17 febbraio 2014

Non ho molto da raccontare

Non ho mai molto da raccontare.
Sono morta quando avevo undici anni. E poi ventiquattro. E morirò se sarai così folle da lasciarmi.
E poi ci sono le cicatrici. Ma anche quelle non è che raccontano molto. Sono silenziose.
E poi ci sono i baci sulle palpebre. Le pulsazioni. Le dita che fanno le fusa. I denti nei sorrisi. Le ossa nei polsi.
E poi ci sono gli imbecilli imbellettati che pensano di esercitare un qualche fascino sbrodolando successi monetari o alcolici. Ma fanno solo ridere. E li lascio lì, al bancone, senza spiegazione se non un mio scusa mi stai annoiando.
E poi ci sono i suoni della luna e il vento che ci fa stringere.
Le bugie che si rivelano nell'abbozzo di imbarazzo. E mi fanno sorridere. Le bugie infantili vanno curate e cullate e abbracciate.
Ci sono gli spettri.
E l'umidità delle lingue. Le braccia che allargano cosce. Le mani che allargano labbra.
Le bocche che ingoiano desideri.
Ci sono i cassetti pieni. E i sogni sparsi. I sogni ovunque. 
C'è il nero.
E le ali degli angeli rinascimentali. Le luci teatrali del Merisi. Le scenografie della natura.
Il tuo collo tiepido.
La scorrettezza di questo cuore. L'infedeltà di questa mente. L'intensità della parola.
Quelle cose lì.
Con te. Sempre tutto. Sempre quelle cose lì.
Sempre l'amore.


Share:

34 commenti:

  1. Ho paura di commentare perché quello che leggo tra le righe mi spaventa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi commentare come vuoi. E tra le righe ognuno legge quel che si adatta meglio a se stesso.
      Io riflettevo, su quanto c'è, su quanto l'amore sia un casino, su quanto i sentimenti lo siano.

      Elimina
  2. Le tante facce dell'amore. Capace di ucciderti e di farti rinascere, magari con ali nere :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E il mio Moz che coglie appieno il senso del post! Mille applausi.
      Ché siamo imperfetti ed è bello così.

      Elimina
  3. C'è tanto dolore, tra le parole d'amore di queste righe.
    Tenetevi stretti, e amatevi, tanto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non volevo passasse dolore. Perché non ce n'è, sai? Perché amo i contrasti dell'amore. Amo come mi fa sentire Lui. Ché le nostre menti sono imperfette e i nostri cuori infedeli e non sarà mai come nei film. Sarà meglio.

      Elimina
  4. "il vento che ci fa stringere" spettacolo! ;))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!
      Sarà anche un bell'accostamento di parole ma questo week-end, davvero il vento ci faceva stringere fitti fitti!

      Elimina
    2. ..eh eh.. no, no.. lo pensavo proprio come lo intendevi.. il vento freddo che ti fa accoccolare nella tua metà che diventi tu e lui te ed il vento diventa fossato e voi castello inespugnabile.. ;)

      Elimina
    3. Meraviglia.
      Sia il leggere le parole per ciò che sono, sia l'immagine.

      Elimina
  5. Mareva come fai sempre a tirare fuori queste cose meravigliose?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Boh. Io scrivo, sono loro che sono belle, le parole!
      Grazie!

      Elimina
  6. non avrai molto da raccontare, dici.
    invece io trovo qui l'essenza, il dolore, la pelle, le labbra, l'amore.
    ma c'é forse altro che valga la pena di essere raccontato?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, e forse è anche troppo raccontare questo.

      Elimina
    2. e invece grazie, per averlo fatto.
      che parole come queste, se restano chiuse in petto, non possono arrivare dove invece sanno arrivare.

      Elimina
    3. Che sia un buon viaggio, allora, quello delle parole.

      Elimina
  7. Non hai molto da raccontare , dopo, perché l'essenziale è già qui.
    E mi associo a Cervello: poesia, la tua. Come non mi faceva emozionare da tempo.
    Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, di cuore. Sorrido tanto.

      Elimina
  8. Risposte
    1. Io piango se TU mi dici queste cose.

      Elimina
  9. C'è l'Amore, quello patinato dei film, quello dove non si può mai ammettere che ci sia del grigio. Ma l'amore, quello vero, è una scatola intera di colori, e senza i grigi non potresti mai disegnare il duomo di Milano.
    Il lato oscuro dell'Amore, è quello che fa risaltare ogni altro momento valga la pena di essere vissuto. Le debolezze, quelle che fanno invece risaltare le forze.
    Perchè le ombre non sono al buio, ci sono solo dove c'è luce.
    Certo, potreste pensare che io ora non possa pontificare sull'amore, e forse avete ragione. Però di disegni e di colori un po' di più me ne intendo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai detto tutto. Hai colto perfettamente. E si può sempre parlare d'amore. A tutti è dato farlo.

      Elimina
  10. Non hai molto da raccontare ma lo racconti sempre meravigliosamente.

    i baci sulle palpebre...una cosa meravigliosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uno ci prova a mettere in parole la magia che sente nel cuore.

      Elimina
  11. Sei sempre così..appassionantementeMareva. Non lo so,ma sei proprio speciale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu sei sempre così gentile <3

      Elimina
  12. Sorrido molto.
    Se dai un’occhiata al mio ultimo post capirai perché.
    Dietro le parole ci sono sempre due milioni di mondi possibili, ma è bello avvertire - comunque - un senso di comunanza.
    L’Antifèscion


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dopo l'occhiata sorrido a mia volta.

      Elimina
  13. Poesia.
    Tu, sempre poesia.

    RispondiElimina
  14. Questo post è stupendo.
    Hai un bel blog, in generale... ci facevo capolino da un po' (ti ho scoperta sul blog della Persefone), ma oggi devo proprio scrivertelo a voce alta che mi piace come scrivi :) niente poesia melensa, ma poesia viva e vitale, parole palpitanti. Ebbrava :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che dire... grazie! Non potevi farmi complimenti migliori!

      Elimina

Parlo poco. Scrivo molto. Leggo ovunque.
Faccio cose e non vedo gente.

Il passato è una terra straniera

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001 concernente i Disclaimer.

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet, pertanto considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
Tutti i testi e le immagini riportanti la firma dell’autrice sono di proprietà della stessa, pertanto non utilizzabili su altri siti web, blog e affini. Se interessati alla riproduzione di qualsivoglia materiale si contatti l’autrice per stabilire consenso e clausole.