10 luglio 2013

Noi saliremo sopra gli alberi e sputeremo in testa a chi si avvicinerà.

La felicità vera è un fatto privato, ho pensato.
Ho imparato che le tenerezze che lui mi riserva sono la parte più bella di questo nostro amore.
E poi ci sono maschi che citano Fabio Volo e spero che qualcuno possa salvarli.
Il guaio è che ho letto troppi libri.
Lui, invece, mi interessa non perché sa più cose di me ma perché sa cose diverse da quelle che so io.

Intanto noi siamo felici.

E farò finta di non ricordarmi della maleducazione e del non rispetto che ogni giorno mi riserva la gente.

Intanto noi siamo felici.

E le piccole gioie mi dicono che saremo felici.

Aspettavo, da mesi, che ripubblicassero questo libro di ricette. Oggi ce l'ho tra le mani. E anche questo ci rende e renderà (!) felici.

Buon Appetito America - Laurel Evans

Share:

45 commenti:

  1. Se voi siete felici, noi siamo felici <3

    RispondiElimina
  2. che cuori de mamma<3
    ovviamente condividerai con noi la tua preziosa sapienza culinaria yankee spero..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente. Da settembre mi metterò a cucinare come non ci fosse domani!

      Elimina
  3. quella tshirt e' da rubare. subito. ora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Presa all'OVS a 5€! C'era solo la XL ma 'sti cazzi, la uso a dormire!

      Elimina
  4. Ma quello è il fabio volo dei ricettari!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha, non ti permetto di parlare male della cucina americana!

      Elimina
    2. Potrei farlo, se ne avessero una.

      Elimina
    3. Pregiudizi, troppi pregiudizi! Ognuno fa quel che può coi mezzi che ha.
      Guarda i francesi: hanno a disposizione di tutto e faranno forse due piatti decenti!

      Elimina
    4. Qualcuno in più.Ma non troppi.
      E i miei non sono pregiudizi, sono solide esperienze.L'unico posto dove ho rischiato di più di morire d'inedia è la Buona Vecchia Inghilterra.
      Mi ha salvato il wisky.

      Elimina
    5. Allora parliamo di opinioni e dei buoni, vecchi gusti personali!
      E di ricordarsi che non è possibile confrontare cucine diversissime tra loro, secondo me :) Ché a me gli assolutismi non piacciono. Non danno spazio.

      Elimina
    6. Jammais Assolutismi, bensì vecchie e care Definizioni.
      Comunque sappi che le merdate iperjunked yanquee la mi piacciono parecchio.Fungono da eccellenti antidepressivi.Hai presente Epic Meal Time? E' uno dei miei programmi preferiti...
      Ma un conto è l'assemblaggio di ingredienti privi di qualsivoglia palato o abbinamento coerente.Un altro è la preparazione e l'accostamento.
      Dunque la base della tradizione culinaria americana del Nord è INGLESE 8la peggio del globo, riconosciuta come tale, grosso apporto tetesko (che fanno giusto i dolci e 2 piatti in croce) e poi ogni parte del globo terracqueo povero ed illetterato frullato insieme dall'ignoranza crassa diffusa.....Direi che il risultato è davanti agli occhi di chiunque.

      Elimina
    7. Eh ma la cucina americana non è solo Epic Meal Time eh! Programma che adoro, tra l'altro. 'sto libro è pieno di zuppe di verdura, passati di cereali e robina sviziosissima. Oltre che di pollo fritto, tacchino ripieno e pumpkin pie, ovviamente! Sai, io non credo che gli abbinamenti siano universalmente coerenti. La prima volta che ho mangiato vietnamita ero perplessa da come si potessero accostare le cose più disparate, eppure, al secondo e terzo assaggio l'insieme ha acquistato senso. Quel che voglio dire è che, secondo me, non ci sono cucine più cucine di altre. Semplicemente ci sono culture alimentari differenti. Più sane o meno. Più varie o meno. Lontane o vicine ai nostri retaggi, abitudini e gusti personali.
      Sarà che in America ci ho vissuto, e parla anche il mio lato affettivo, ma non esistono solo tacos, hamburger e hot dog, per fortuna. Anzi, io penso di mangiarne più qui di quel che ho fatto là!

      Elimina
    8. Mica citavo EMT come esempio di Cucina Americana, ma come esempio della mia lordaggine alimentare! :D
      Ecco: il problema è squisitamente accettivo del termine.La "cucina" vietnamita, salvo un paio di preparazioni, è un accozzaglia priva di criterio di nutrimenti, perchè povera e contaminata da culture mangerecce più antiche ed invasive.Chi può vantare una CUCINA intesa come cultura, ricerca e raffinazione culinaria sono 5 o 6 popoli diversi in tutto il mondo.
      Ah... quante delle cose che hai citato sono effettivamente "Americane"? ;)

      Elimina
    9. Il problema è terminologico, concordo.
      Però tu non puoi pretendere originalità da un popolo che è un'insieme di culture diversissime tra loro. Necessariamente ne deriverà una sub-cultura, o no? E necessariamente questa sub-cultura prenderà materiale non proprio per renderlo proprio. Che possa piacere o meno è un altro discorso. Io considero cucina, nel senso ampio del termine, qualsiasi tradizione culinaria. Poi siamo d'accordo che ci sia cucina alta e cucina che lo è meno, ma non per questo non può far parte della categoria! Per dire: c'è gente che perde la testa per il lampredotto. Io mangerei più volentieri un insetto!

