27 febbraio 2014

Listography # 9 - Your biggest pet peeves

The Life In A Year

Premessa: io sono una persona parecchio intollerante. Mi danno fastidio un sacco di cose, persone e pensieri. Ma non rompo il cazzo. Rosico nel silenzio e inveisco nella mente. E sempre la persona più pacifica del mondo perché, comunque, agisco come tale. Sono pochissime le persone che mi vedono in modalità odio furentissimo. Le conto su una mano.

Your biggest pet peeves


● Quando le cose non vanno come dico io. Ci sono ritardi, imprevisti o semplicemente la realtà non collabora con le mie aspettative e la mia immaginazione. Ecco, io mi irrito, forte. Poi faccio un respiro e mi dico che Buddha non sarebbe fiero di me e cerco di trovare l'equilibrio.
● I bambini che disturbano in luoghi pubblici: ristoranti, treni, aerei, negozi. Ma non dico la normale e sana allegria dei fanciulli, ma i capricci, i vizi, le urla, l'essere posseduti dal demonio. Il disturbare continuo e preciso e insistente.
● I rumori insistenti quando dormo: una goccia. Un orologio. Il battito del mio cuore nelle orecchie. Il russare. Quei rumori così infidi a cui presti attenzione maniacale o provi a ignorare senza riuscirci e incazzandoti ancora di più.
● Le persone che si lamentano sempre e hanno un'opinione granitica su tutto e quindi solo loro sanno come si vive. Ciao.
● Quando mi si sbecca lo smalto dieci minuti dopo averlo messo.
● Chi al posto di parlare urla.
● I maleducati.
● Chi dà opinioni non richieste, non conoscendomi con un commento così, lanciato lì, incrociandomi in strada o al supermercato o dove dio vuole.
● I miei genitori. Sembra brutto detto così. Io stravedo per loro ma sono anche le uniche persone in grado di farmi saltare i nervi con una facilità estrema.
Share:

29 commenti:

  1. A me danno fastidio i rumori insistenti anche da sveglio. La goccia di acqua da esempio la sento scavare nel cervello! Io non so se ti capita ma dalle mie parti trovi spesso bimbi, nei supermercati soprattutto, che per fare i capricci iniziano a buttarsi per terra, strofinarsi, rotolarsi sul pavimento e frignare. Io in quel momento potrei prendere loro e i loro genitori e farli a pezzi con una cesoia del reparto giardinaggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Succede anche quassù. Certe sceneggiate da brividi. Bambini che sembrano posseduti e genitori inermi, incapaci di ristabilire l'ordine. Smettiamo di riprodurci!

      Elimina
  2. I bambini viziati li odio anche io. Amo invece il casino giusto che possono fare, ma quando si tratta di casino dettato dall'essere viziati e scostumati allora prenderei bambino e genitori e li frullerei dentro al Moulinex.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai poi che belle polpette ne escono?!

      Elimina
  3. I-bambini. Quanto-li-odio. Se ne vedo uno in un raggio di cinque metri entro in modalità evitalo-o-morirai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahaha, il mondo per te è davvero un posto pericoloso!

      Elimina
  4. la prima cosa che ho fatto quando mi sono trasferita è stata togliere le pile a tutti gli orologi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché sei saggia. Solo roba digitale, grazie. A noi il vintage non piace!

      Elimina
  5. Ahahah mamma mia LO SMALTO, come ho potuto dimenticarlo.
    E condivido anche tutto il resto, of course...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo smalto è il male. Crudele e vendicativo.

      Elimina
  6. Lo smalto che si sbecca idem!
    E chi urla quoto troppissimo! Mi son dimenticata di scrivercelo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono così tante cose da odiare <3

      Elimina
  7. E il trapano del vicino la domenica mattina? Il flauto del ragazzino del piano di sopra che si esercita ogni giorno senza risultati? Gli orologi che tictaccheggiano fuori sincro?
    Io per queste cose esco fuori di testa anche da sveglia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il trapano o qualsiasi movimento dei vicini troppo presto la mattina è da denuncia. Riguardo il flauto... io ho suonato il pianoforte per anni quindi taccio. Non so cosa dicevano i vicini!

      Elimina
  8. I rumori ripetuti, gli orologi, i grilli, le cicale... già sai, vero?
    E i piccoli anticristi, pure.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quei piccoli esseri demoniaci delle cicale!

      Elimina
  9. I bambini indemoniati, aiuto.
    E concordo, anche mia madre per quanto le voglio bene sa farmi partire il cristo.

    RispondiElimina
  10. chi non mi ascolta quando gli parlo
    chi si ostina a parlarmi quando non ascolto.
    ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Soprattutto la seconda. Ma mi volete lasciare nella mia solitudine?!

      Elimina
  11. quoto tutto, avrei potuto scrivere io riga per riga (tranne l'ultima!)
    per lo smalto, io ho smesso di metterlo dal nervoso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho ancora una guerra aperta con lo smalto. Ne voglio uscire vincitrice. Mi tempra questa cosa, lo so!

      Elimina
  12. I rumori insistenti quando si dorme e i bambini odiosi sono la MORTE! capisco gli scazzi! <3

    RispondiElimina
  13. Condivido tutto... ma proprio tutto...
    Però sono un po' delusa dalla superficialità del quinto punto: dolcezza, fatti le unghie con il gel!!! Avrai i capelli in disordine, delle cose verdi tra i denti, le ascelle importanti, i vestiti spiegazzati ma le mani saranno perfette...
    Coraggio... a cosa servono i tatuaggi sulle tette se le mani che slacciano il reggiseno non sono curate?!?
    ;-)
    Elena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahaha! Tu sei il mio nuovo modello di vita! <3

      Elimina
    2. Grazie! Pochi dettagli ma essenziali!!! Quando avrai il gel, ricordati di gesticolare tantissimo mentre parli così da distogliere l'attenzione da eventuali baffetti importanti o capelli unticci... ah... e il profumo... sempre profumata e con le unghie ingellate! È la base!!! Ti garantiscono tranquillità estetica per parecchio tempo...

      Elimina

Parlo poco. Scrivo molto. Leggo ovunque.
Faccio cose e non vedo gente.

Il passato è una terra straniera

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001 concernente i Disclaimer.

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet, pertanto considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
Tutti i testi e le immagini riportanti la firma dell’autrice sono di proprietà della stessa, pertanto non utilizzabili su altri siti web, blog e affini. Se interessati alla riproduzione di qualsivoglia materiale si contatti l’autrice per stabilire consenso e clausole.