16 novembre 2013

11 domande

Mi piacciono i tag. Non mi fanno fare fatica. Ci sono delle domande, io rispondo. Tutto rimane bello bello ordinato, su dei binari e non devo nemmeno pensare troppo. Lasciare libero il pensiero non è sempre positivo e un po' di sano controllo e gestione della propria mente aiuta a non farsi mangiare.
Sophia, del blog The cup of fruits, mi ha inserita nell'elenco dei/delle blogger a cui rivolgere alcune domande. Il tag è il sempreverde The Liebster Award ma non fa mai male rifarlo.

Per cui veniamo a noi:

1. Qual è l'ora del giorno che più preferisci?

Sceglierne una è difficile. Potrei dire, per aggirare l'ostacolo, che mi piace l'ora estrema, l'ora che sta all'inizio della giornata e quella che sta alla fine. Mi piace l'alba, mi piace il mattino presto quando tutto è silenzio e la maggior parte delle persone ancora dorme. Mi sembra inesplorato, mi sembra qualcosa di così meraviglioso, quasi un regalo, un privilegio che è dato solo a me e che tantissimi si stanno perdendo. E mi piace quando cala il sole, qualsiasi ora sia. Mi piace il passaggio dalla luce al buio. Mi piace come cambiano le prospettive. Mi piace come sento il bisogno di trovare un luogo in cui stare.

Alba a Marie Galante, Guadalupe, Mar dei Caraibi

2. Come prendi il caffè e quanti ne bevi in una giornata?

Io non sono una grandissima amante del caffè. Se lo prendo lo prendo generalmente americano e una volta al giorno. La mattina, però, nell'ultimo anno ho cominciato a bere una tazza di caffè al ginseng e più recentemente ho avuto l'ardire di farmi il cappuccino. In queste ultime settimane lo bevo con l'aggiunta di un coffee mate alla zucca+cannella comprato il quel gran paese famoso per inventare cibo fortemente nocivo che sono gli Stati Uniti.


3. Sei facilmente influenzabile da chi ti circonda?

Non mi definirei influenzabile ma, certamente, tengo in grandissima considerazione l'opinione di chi ho intorno e son sempre ben disposta a cambiare idea. Mi piace molto confrontarmi con punti di vista diversi dai miei per, magari, scoprire una visione del mondo che non avevo mai considerato e che era sempre stata lì a portata di mano. Cambio idea molto spesso su certi argomenti fino a che non ne ho una conoscenza talmente adeguata da potermi permettere un'idea mia ben strutturata.

4. Possiedi un paio di anfibi o sei una vera donzella in rosa?

Possiedo una sorta di anfibi. Non sono di pelle, ma sono pseudo scamosciati, grigi, col pelo dentro. Non da donzella in rosa ma forse un po' più da donnina. Sempre se vogliamo considerare gli anfibi roba non femminile, cosa che per me non appartiene al vero.

5. Qual è la notizia di cronaca che più ti ha sconvolta nella tua vita?

Non so se possiamo parlare di sconvolgimento ma sicuramente quella che più ha avuto effetto su di me è stato l'11 settembre del 2001, perché mi trovavo negli Stati Uniti proprio la mattina dell'attacco. La cosa ha avuto - dentro di me - una eco molto forte e prolungata e ancora oggi, nonostante io mi sia trovata in prima persona in notizie di cronaca (vedi Genova e Carlo Giuliani), riesce ancora ad avere una certa influenza sul mio sentire.

6. Preferisci patire il caldo o soffrire il freddo?

Soffrire il freddo tutta la vita. Il freddo è amore. Il caldo è bello solo perché posso fare la figa, stare in shorts e mostrare i miei tatuaggi. Ma il freddo ha qualcosa di poetico che il caldo si scorda. Il caldo è chiassoso, esuberante e sfacciato. Il freddo è riflessivo e silenzioso.
E poi posso indossare le mie calze scacciacazzi. Le amo.


7. Qual è la tua più grande paura?

L'inconsapevolezza di come affronterò la perdita di chi amo. E non sapere come fare mi getta nel panico.

8. Qual è la cosa più strana che hai mai assaggiato?

Non lo so! Forse i frutti dell'albero del pane o il lampredotto. Anche se non li definirei strani ma solo inusuali per me.

9. Qual è il tuo thriller preferito?

Non lo so. Nel senso che sia di libri sia di film finirei per fornire troppi titoli senza rispondere nel modo corretto alla domanda e mi sentirei 'na merda. Per cui facciamo che sono cazzacci miei e non ve lo dico!

10. Quale parolaccia eviti di dire perché troppo volgare?

Non dico molte parolacce, ne uso 3/4 ma le uso spesso. Ce ne sono alcune però, come tutti gli epiteti verso le donne e quelle che coinvolgono le mamme che non mi piacciono. Mi imbarazzano e penso siano troppo. Così come la bestemmia. Non nascondo che ogni tanto mi scappa, ma più come intercalare. Il "deeeeoboooo" romagnolo che ho acquisito in questi anni è più un esclamazione di stupore che altro. Per dire.

11. Qual è il vostro personaggio/film/fumetto/libro preferito? È la vostra fonte di ispirazione?

Anche qui non ve lo dico, perché non so scegliere. Ma la mia ispirazione non la prendo tanto lontano. Chi ho intorno è la mia ispirazione e il mio modello. Nel bene o nel male.

