11 marzo 2014

Se non guardate True detective non siete più miei amici

Ciao, sono un post, e non contengo spoiler, su una serie tv americana bellissima e fighissima che tutti dovrebbero guardare perché:

1. è ambientata in Louisiana e la Louisiana ci piace perché sporca, paludosa e piena di leggende strane;
2. è ambientata in Louisiana;
3. è ben fatta, ben girata, con una fotografia che ho adorato e una storia che è davvero una storia. In Louisiana.

L'inizio è promettente. E come ben ci insegnano un inizio promettente è già qualcosa. Una puntata lunga, praticamente un'ora, una colonna sonora un po' indie ma con scelte azzeccatissime e un'ottima grafica. Ché io guardo anche quella. Se è bella sono felice.
La trama, fin dall'inizio promettente di cui sopra, ha subito catturato la mia attenzione. Una storia narrata dai diversi punti di vista dei protagonisti (Kurosawa ha insegnato tanto a noi stolti) e arricchita da flashback. Se poi a questo si aggiunge il dimagrimento di Matthew McConaughey e il suo incessante fumare ne abbiamo abbastanza per tenere la mia attenzione alta per i primi venti minuti. Ed è tanto, credetemi.
L'innamoramento vero e proprio, però, e definitivo è avvenuto quando il simpatico (non nella serie) McCouneghey spiega a Woody Harrelson (l'altro simpatico - anche lui non nella serie - protagonista) quale sia la sua posizione sulla religione e la religiosità:

✝ I’d consider myself a realist, alright, but in philosophical terms, I’m what’s called a pessimist.
I think human consciousness was a tragic misstep in evolution. We became too self-aware. Nature created an aspect of nature separate from itself. We are creatures that should not exist by natural law.
We are things that labor under the illusion of having a self, a secretion of sensory experience and feeling, programmed with total assurance that we are each somebody, when in fact everybody’s nobody.

Lì, oltre a essermi passato per la testa quell'allegrone di Schopenhauer, la mia reazione è stata un sonoro ed educato holy shit. Che cosa succede? Ha appena parafrasato il più grosso dilemma umano posto da Fromm? No, aspettate, momento momento momento momento (cit.) fatemi capire. VOGLIO CAPIRE. Qui siamo su un altro livello. Cosa sta facendo la HBO? Spingendo verso il suicidio teologico?
Insomma, già nella prima puntata, ci dicono che la religione è un'illusione e dovremmo ammazzarci.

I think the only honorable thing for our species to do is to deny our programming, stop reproducing and march hand-in-hand into extinction.
…I’m a human being. I speak for the dead. I bear witness. It keeps me part of things. But mostly I lack the courage for suicide…

Io, a questo punto, ho perso completamente la ragione e mi sono votata anima e corpo a questa serie.

Ma di cosa parla 'sto roba? La trama è molto semplice. Due investigatori (McCounaghey e Harrelson) iniziano a indagare su un omicidio terribile e apparentemente rituale avvenuto in Louisiana.
Tutto qui. Insieme a: loro che si odiano, a morti, tradimenti, mogli rompicoglioni, poliziotti ficcanaso, gente strana e filosofia come piovesse.
Cosa ottieni? Una serie che ti farà venir voglia di trasferirti in Louisiana - solo per un po' che è umida -, bere, pestare gente a sangue e scopare. Insomma, tutte ottime conseguenze.
A questo aggiungiamo:

1. due ottimi protagonisti Marty (Harrelson) poliziotto all'apparenza perfetto con moglie gnocca e figli piccoli ma che nasconde, senza troppo impegno, un bidone pieno di problemi e Rust (McCounaghey) ex poliziotto sotto copertura che è uno dei più interessanti personaggi che io abbia mai visto sul piccolo schermo;

2. l'ambientazione. L'ho già detto che la storia si svolge in Louisiana? Non in una città, ma nella Louisiana rurale quella che ancora vive di superstizioni e leggende, di pollo fritto e birra, di fucili e forte religiosità. C'è caldo e umido, c'è desolazione e povertà. E siamo lontanissimo dal Mardi Gras, dai battelli e dalla collanine di perline colorate.

3. la trama;



4. la sigla che sembra girata direttamente dal diavolo. Perfetta.



