3 aprile 2014

Listography # 14 - Your favorite books

The Life In A Year

Leggo da che ho memoria. Non ho mai avuto grandi passioni oltre la lettura. Quelle passioni che smuovono cuori, spazio e tempo dico. Leggo senza sosta. A volte per pura necessità di farlo, più spesso per piacere. Leggo su carta e leggo sul kindle. Non mi importa il supporto. Mi basta leggere. Leggo romanzi e leggo saggi (in maggioranza filosofici). Leggo di religione e leggo fumetti. Leggo libri leggeri e leggo storie che a volte, per la loro violenza, devo chiudere con gli occhi pieni di lacrime. Mi commuovo per ciò che leggo. Meno per ciò che vedo. Leggo per come mi sento quando lo faccio.
Scegliere i libri preferiti?
Io non so se ne sono capace.
Di certo so scegliere quelli che non mi sono piaciuti. Lì è più facile, ma i preferiti? Dite davvero?
Vorrei lasciarla in bianco questa lista ma ci provo. Con i libri che mi hanno mosso milleuno sentimenti al posto di mille.

Your favorite books (i primi sei che mi vengono in mente)

● La strada - Cormac McCarthy
Non c'è nessun Dio e noi siamo i suoi profeti.
● La trilogia della città di K. - Ágota Kristóf
La chiamiamo Nonna. La gente la chiama la Strega. Lei ci chiama figli di cagna.
● Hotel New Hampshire - John Irving
Per metà della vita, hai quindici anni. Poi un giorno comincia la ventina, poi il giorno dopo è già bell'e finita. Poi la trentina passa in un lampo, come una domenica in buona compagnia. E poi, prima di rendertene conto, sogni di avere ancora quindici anni.
● IT - Stephen King
Trovati un po' di rock and roll alla radio e vai verso tutta la vita che c'è con tutto il coraggio che riesci a trovare e tutta la fiducia che riesci ad alimentare. Sii valoroso, sii coraggioso, resisti. Tutto il resto è buio.
● Molto forte, incredibilmente vicino - Jonathan Safran Foer
Pensai alla vita, alla mia vita, ai disagi, alle piccole coincidenze, all'ombra delle sveglie sui comodini.
● Cose preziose - Stephen King
Sei già stato qui
Sì che ci sei stato. Sicuro. Io non dimentico mai una faccia.

EDIT
Dopo aver elencato questi sei me ne sono venuti in mente altri due che non posso omettere.

● Il giardino di cemento - Ian McEwan
● Cent'anni di solitudine - Gabriel García Márquez

Share:

43 commenti:

  1. Irving!
    Che meraviglia.
    Avevo amato anche il mondo secondo Garp e le regole della casa del sidro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io. Che noia questi talenti che non sbagliano un colpo!

      Elimina
  2. Q. Edmond Dantes. Altro non c'è.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel mio mondo sì :) E fa parte dei più alti.

      Elimina
    2. Di uno dei personaggi più sorprendenti della letteratura.

      Elimina
  3. Centuria di Giorgio Manganelli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo recuperarlo, questo :)

      Elimina
    2. Non te ne pentirai, anzi, maledirai il ritardo.

      Elimina
  4. Oddio, sai che io sono un fan de Il giardino di cemento (e di McEwan in generale?)

    Moz-

    RispondiElimina
  5. lista notevole! l'unico che mi manca è Irving, dici che devo recuperare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A mio gusto, devi! :)

      Elimina
    2. sicuro ma non partire dagli ultimi: Hotel new Hampshire e il Mondo secondo Garp vanno in testa :)

      Elimina
  6. King <3
    Comunque poi dovremmo scambiarci qualche libro xD

    RispondiElimina
  7. Sei stata breve! Conoscendoti mi aspettavo un listone infinito <3 (e l'avrei amato comunque!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sono dovuta limitare. Più ne elencavo più me ne venivano in mente!

      Elimina
    2. Eeeeh lasciamo stare :D
      Ti ho taggato in una cosa ;)

      Elimina
  8. Il giardino di cemento e Trilogia della città di K. con il racconto delle loro infanzie violate. Spietati, lucidi, commoventi, sempre in equilibrio precario tra crudeltà e tenerezza. Molto amore per loro e per questa lista. ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adoro la freddezza di quei racconti. Io poi amo le narrazioni fatte di frasi brevissime e spezzate <3

      Elimina
  9. Ti sorprenderò,ma di King ho letto poco che niente. Ultimamente mi sono imbattuuuutttta in Christine - la macchina infernale,non sembra male. Mi ispirava leggere Shining,perché da brava donna ho visto il film,ma ho paura di non dormire la notte ç.ç
    Gli altri libri che hai citato Marevina dolce non li ho mai sentiti,provvederò u.u

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ero più fifona in passato. Notti e notti insonni. Ora, per fortuna, no. E quindi mi godo un sacco di roba ansiogena!

      Elimina
    2. Cacchio,insegnami ad essere un eroina come teeee :c

      Elimina
  10. Non ne conosco manco uno AHAHAH ok no non è divertente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahaha, ci sono troppi libri al mondo per conoscerli tutti!

      Elimina
  11. Impossibile. Non so se potrò cimentarmi.
    Complimenti per il coraggio, mia cara.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti giuro che mi sono sentita tremendamente in imbarazzo. Non sapevo cosa scrivere.

      Elimina
  12. Mi mancano tutti, a parte uno.

    RispondiElimina
  13. Anche a me, come ad Ade, mi mancano tutti, tranne uno... Cent'anni di solitudine, l'incipit che più mi è rimasto nella testa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quell'incipit è fantastico, sono d'accordo.

      Elimina
  14. Santo cielo...
    Non saprei rispondere a questa domanda... Ho un elenco infinito ma dovendo scegliere probabilmente direi 'Il vangelo secondo Biff... amico di infanzia di Gesù" di Christopher Moore. La motivazione è la seguente: ha incantato un'atea come me che ho addirittura pensato che se spiegassero così la religione io potrei pure diventare un'integralista...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo conosco. Rimedierò sicuramente.

      Elimina
  15. No va beh, queste liste mi ricordano sempre quanto io legga poco! Shame on me, no tengo tiempo! Però questi me li segno!

    RispondiElimina
  16. ...quei due ultimi proprio non me li potevi evitare...
    meravigliosi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E pensa che stavo per dimenticarli!

      Elimina
  17. Sbem! Letti tutti, su tutto d'accordo..

    RispondiElimina

Parlo poco. Scrivo molto. Leggo ovunque.
Faccio cose e non vedo gente.

Il passato è una terra straniera

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001 concernente i Disclaimer.

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet, pertanto considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
Tutti i testi e le immagini riportanti la firma dell’autrice sono di proprietà della stessa, pertanto non utilizzabili su altri siti web, blog e affini. Se interessati alla riproduzione di qualsivoglia materiale si contatti l’autrice per stabilire consenso e clausole.