28 aprile 2013

Le prime 10.000 fotografie sono le peggiori (H. Cartier-Bresson)

Ho fatto delle foto. Ho fotografato invece di parlare. Ho fotografato per non dimenticare. Per non smettere di guardare. L'ha detto Pennac che, anche se non mi entusiasma, qui mi è piaciuto molto e io sono una che i meriti li riconosce, anche a chi mi sta antipatico.
C'è da dire, poi, che mi serviva una frase per cominciare e si sa che c'è sempre qualcuno che, in modo semplice, riesce a dire ciò che noi siamo troppo imbranati anche solo per pensare.

Io non so fotografare. Non ho occhio nelle inquadrature, non so riconoscere i soggetti "degni", non so nulla sulla tecnica, le luci e tutte quelle diavolerie fatte di sigle e numeri, sono pigra e penso sempre che sia meglio viversele le cose che fotografarle. A volte, però, mi viene il pallino e allora con quella non macchina fotografica che è il cellulare scatto a caso e ci provo a raccontare storie. Non ci riesco quasi mai e questa volta non ha fatto eccezione ma, non so, sono stati bei giorni questi, gli ultimi goduti appieno nella loro totalità senza vincoli di tempi e spazi. Ché poi arriva l'estate e fra due settimane ciao, non avrò nemmeno il tempo di mettermi lo smalto.

Ci sei tu che appoggi la testa sulle mie gambe e che importa che ore sono? Siamo nel tempo.



Ci sono io che vorrei sembrare, ma senza calore, come una statua perpetua ed inerme.



Ci sono gli animali che tutto vedono e tutto capiscono. Conigli incontrati per caso che scatenano amore e allergie. E lei che sempre c'è e che provvede a tutto l'amore del mondo.



C'è il vino e tavole con più alcolici che cibo (Ikea). E torte a Milano e birra a Rimini.



Ci sono le serate con la chitarra e gli amici. Quelli veri. Quelli per te da sempre e per me, spero, per sempre.



C'è la cena fatta con le tue mani. Le patatine più buone del mondo per le quali non smetteremo mai di ringraziare Heston Blumenthal. Ti vogliamo bene Heston ♡
E Rob Zombie che cambia ma non delude. Allucinato e visionario e capace di dividere il pubblico.



C'è la musica. L'attesa. La tua voce. 



E G. Che basta guardare le sue bacchette per capire quanto ami suonare.



Ci sono i ritorni, in treno. Che fanno pensare e che si lasciano vivere.



E ci siamo noi. Che siamo tutte le cose del mondo, dentro e poi fuori. Dove incrociano i lampi, i lampioni e le situazioni. E i soffitti si abbassano sui capi in un'aria impressa di fiati, corpi bagnati, fradici di ogni amore.









Share:

35 commenti:

  1. Che bella l'ultima di voi due :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!
      Ogni tanto ci riesce di essere belli :D

      Elimina
  2. L'ultima è stupenda.
    E comunque.
    CAZZO PERCHE' DA ME NON COSTA SOLO 5€ IL CINEMA.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! <3

      E ora ti spiego: 1) siamo andati allo spettacolo delle 18 come i pre-adolescenti e quindi costa meno. 2) Francesco - che è ancora un pre-adolescente - ha la student card che gli dà oltre al biglietto scontato per lui, pure un biglietto scontato in più per fare entrare chi vuole.
      Altrimenti io otto euro li dovevo sganciare.

      Elimina
    2. Quant'é bella giovinezza, che si fugga tuttavia.
      Porcodio avere 25 anni.

      Elimina
  3. Risposte
    1. E grazie che qui l'ego si gonfia!

      Elimina
  4. foto molto hipster
    (lo dico come complimento, neh)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma lo è, eh! Qui ci piace fare gli hipster e i radical chic <3

      Elimina
  5. Vabbé, ma quelle torte a Milano? Lo vogliamo dire dove? :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma diciamolo: dall'inflazionatissima California Bakery! In specifico noi siamo andati in quella di Via Larga.

      (sono due New York Cheesecake - fragola una e mirtilli l'altra)

      Elimina
  6. Premetto che mi sono appena alzata e non ho fatto colazione.
    E... voglio quel panino subito! Qui! Ora!
    :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scaldo forno e piastra allora!
      Il salato la mattina è cosa giustissima e buonissima :D

      Elimina
  7. Io mi innamoro facile dei titoli dei tuoi post.
    I post-fotografici non sono facili da fare.

    Forse è questo: a te la semplicità viene facile.

    (Quel panino. Me fa venì ricordi)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me vengono facili le cazzate alla fine. Chissà se è un pregio!