La serie è finita. Otto episodi e boom. Fine. Sono rimasta orfana da un giorno all'altro di una delle storie e di due dei personaggi che più mi hanno coinvolta negli ultimi anni.
E quindi sono depressa.
Non solo per la fine ma anche perché ho scoperto che:

  • non so costruire dei piccoli uomini in miniatura partendo dalle lattine di birra. Su Pinterest lo fanno e Rust, qui, lo fa. E io? Io mi so cucire i bottoni;
  • non avrò mai un soprannome figo come The yellow king. Breve e dritto al punto. Il massimo che succede a me è che venga storpiato il mio nome e la gente mi chiami Mariella;
  • le droghe hanno delle conseguenze. Non sono solo quelle robe fighe che vedi nei video dove un uomo nudo con una maschera anti gas rotea un machete;
  • negli anni '90 (periodo di ambientazione della serie) c'erano delle pettinature di merda. A cosa stavamo pensando, cristosanto?
  • la mia esistenza è senza scopo, il tempo è un eterno e piatto ritorno e dovremmo tutti morire. Rust l'aveva vista lunga. Io manco riesco a fare omini dalle lattine di birra.



Share:

42 commenti:

  1. ho guardato la prima puntata ieri sera. io. che sono allergica alle serie.
    che dire?
    che ho già nelle bozze un post pronto con il passaggio che hai citato tu?
    che l'ottimismo, si sa, è il profumo della vita... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi due ci capiamo. E noi due non potevamo che apprezzare certe esternazioni. Quando si dice l'ottimismo!

      Elimina
  2. L'avevo già messa in lista, dear Ginger! :)
    Le faremo sapere :)

    Moz-

    RispondiElimina
  3. Il figone del McConaughey merita.
    Poi di bere, pestare gente a sangue e scopare ho un infinito bisogno. Accettasi volontari per tutte e tre le cose.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ti posso fornire l'amica (io) con cui bere. Per il resto dobbiamo lavorarci su!

      Elimina
  4. Ok, dopo quelkle ditazioni, DEVO vederla. Anche perché McCounaghey è sempre un bel vedere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. *citazioni, non ditazioni, che cazzo stavo pensando? AHAHAHAHAHHA.

      Elimina
    2. Ahahahahahahaha tesoro, la stanchezza!
      Dopo averla vista, comunque, il mondo ti farà ancora più schifo.

      Elimina
  5. Mannaggia all'omini di lattine di birra.

    In tutto ciò,
    1. non sono più tua amica, merda
    2. holy shit. Mi mancava. Holy shit. Me piace. Suona bene. Conoscevo shit ma holy shit no. Perchè colleziono parolacce amerigane/inglesi, sai. Fa un pò quella che sa tutto e l'altri non sanno un cazzo. Dirò holy shit fino a domattina, sappilo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli omini di latta sono il male!
      Holy shit è una simpatica imprecazione in inglese che io, all'epoca d'oro, utilizzavo ovunque! Sostituibile, se non vuoi dire brutte parole, con holy moly (o moley) che fa comunque la sua porchetta figura!

      PS Sei ancora mia amica, mi serve una folle!

      Elimina
  6. ok. so cosa mettermi a scaricare nei prossimi giorni! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sembra una decisione molto saggia!

      Elimina
  7. Neanche abbiamo cominciato ad essere amici e già sono stato depennato. Vabbè.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahaha, ma qui si dà a tutti una seconda possibilità!

      Elimina
  8. Cazzo, mi sono fermata (e persa) a Louisiana. Sono stanca e mi sa che lo fa. La Louisiana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh. La Louisiana.
      Prima o poi dovrò liberarmi da questa leggerissima ossessione che ho per gli States!

      Elimina
  9. Peccato, ambientata nel Maine l'avrei pure guardata. Conoscenti possiamo restare, comunque?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma il Maine è già occupato da King. Diamo una possibilità anche agli stati che nessuno si caga.
      Comunque possiamo restare conoscenti, sì!

      Elimina
  10. Non l'ho vista ma mi hai incuriosita!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottimo! A me ha veramente sorpreso!

      Elimina
  11. la serie più ottimista in circolazione.
    sì, insomma, a suo modo, forse... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahaha, eh dai, se proprio scaviamo scaviamo qualcosa di trova!