Fine.
Al solito, siccome sono un'ammazza feste, non taggo nessuno e vivo nel mio solipsismo.

Sono molto brava ad entrare nella parte.




Share:

29 commenti:

  1. Il freddo <3 e quelle calze sono bellissime!
    E niente. Forse non lo sai ma tu mi trasmetti una calma che boh...manco Gandhi.
    <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi hai detto una cosa bellissima, grazie. Io, dentro, sono abbastanza incasinata ma cerco di dominarmi e di essere il più tranquilla possibile perché è bello, fa bene e si sta bene.

      E le calze, sì <3

      Elimina
  2. COS'E' QUELLA ROBA ALLA ZUCCA E CANNELLA. Ma dio.
    Le inventano tutte cazzo.
    Devo andare in America.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No ma hai visto? Comunque è 'sta polvere sospetta che dona al tuo caffé un bell'aroma forte e un leggerissimo retrogusto di cannella+zucca. Esistono anche alla vaniglia al caramello e tipo a qualsiasi gusto tu voglia.
      Quanti anni di vita mi stia togliendo, però, non so dirtelo.

      Elimina
  3. Risposte
    1. Grazie!
      Guarda anche per un'impedita come me era impossibile fare una foto brutta in un posto del genere.

      Elimina
  4. In effetti 'sti americani c'hanno na fantasia! Comunque anche io freddo tutta la vita. Il caldo è sudore e puzzo.
    Purtroppo nessuno sa come fare quando si perde una persona amata, e soprattutto non si sa come comportarsi. Succede e basta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so. Hai ragione. E, infatti, cerco di non ossessionarmi con certi pensieri. Già sono ansiosa se ci mettiamo anche questo è la fine.
      E guarda, per una volta son felice di abitare al nord! Parlando del clima!

      Elimina
  5. LOL, caffé alla zucca?? OO

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh. Anche questo sì. Questo e altro!

      Elimina
    2. Un bel reportage su queste cose zozze&fighe lo farai??

      Moz-

      Elimina
    3. Oddio, potrebbe essere un'idea! Non ci avevo pensato. Grazie *_*

      Elimina
    4. LO VOGLIO PURE IO! (il reportage)

      Elimina
  6. ...che ammazzafeste sei...
    io l'avrei fatto così volentieri...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so, guarda. Io sono quella che quando arriva ad una festa - quando ci vado eh - tutti evitano ahaha!
      Comunque sentiti libera di rubare e spacciare, Pata bella <3

      Elimina
  7. sapevo che le tue risposte non avrebbero tradito le mie domande ( si va bè mi son capita solo io ). Aprezzo ogni tua singola parola e pensiero, l'ora del giorno, il freddo e il momento del giudizio universale, la prova del 9: le donzelle rosa sono uno dei tanti modi di essere femminili, quanto piangere, quanta emozione nella tua risposta n.4!! Ecco, ora vado, perchè oggi sono facilmente emotiva! Grazie per aver risposto! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahaha, lacrime su lacrime. Facciamolo capire che non esiste solo Cenerentola. E che cazzo!

      Elimina
  8. Bellissimo aver letto queste risposte, fanno conoscere qualcosa di te... Poi sto ancora ridendo per le calze scacciacazzi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quelle calze sono amore, lo so!
      E grazie, alla fine queste domande così mirate permettono anche a me di conoscermi meglio, di ragionare su piccolezze a cui, di solito, non si bada.

      Elimina
  9. ma le feste bisogna un po' ammazzarle ...(gli ammazzafeste servono come il pane sul lampredotto)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu capisci! (Eh pane e lampredotto <3)

      Elimina
  10. io mi sarei bloccata alla prima domanda: qual'è l'ora del giorno che preferisci????
    bel post, mi piace quando qualcuno che seguo svela un po di se...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ci ho dovuto pensare eh. Sembrano sciocchezze ma non ci si sofferma mai tanto a pensarci.

      Elimina
  11. ooooo le calze scacciacazzi *.*

    RispondiElimina
  12. Ciao, sono una gnu entri e mi trovi qui perchè m'è piaciuto il mannaggiacristobubù che ho appena letto sul wannabe figa's :°D (le persone che imprecano in modo creativo mi stanno simpatiche immediatamente)(sì, motivazione idiota ma è la verità e ci tenevo a dirtela).

    Condivido in pieno la teoria del tag = cervello in coma. Io non li faccio perchè nessuno mi caga, mica perchè non mi piace farli.
    Mi trovi d'accordo pure sul silenzio dell'alba e sul freddo poetico.

    Ora scusami, vado un attimo a comprare un vagone di calze scacciacazzi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahaha, ecco fine, boom. Ti adoro già.

      Elimina
  13. mi sono piaciute molto le tue risposte =)
    se ti va passa a trovarmi: viviconvivi.blogspot.it

    RispondiElimina

Parlo poco. Scrivo molto. Leggo ovunque.
Faccio cose e non vedo gente.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001 concernente i Disclaimer.

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet, pertanto considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
Tutti i testi e le immagini riportanti la firma dell’autrice sono di proprietà della stessa, pertanto non utilizzabili su altri siti web, blog e affini. Se interessati alla riproduzione di qualsivoglia materiale si contatti l’autrice per stabilire consenso e clausole.