30 gennaio 2014

Listography # 5: your biggest fears

The Life In A Year

Okay. Si parla di paure. Io sono una cagasotto a tutti gli effetti. Non lo ero, un tempo, o meglio avevo le normali paure che si hanno nell'infanzia: i mostri, però si esaurivano qui.
Ora no. Ora dei mostri non ho più paura. Ma preferirei averla!


Your biggest fears

● L'altezza.
Questa è una paura nuova di zecca che mi è sbucata fuori da un paio d'anni forse. Non mi ha mai fatto impressione l'essere in alto, mai. Ricordo, ad esempio, alle medie l'allegria con cui guardavo il panorama di Firenze dalla Cupola del Duomo, senza batter ciglio. O la prima volta che a Los Angeles sono salita sull'ascensore esterno del Bonaventura Hotel con un senso di esaltazione e di onnipotenza che non penso avrò più. Lo scorso ottobre, per dire, mi cagavo addosso su quello stesso diabolico marchingegno. Ho paura ad affacciarmi ai balconi e il momento peggiore delle montagne russe, ora, è la salita.
● Gli spazi stretti e chiusi.
Il mio più grande terrore è quello di venir sepolta viva. Stile Beatrix Kiddo in Kill Bill. Solo che io non sono così fica da liberarmi. Mi viene l'ansia quando nei film c'è gente che si infila tra rocce o in grotte minuscole. Mi fanno perfino un po' paura gli scivoli d'acqua chiusi. Vi lascio quindi immaginare quando anni fa l'ascensore del palazzo di Milano dove vivevo s'è bloccato tra un piano e l'altro - e si vedeva il MURO! - con a bordo me e il mio coinquilino. Ho sfiorato l'isteria. E ho quasi allagato tutto con le lacrime.
● Il futuro.
IO SONO COMPLETAMENTE TERRORIZZATA DAL FUTURO. Ma non dall'inaspettato, quanto più dal lavoro che non c'è come vorrei e che mi fa porre duecentomila domande ogni giorno su quel che potrò e dovrò fare. Spero, però, sia una paura passeggera.
●Guidare.
Non so perché. Ho preso la patente tardi (27 anni) e ho guidato subito dopo. Ho anche guidato in Canada facendo la figa col SUV. Poi ho lasciato passare troppi mesi senza farlo e ora mi viene un'angoscia tremenda. Lui tenta ogni tanto di farmi guidare. Con scarsi risultati.
● Il terremoto.
Paura che, finalmente, riesco a controllare un minimo ma che, comunque, fa parte delle mie big fears. Ogni tanto, prima di addormentarmi, ci penso. Ché il terremoto è infido e colpisce quando si è distratti.
● La morte di mia mamma, babbo, fratello e di Lui.
Lo so. Sono allegra. Ma non c'è nulla che più mi mandi in angoscia di questo pensiero. O di una di queste persone che non mi risponde al cellulare.
● Incidenti. Violenze. Uomini cattivi.
Tutto nel calderone. Insomma qualsiasi roba che minacci la mia incolumità. O quella di chi ho intorno.
● Gli orsi.
Li sogno spesso. Io che cammino e di colpo, all'orizzonte, uno di loro appare.

Direi che ci siamo. Poi ci sono tante cose che mi fanno schifo eh, però direi che la mia paura si può sintetizzare nel concetto di pericolo imminente.
Una sola paura che contiene tutto il mondo!



Share:

35 commenti:

  1. Il terremoto fa paura, ma io dopo l'esperienza del 2009 so che almeno sarei più rilassato per il "dopo", ossia in quel frangente stronzo in cui si muovono sciacalli, persone terrorizzate, isterie collettive, voci e urla di previsioni assurde, ecc ecc...

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia zona è mediamente sismica per cui ne ho sentiti parecchi nel corso degli anni. Per fortuna tutte scosse senza danni per cui non c'è mai stato un "dopo" di cui preoccuparsi.