      Elimina
    10. Ecco:quindi Sub-Cucina.

      Esttamente come volo e' sub-lettura.
      Dimostrando la mia tesi iniziale.

      :D Shalom! (Quella ebraica e Yddish,per esempio,pur dovendo rientrare nelle cucine ipercontaminate,avendo alle spalle una cultura della preparazione,e' una cucina a se stante) ;)

      Elimina
    11. No, Volo non è nemmeno sub-letteratura su!
      Anche perché io non dò una valenza negativa alla sub-cucina/meta-cucina.
      Volo è a se stante.

      (E non avevo dubbi riguardo la tua specificazione sulla cucina ebraica!)

      Elimina
    12. -anfatti, se noti NON ho parlato di letteratura,bensi' "lettura".
      Con la cucina...istess! (No :cucina bensi' "preparazione")

      Elimina
  5. perché tu sei felice e innamorata (di un uomo che non lo fa!) e pietosamente speri che qualcuno possa salvare gli uomini che citano Fabio Volo.
    io che non sono infelice ma non sono nemmeno innamorata spero che li finiscano a colpi di bazooka.

    la prossima volta che ci vediamo ricorda di portare baffi e cookies, mi raccomando ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I colpi di bazooka sarebbero senza dubbio una soluzione più rapida e migliore!

      Baffi e dolci a profusione <3

      Elimina
  6. Infatti, per essere felici davvero non c'è bisogno di farlo pesare.
    Bene, bravi, belli voi ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tripudio e gioia!
      Grazie caro.

      Elimina
  7. io voglio ovviamente vedere cosa tirerai fuori da quel libro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente mi trasformerò in una pseudo food blogger per l'occasione!

      Elimina
  8. Bella la felicità.
    Buoni i cookies.
    Però ho un dubbio.
    Quante pagine ha il ricettario?? :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahah, non ho voglia di alzarmi per guardare. Un centinaio direi.
      E ti passerò tutte le ricette!

      Elimina
  9. La felicità vera è un fatto privato: hai scritto una cosa bellissima (che adesso trascrivo sulla mia agenda) :)

    RispondiElimina
  10. la felicità è privata, condivisa può contagiare...
    io ci credo [spero]

    RispondiElimina
  11. quando di fronte alla dolcezza nemmeno il K riesce più a essere cinico, significa solo una cosa: che la fine del mondo dev'essere realmente vicina...

    :-)

    RispondiElimina
  12. Eh no. Al contrario del k io invece sto a rosicà. Perché mai come in questo periodo vorrei essere perlomeno serena, e quindi faccio la figura dell'assetata che trova un bicchiere d'acqua nel deserto quanto leggo cose così. Sto leccando lo schermo.
    E' che ultimamente sono povera di spirito, cado facile nell'invidia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bisogna nutrirsi di tutto. L'invidia non è sempre negativa, deve essere una spinta a (ri)cercare.
      Io ti abbraccio.

      Elimina
  13. Beata te! Angurie pelose ! <3

    RispondiElimina
  14. "Se sei felici tu lo sai batti le mani: clap clap" :) no, ma tu hai preso un libro che ti fa diventare obesa solo a guardarlo: ergo, lo adoro :) è la Bibbia della golosità e dell'ingordigia, e già questo rende ancora più felici :) aspetto foto dei piatti! Molto belli voi, sia da quello che scrivi che dalle foto che posti! Un bacio e "pace, amore e gioia infinita"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahaha, quel libro è il male! Cucinerò e tu saprai!

      Elimina
  15. ADORO questo post e credo che lo stamperò e lo porterò con me in viaggio con la persona che rende felice me, perché hai espresso perfettamente quello che penso/provo senza sdolcinatezze ma con una dolcezza comunque irresistibile (come sempre!).
    "Lui, invece, mi interessa non perché sa più cose di me ma perché sa cose diverse da quelle che so io." oh *w*
    Sì, noi siamo felici!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh ma che bellezza. La cinica te se n'è andata! <3

      Elimina

Parlo poco. Scrivo molto. Leggo ovunque.
Faccio cose e non vedo gente.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001 concernente i Disclaimer.

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet, pertanto considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
Tutti i testi e le immagini riportanti la firma dell’autrice sono di proprietà della stessa, pertanto non utilizzabili su altri siti web, blog e affini. Se interessati alla riproduzione di qualsivoglia materiale si contatti l’autrice per stabilire consenso e clausole.