      Elimina
  12. Vabè, qua ne parlano tutti, mi sa che prima di Game of Thrones 4 me la vedo allora... :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai è veloce e breve! Solo otto episodi!

      Elimina
  13. Non CAZZO vedo l'ora di pipparmelo tutto appena visibile in italico idioma...(Dolcetessò detesta sottotitoli e lingua originale...) CAZZO.

    RispondiElimina
  14. mi mancano le ultime due puntate *_* però me le sto diluendo finche non ricomincia game of thrones se no muoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non morirmi! E centellina, ma non troppo!

      Elimina
  15. Voglio vederlo!!!!!!

    Ma non ho capito bene dove è ambientato...

    RispondiElimina
  16. Io sono a metà stagione.
    Dopo breaking bad mai avrei pensato di innamorarmi di nuovo.
    E invece, Matthew. E il suo quaderno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Degnissima sostituta, sono d'accordo. <3

      Elimina
  17. Ciao Mariella, io odio Mettiu Meconeghi, comm' aggia fa'? Ci provo lo stesso?

    Un'anonima amica napoletana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara amica napoletana,
      io una possibilità gliela darei. Qui Mettiu ha un ruolo diverso dal solito e non è un bamboccione come in Sahara, per dire. Prova. Mal che vada mi mandi una iattura.

      Tua,
      Mariella

      Elimina
  18. Ciao! non ci conosciamo ma commenterò comunque questo post e questo blog.
    True Detective. Tutti ne parlano, io non lo ho ancora visto!!! Devo rimediare ora, subito, adesso!!! Mi metto subito all'opera per 'recuperarlo' (capisciamme!!!). La sigla in effetti è abbastanza inquietante. Quest'estate farò un viaggio nel New England di Stephen King . E in quello della Signora in Giallo (ma fa più sherry e uncinetto di Stephen King..... quindi dimentica che ti ho nominato la Lansbury, per piacere!!!)... Se vedo un altro ambiente rurale e inquietante mi tocca aspettare un altro anno prima di poterci andare... che casino!!!
    2) Il tuo blog... è completamente fuori di melone... cioè... visionario e dissacrante. Mi piace un mondo!
    Come faccio ad iscrivermi??? non vorrei mai perdermi qualche perla??? E' la fregatura di usare Wordpress e trovare chicche in Blogger!!! Che cosa fastidiosa!!!

    Bene, tante care cose...

    Elena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahahahaha, ma grazie!
      Dunque per seguirmi c'è il tasto in fondo alla pagina. Scorri scorri scorri e lo trovi. Credo funzioni anche con Wordpress :)

      Ti invidio il viaggetto estivo nei luoghi di King, è una cosa che piacerebbe moltissimo anche a me. Poi dovrai farci un post. Anzi. DEVI!
      Appena riesco passo a spiare da te!

      Elimina
    2. non me lo fa fare... non mi vuole!!! mi boicotta!!!
      Ce la farò!!!

      Tranquilla, conto di andare avanti fino all'estate prossima-prossima con i post sul New England!!! ;)

      Elimina
    3. sono ancora io... sono ancora qui!!! tanto per la cronaca, voglio che tu sappia che questo maledetto coso (=pc... mac, per l'esattezza) non mi permette di iscrivermi (è più probabile che io non ne sia capace!!!!!)....
      sappi, sappilo!!!!!!!, che mentalmente sono iscritta!!! e appena capirò perchè non riesco a farlo realmente, rimedierò!!! sappilo!!! mi raccomando!!!

      Elimina
    4. Ahahahahahahahahaha! Ti sto adorando!
      Non esiste tipo un box - in wordpress - nel quale inserire gli indirizzo dei blog che vuoi seguire?!

      Elimina
  19. Non saprei... io sto alle tecnologie come un tronista della De Filippi al buon gusto!!!
    Oh me tapina!!!

    RispondiElimina

Parlo poco. Scrivo molto. Leggo ovunque.
Faccio cose e non vedo gente.

Il passato è una terra straniera

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001 concernente i Disclaimer.

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet, pertanto considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
Tutti i testi e le immagini riportanti la firma dell’autrice sono di proprietà della stessa, pertanto non utilizzabili su altri siti web, blog e affini. Se interessati alla riproduzione di qualsivoglia materiale si contatti l’autrice per stabilire consenso e clausole.