      Elimina
  2. Madonna la paura del futuro e del lavoro che non c'è. Che angoscia. E come ti capisco. Anche per il guidare, e lo sai. Consoliamoci pensando che nemmeno De André guidava pur avendo la patente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahaha, va be', magari non lo sappiamo e in futuro saremo come lui <3

      Elimina
    2. Io in futuro sarò solo una blogger sfigata che non guida manco un triciclo. Altro che De Andrè.

      Elimina
  3. Quando ci fu il terremoto a San Giuliano di Puglia (io ero al liceo) inziai a prendere l'abitudine di mettere gli occhiali sotto il letto, per tenerli subito a portata di mano. Sai com'è, hai voglia di figgire: se sei orba muori inciampando al primo gradino.
    E poi qui a Napoli non siamo in ottimi rapporti con la crosta terrestre e i suoi movimenti.

    Questa cosa degli occhiali sotto il letto è durata anni e l'avevo abbandonata quando ci fu il terremoto a L'Aquila e in casa i mobili ballavano il tango. E allora l'ho ripresa e non la abbandono più, mi sa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il periodo in cui ho vissuto a SF - e non ho mai sentito un terremoto! - in camera avevo un kit di sopravvivenza il cui contenuto è deciso dal Comune. Coperte, acqua, torcia, barrette proteiche e via dicendo. Ogni volta che mi ci cadeva sopra lo sguardo partiva l'angoscia. Dormivo sempre con le scarpe ai piedi del letto.
      Ciò che davvero mi spaventa è farmi trovare impreparata per cui capisco appieno la storia degli occhiali.

      Elimina
    2. Sai com'è, hai voglia di figgire: se sei orba muori inciampando al primo gradino

      AHAHAHAHAHAHAHAHAAH STO MORENDO!
      Anche io sono orba. Mica miope, ciecata, vedente molto poco. Orba. Perchè dire che sono orba mi fa ridere da sola come una cretina. Rido interi quarti d'ora.
      E comunque è vero, cazzo. Devo nascondere gli occhiali sotto il letto, cazzo. Ma sotto il mio letto c'è un mobile. Cazzo.

      Elimina
  4. io alla paura degli spazi stretti non ci avevo mai badato, ma è un po' di tempo che faccio incubi in cui resto incastrata in buchi nei muri o porte piccolissime.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nemmeno io ci avevo mai fatto caso. Me ne sono accorta anni fa quando, durante la scena di un film, dovevo distogliere lo sguardo pena crisi isterica!

      Elimina
  5. La paura di violenze la condivido pienamente. Ho quasi paura di uscire con i tacchi alti.
    Per la guida puoi unirti al partito di Moz (nel mio caso sono GLI ALTRI che hanno paura di farmi guidare) :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho paura di essere pedinata. Mi ci angoscio spesso. Indipendentemente da dove sono.
      Che vita di merda!

      Elimina
  6. Io ho paura degli spazi stretti, ma soprattutto di restarci incastrato. Anche togliere una maglia che fa fatica ad uscire mi agita. Aiuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma povero. Io non sono al punto di andare in panico per la maglietta o che so, per andare sotto il letto per fortuna, ma mi fanno molta paura spazi chiusi dai quali so di non poter uscire, che possono bloccarsi o bloccarmi.

      Elimina
  7. Anche io ho paura di guidare, è l'ansia!
    Gli incroci sono la parte piú tremenda, anche perché nella mia città frecce, precedenze, freni è tutto un optional!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma in quanti siamo con 'sta paura? Ahahaha e io pensavo di essere l'unica sfigata!

      Elimina
  8. condivido la paura della morte dei cari, futuro e spazi chiusi!!!!!!!! sogno di passare da un buco sottilissimo e trattengo ilfiato nel sonno -.-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io faccio un sogno simile: il dover scendere da uno scivolo che prevede il passaggio in uno spazio sottilissimo.

      Elimina
  9. Futuro = angoscia selvaggia.

