13 marzo 2014

Listography # 11 - Your favorite toys you played with as a child

The Life In A Year

Ero un po' disadattata da bambina. Un po' timida. E preferivo la solitudine o la compagnia degli adulti ai giochi con i miei coetanei. Non sempre sia chiaro, ma mi dividevo equamente tra le due cose.
Nonostante fosse la noia ho comunque passato tantissime ore giocando o inventando per cui posso completare con orgoglio anche questa lista.

Your favorite toys you played with as a child

● Fare il fortino/la tenda con cuscini e coperte e mettermici sotto a disegnare e inventarmi mondi (l'ho detto che ero solitaria)
● Giocare con le Barbie con le mie vicine di case. La cosa che preferivo era vestirle e acconciare i capelli. E qui dò ragione alla parte di me che dopo le scuole medie avrebbe voluto fare un'istituto professionale
● Suonare la tastiera - trasformatasi anni dopo in un pianoforte
● Costruzioni. Lego come piovesse. Con l'odio furente quando ne pestavo un pezzettino
● Leggere il vocabolario. Sì lo so.
● Il Tamagotchi - anche se ero già grandicella
● Giocare con le macchinine a fare finti incidenti
● Giocare con gli animali di plastica. Il mio preferito era l'elefante
● Esplorare gli argini del fiume vicino a casa

Share:

28 commenti:

  1. Il fortino lo facevo anche io...
    Che anche io ero un po solitaria e timida.
    In generale, mi bastavano dei pennarelli e qualche foglio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eravamo bambine semplici. Pochi fronzoli e dritte al punto.

      Elimina
  2. Io l'outing del vocabolario non l'avevo mai fatto pubblicamente. Credevo fosse una delle regole del club dei bambini disadattati, mai dire del vocabolario. "Sembra molto usato il tuo..." "si, lo uso spesso per farci seccare i fiori"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahahahahahahahahahaha! Dio mio che disagio. Ora mi vergogno di una cosa di cui andavo molto fiera!

      Elimina
  3. Ahahah leggere il vocabolario l'ho fatto spesso anch'io. Mi affascinava da morire.
    I risultati adesso si vedono (nel mio caso no, ma va be'...)!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No è che siamo in periodo di regressione. I migliori anni erano l'infanzia!

      Elimina
  4. Gli animali di plastica!!!
    La mia preferita era una foca...
    Ma sono l'unica femmina che giocava con il trenino? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non l'avevo il trenino :(
      Gli animali, comunque, sono stupendissimi. E quanta invidia per la foca!

      Elimina
    2. eh, ma in effetti non credo di aver mai conosciuto altre bambine che ce l'avessero...
      Quella foca era bellissima, se ci penso ancora mi commuovo! :)

      Elimina
    3. Privilegiatissima! Gli animali acquatici/poco comuni nella mente dei creatori di giocattoli sono diventati di moda solo molto dopo. Mannaggia a te e alle foche <3

      Elimina
  5. Il fortino così lo facevo con amici, tipo capanne fatte con le coperte ecc XD
    I Lego comandano tuttora, e l'esplorazione del fiume è super-intrigante! :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che ci sono anche una serie di ponticelli traballanti sul fiume che è vietato utilizzare ma io, bambina stupida, mi ci avventuravo sempre per qualche passo. Salvo poi fare dietro front alla velocità della luce!

      Elimina
    2. Ahaha, se ti può consolare, sono cose che io fasccio tuttora :p
      Pensa che appena è bel tempo, appena stacco da lavoro imbocco il sentiero che è proprio di fronte a me, e vado per il lungofiume... :p

      Moz-

      Elimina
  6. I chiodiniiiii primo magnifico ricordo
    No, secondo!
    Primo la mia bambola Peppina.

    Poi appena ho capito che con la fantasia potevo diventare chi volevo, basta: mille personaggi, millemilastorie. Con le velette che zia usava per andare a messa...ma anche con le mantelli da pettineuse ...attrice, regista, costumista :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I CHIODINI! Oddio *_* Me li ero scordati: quanto ci ho giocato!
      Ora li voglio.

      Elimina
  7. Oddio il vocabolario! Lo facevo anche io!

    RispondiElimina
  8. Il legoooo! Me lo son scordatoooo!

    RispondiElimina
  9. Il tamagotchi. Mia mamma non voleva comprarmelo perchè disse che una bambina (chiaramente IDIOTA) ci si era fissata talmente tanto da suicidarsi perchè aveva ammazzato l'animaletto o una cosa del genere. Poi m'ha comprato il cugino sfigato del tamagotchi. Va' a capì la differenza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per molti era strumento del demonio. Mai pensando che anni dopo sarebbe arrivato facebook.

      Elimina
  10. Marevaaaa anche io facevo i fortini con le tende e i cusini :) però mi son dimenticata di scriverlo, meno male che ci sei tu che mi ricordi di queste mie mancanze! Che brava che andavi sugli argini, io ero troppo fifona e odiavo gli insetti per cui... Quella del leggere il vocabolario è la prima volta che la sento :)
    un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io verso gli insetti ho una sorta di amore-odio per cui riuscivo a gestire la cosa!

      Elimina
  11. Anch'io leggevo il vocabolario...ora non mi sentirò più sola!! Più che giocare da sola, abitando in una casa di corte, uscivo a giocare con altri bambini!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vieni qui sorella di disagio! Abbracciamoci!

      Elimina

Parlo poco. Scrivo molto. Leggo ovunque.
Faccio cose e non vedo gente.

Il passato è una terra straniera

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001 concernente i Disclaimer.

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet, pertanto considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
Tutti i testi e le immagini riportanti la firma dell’autrice sono di proprietà della stessa, pertanto non utilizzabili su altri siti web, blog e affini. Se interessati alla riproduzione di qualsivoglia materiale si contatti l’autrice per stabilire consenso e clausole.