è morto, qualche giorno fa. Ha scelto di morire in un paese, il Canada, che ancora non prevede la possibilità di scegliere davvero un modo umano e poco doloroso. Ha scelto il suicidio, un atto dignitoso per una vita che, a causa di una terribile malattia degenerativa, non era più dignitosa. Non era più vita. Ha scelto con consapevolezza, lucidità e insieme a chi amava e da cui era amato. Ed è bello tutto questo, nella tragedia dico. Fa bene sapere che c'era e c'erano. Fa bene sapere che anche lasciare andare qualcuno che si ama, in questo modo, è un incredibile atto d'amore.


Io Shannon l'ho solo sfiorato, tanti anni fa ormai. Tanti anni fa,  quando mi iscrissi alla sua comunità ci scambiammo qualche e-mail. Poche parole che stupidamente non ho conservato. Ma non avrebbero fatto la differenza. Ché quando qualcuno se ne va niente fa la differenza.

Mancherà. A migliaia di persone. Perché è bello quando qualcuno riesce a unire. Quasi un miracolo.

Qui la sua lettera d'addio. Finita, la commedia.

Ha fatto la differenza. Uno dei pochi a cui spetta il privilegio del titolo di essere umano.



Share:

10 commenti:

  1. Risposte
    1. Quanto è triste, a volte, doversi accontentare dell'eredità.

      Elimina
  2. Nessuna parola...
    Solo un sorriso per te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie <3
      Mancherà, a chi cerca di essere se stesso a dispetto di tutto.

      Elimina
  3. E' incredibile quanta positività e speranza ci sia nella sua lettera d'addio. E lucidità. E' straziante e insieme bellissimo.

    RispondiElimina
  4. Cara Mare, io non conosco l' inglese, non ho studiato. Ma conosco un poco te. E allora ho pensato: se lei dice tutte queste belle parole di sto signore qua, allora doveva essere uno speciale. Doveva essere proprio una bella creatura, un uomo che lascia dietro se una scia di cose belle, che la Mare lo rimpiange così. E allora mi dispiace per lui, per tutti quelli che lo hanno perso, e mi dispiace per te.
    <3<3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo era. Per quanto io non lo conoscessi era un po' come se fosse così. Perché ha dato coraggio a tanti. Ha divulgato. Ed è un po' anche merito suo se, ora, le persone hanno meno paura.

      Tu, comunque, mi commuovi sempre e non è mica giusto eh!

      Elimina
  5. Credo di doverlo ringraziare perché ha cambiato la mia vita.
    Ci pensi che ci siamo conosciute grazie a lui? Che hai conosciuto Lui grazie a lui? Che io ho conosciuto il mio Lui grazie a lui?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La potenza di alcune persone è inarrestabile.

      Being a modified person in an unmodified world can really suck. Most people think we’re a bunch of losers, and few of us work to change that perception.

      Non possiamo che ringraziare.

      Elimina

Parlo poco. Scrivo molto. Leggo ovunque.
Faccio cose e non vedo gente.

Il passato è una terra straniera

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001 concernente i Disclaimer.

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet, pertanto considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
Tutti i testi e le immagini riportanti la firma dell’autrice sono di proprietà della stessa, pertanto non utilizzabili su altri siti web, blog e affini. Se interessati alla riproduzione di qualsivoglia materiale si contatti l’autrice per stabilire consenso e clausole.