    RispondiElimina
  10. l'altezza è forse la mia paura più grande. anzi, la più alta :)

    RispondiElimina
  11. Quando c'è stato il terremoto nel 2001 ( se non ricordo male) mi sono presa di una paura incredibile. Volevo dormire con i miei e con la luce accesa. Poi (DOPO MESI) è passata. Durante l'ultima scossa forte (ma non come quella, che tra l'altro venne di notte -come sempre- ) siccome era mattina, tipo le 8.15, pensai che mia sorella avesse aperto la finestra e il vento mi facesse traballare il letto (si vede che ero rincoglionita di sonno, eh?). Mia sorella si alzò dicendo di scatto: "Cri, il terremoto!" Mi sollevai pigramente la testa, appena finì, tornai a dormire. Era tranquillissima. E questa cosa non l'ho ancora capita (cacasotto come sono).
    Anch'io ho paura del futuro. A volte anche del presente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me è successa la stessa cosa quando c'è stato il terremoto in Emilia nel 2012. Io ero da lui. Ci siamo svegliati la notte, ci siamo guardati e ci siamo rimessi a dormire. Bah!

      Elimina
  12. L'altezza è venuta recentemente anche a me come paura °_° e non so come mai °_°

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse non abbiamo più cinque anni e non siamo più convinte di essere supereroi!

      Elimina
  13. Giuro, la cosa dell'altezza m'ha scosso perchè, in alcune situazioni, l'ho avuta anche io o.O
    Cioè, in aereo per nulla, ma dal balcone di una casa al quinto piano si o.O Non ha molto senso!
    Per il terremoto...beh,io vivo alle falde dell'Etna, ormai non mi fa più nè caldo nè freddo xD Più che altro penso "e se parte mentre sono sotto la doccia/sul wc/ mentre faccio sesso?" prendendomi d'ansia anche se, una volta, è successo proprio nell'ultimo caso (il sesso) xD E a casa c'erano pure i miei, sia messo a verbale!
    Per quanto riguarda tutto il resto, levando il guidare e gli orsi, sai già come la penso :D Ho le stesse paure-non paure da ansiosa :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu e il terremoto, ormai, siete best-firiend. Certo che durante il sesso potrebbe aggiungere quel tocco di non so che!

      E, comunque, il mondo è ancora in piedi grazie a noi ansiose!

      Elimina
    2. Mah, di aggiungere un poco di movimento lo aggiunge....ma non con mia madre in sottofondo che ci chiama urlando "il terremotooooooooo!!!!!!! usciamooooooooooooooooooooo" :D

      Elimina
  14. IO SONO COMPLETAMENTE TERRORIZZATA DAL FUTURO.

    dimmi chi non lo è? :c
    poi la morte dei propri cari è un must.
    tanti abbracci.

    io tifo per lo YT. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E..il tamarro,mai voluto qualcosa con lui. nevvà.

      Elimina
    2. Sospiro di sollievo per il tamarro. C'è tanta bella gente in giro, meglio non impegnarsi con qualcuno che potremmo aggiungere all'elenco delle nostre paure!

      Elimina
  15. Sapere che anche te, donna forte e decisa, hai paura di guidare mi rassicura tantissimissimissimo, davvero. Anche io ho lasciato passare troppo tempo (un anno e mezzo) e ora sono terrorizzata dal rimettermi al volante...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che cagasotto che siamo tutte! <3

      Elimina
  16. uuuh, il terremoto è il terrore, due anni fa quando ci sveglio di notte io pensavo di morire! Comunque, l'essere sepolte vive, una delle paure più popolari fra noi! :S un bacio <3

    RispondiElimina

Parlo poco. Scrivo molto. Leggo ovunque.
Faccio cose e non vedo gente.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001 concernente i Disclaimer.

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet, pertanto considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
Tutti i testi e le immagini riportanti la firma dell’autrice sono di proprietà della stessa, pertanto non utilizzabili su altri siti web, blog e affini. Se interessati alla riproduzione di qualsivoglia materiale si contatti l’autrice per stabilire consenso e clausole.