18 novembre 2013

Il futuro è una trappola

Ci sono delle volte in cui mi guardo indietro e penso che mi amavi di più.
Poi fai qualcosa o dici qualcosa e capisco quanto mi ami. Solo in modo diverso. Più adulto e radicato. Con meno enfasi e con più radici.
Ci sono delle volte in cui guardo e basta.
Ci sono delle volte in cui mi sento ingrata.
Ci sono delle volte in cui mi manca l'amore adolescente.
Ci sono delle volte in cui la tua concretezza la vorrei barattare con due minuti di follia.
Sono solo delle volte. Rare volte.
Però ci sono. E mi viene un po' da piangere. E ti vorrei scuotere. E ti vorrei chiedere se te la ricordi la tovaglia viola. Io vivo tutto con la pancia. Tu vivi con la testa e le mani e gli occhi.
Ci sono giorni in cui mi arrabbio. E non ti dico niente. È una rabbia mia, antica. Una rabbia insicura.
Ci sono giorni in cui sono triste. La tua concretezza è anche un'arma a doppio taglio e non riesci ad uscire dalla tua testa, a trovare la strada che ti porti fuori dal labirinto che ti si è creato attorno.
E allora ci sono giorni in cui io sono triste perché non riesco a essere più forte della tua testa.
E vivo di scampoli.
Ci sono giorni in cui sorridi e riesci ad essere felice per ciò che sei e hai.
Ci sono giorni in cui ho il mio posto nel mondo con te.
Ci sono giorni.
Tutti i giorni, però, ti amo.


Share:

35 commenti:

  1. Che dolcezza Mareva... Vivere di scampoli, hai proprio ragione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già.
      Fin quando, però, con quegli scampoli si riesce a cucire un vestito di quelli belli, allora, va bene così.

      Elimina
  2. ...cara la mia compaesana come ti capisco...
    io pure ogni tanto guardo Brivido e vedo che mi da per scontata, che ormai vive il nostro amore con naturalezza tale da sembrare già affetto e basta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E da una parte è stupendo e dall'altra, a volte, siamo incontentabili.

      Elimina
    2. No: è che siete metereopatiche! ;P E con questa incipienza d'inverno pluvico è tutto più automatico.

      Elimina
    3. Ahahahaha, ma io adoro l'inverno! Come la mettiamo?

      Elimina
    4. Tra il gradimento ed il gradiente ambientale, c'è un mare di differenza! E poi si vede lontano un miglio perchè tu ami l'inverno! Ti piace sentire certe note del tuo essere...lo gridi ai quattro venti! :D

      Elimina
  3. è un uomo fortunato.
    e sembra meritarsela tutta, questa fortuna

    <3

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahaha... mi sono confusa e ho commentato qua una cosa che dovevo scrivere al k.
      Questo perchè devo fare 3 cose contemporaneamente.
      Comunque.
      E' vero, sono sempre loro: giorni.
      Giorni in cui vorresti spaccare il mondo. Giorni che vorresti solo piangere. Giorni che non sai più nulla, neanche il tuo nome. Giorni che ... hanno un sempre un che.
      Ma che tu lo ami lo sappiamo. Si vedono i tuoi occhi a cuoricini da questo post :)

      Elimina
    2. Mi è arrivato via mail, comunque ahahahahaha!
      Vedi perché, anche se sembra folle, ti voglio bene? Mi fai ridere!

      Elimina
  5. Tra la pancia e la testa ci sta il cuore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La famosa, auspicabile via di mezzo.

      Elimina
  6. Bellissima dedica d'amore :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'amore c'è, non c'è dubbio.

      Elimina
  7. L'amore, con le sue sfumature, i suoi alti e bassi...
    Una dedica dolce e forte, appassionata ed indipendente. È così che dovrebbe essere l'amore sempre...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma io non lo voglio come nei romanzi, mannaggia!

      Elimina
  8. Ogni tua parola trasuda amore. Cosa volere di più? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà perché non (ci si) basta mai.

      Elimina
  9. Oh, come ti capisco, sai?
    Che ce li avevo anch'io, questi pensieri.
    Che poi li ho persi, chissà come.
    Che adesso, sono felice.
    Che non m'importa niente se non "mi ama con la pancia". Perché mi ama, ed io lo so.
    E questo, adesso, mi basta.
    E tu sei dolce. Tanto. E lui è fortunato. Tanto. E tu? Tu anche.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono ancora nella fase "un po' di pancia, ogni tanto, quando capita" la voglio. Perché c'era, poca discreta e giusta ma s'è persa chissà dove.
      Però, alla fine, se analizzo c'è un casino d'amore e allora mi sento fortunata.

      Elimina
  10. Ci sono persone che non hanno mai amato così. Siete fortunati ad avervi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nonostante tutto, nonostante, sì. Molto.

      Elimina
  11. La famosa storia delle donne che hanno il cervello rotondo e gli uomini quadrato. Ci mancano, quegli spigoli, e volte facciamo proprio fatica a capire come ragionino loro, in quelle linee rette che si congiungono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già. A volte è crudelissima questa cosa.

      Elimina
    2. Sì, stavo pensando alla stessa cosa, i maschi colle linee rette e voi femmine colle linee curve.

      Elimina
  12. Wow questo post trasuda amore!

    Ho letto un po’ dei tuoi post, e sei veramente una persona originale, fuori dagli schemi. Mi hai trasmesso un senso di tranquillità! Sei molto riflessiva, ma mai noiosa.
    Ciao! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanti complimenti e davvero bellissimo. Ti ringrazio molto!

      Elimina
    2. Prego!
      Mi sono venuti fuori spontaneamente, non sono un'abusatrice di complimenti, anzi... li faccio solo quando ci credo davvero!

      Elimina
  13. mamma mia ragazza, quanto capisco le tue parole...la mia cazzona metà sa che ogni tanto ho questi trip e ogni volta gli leggo in faccia l'espressione del "senza speranza che tu possa cambiare un giorno"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahaha!
      A volte, poverini, sembrano i cani quando guardano il loro padrone e sanno che non c'è speranza: se lo devono tenere così com'è.

      Elimina
  14. Ah, l'amour! Bellissimo post e bellissimi voi, questo post è meglio di qualsiasi fotografia! Un bacio

    RispondiElimina

Parlo poco. Scrivo molto. Leggo ovunque.
Faccio cose e non vedo gente.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001 concernente i Disclaimer.

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet, pertanto considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
Tutti i testi e le immagini riportanti la firma dell’autrice sono di proprietà della stessa, pertanto non utilizzabili su altri siti web, blog e affini. Se interessati alla riproduzione di qualsivoglia materiale si contatti l’autrice per stabilire consenso e clausole.