      (Quanto amore in quei ricordi!)

      Elimina
  8. hai un ché di veramente fascinoso.
    vista la foto con la tua dolce metà la mia sensazione trova sempre più riscontro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Dal vivo sono meno fascinosa e più imbranata, te lo posso assicurare!

      Elimina
  9. L'ultima foto è qualcosa di splendido. Non importa saperci fare con inquadrature e cazzi vari. Basta che quegli scatti suscitino qualcosa in te e in chi guarda la foto. E l'ultima ne è la prova.
    Ps: E mille grazie per il follow.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio.
      Suscitare qualcosa è importante ma io sono una maledettissima amante del bello e dò molta importanza all'estetica.

      Elimina
  10. Risposte
    1. E tu hai di nuovo whatsapp ahaha <3

      Grazie.

      Elimina
  11. La vostra foto più emozionante è senza dubbio questa: http://bit.ly/17tjdwH
    Non so. Sarà anche per via del post in cui l'hai pubblicata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amo anche io quella foto. Nata per caso. Eravamo in posa per uno scatto fatto da un fotografo e un amico ha scattato a sua volta.

      Elimina
  12. Mannaggia alla Mare! Che qui le mamme si imbambolano e bruciano la cena!!! che la foto della meraviglia, a parte voi che lo dicono tutti, io trovo che sia il tuo cane che ha due occhi che...lassa perde và..troppo belli. Baci a volontà..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No le mamme che bruciano la cena no. Almeno tu, mamma numero 3 ché le mamme 1 e 2 non sono grandi cuoche!
      Il cane, Deva, non è tecnicamente mio, ma suo, ma è un po' come fosse anche mio ché tutto l'amore che dà e prende non ci sta in una sola persona.

      Elimina
  13. Le foto non sono solo tecnica (per fortuna perché, altrimenti dovrei buttare la mia macchina fotografica), le foto sono racconti, raccontano presenze, raccontano mancanze.

    ps
    alla domanda nel blog, risponderò, non mi tiro indietro :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono un bel modo di parlare le foto, sì.

      ps
      Non avevo mai pensato che ti saresti tirato indietro :)

      Elimina
    2. Come hai visto ti ho risposto, anche se forse avrei dovuto anche dire cosa è avvenuto in quei due particolari giorni, vero? :-)

      Elimina
  14. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  15. Ti prego parlami de Le Streghe di Salem, ché non ho ancora deciso se vederlo al cinema! (ma tu sei
    http://3.bp.blogspot.com/-M1I48Y_vSGw/UX1a_r5hQTI/AAAAAAAAA20/xI05OoBdiJY/s400/FxCam_1367147034516.jpg ? se sì, bellissima.)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dico: diversissimo dai precedenti suoi film. Ma proprio distante anni luce. Diciamo che rispetto a La casa del diavolo è cacca. Ma a me è piaciuto tantissimo. Ci sono mille critiche ovunque, molte delle quali le condivido: lento, senza senso e trama, un'accozzaglia di immagini stereotipate etc. però a me è piaciuto per questo. Mi ha ricordato molto il cinema surrealista e a me il surrealismo manda in estasi. La storia è semplicissima, le streghe sono un po' caricaturate ma non so, ci sta, è visivamente piacevolissimo.

      (e sì, sono io e... grazie <3)

      Elimina
  16. E invece a me le tue foto piacciono un sacco. Sarà che si portano dietro la bellezza di un momento e nulla più. All'essenziale!
    Non avrai occhio ma hai cuore:-*

    (il mondo è pieno di gente che compra macchine fotografiche da migliaia di euro e scatta in automatico...fai tu!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di cuore ne ho tanto, pure troppo a volte, che pesa e fa inciampare. Di occhi un po' meno. Ma insomma, non posso essere perfetta :)
      Grazie mille, di cuore <3

      Elimina
  17. Secondo me sei brava. Magari ti manca un po' di "tecnica e trucchi del mestiere" ma nessuno è ,come si suol dire, nato imparato. Però le tue foto trasmettono qualcosa e fidati è già una gran cosa.
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi manca un po' tutto eh, non so nemmeno tenerla in mano una macchina fotografica! Ma grazie mille <3

      Elimina

Parlo poco. Scrivo molto. Leggo ovunque.
Faccio cose e non vedo gente.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001 concernente i Disclaimer.

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet, pertanto considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
Tutti i testi e le immagini riportanti la firma dell’autrice sono di proprietà della stessa, pertanto non utilizzabili su altri siti web, blog e affini. Se interessati alla riproduzione di qualsivoglia materiale si contatti l’autrice per stabilire consenso e clausole.