23 aprile 2014

Su varie cose

Sull'ottimismo

Stare insieme è molto più provvisorio che stare soli.
Lo penso da tanto. Da quando ti ho incontrato e ho cominciato a pensare per due. 
La fragilità delle ossa. L'instabilità del cuore. Le mani che si intrecciano e scivolano via con facilità.
Questa testa che pensa e si perde. La tua testa che pensa e concretizza. Incontrarsi e non sapere per quanto sarà e per quanto accadrà.

Love will tear us apart


Sull'amore

Eppure amarsi comunque. Amarsi ogni giorno. Amarsi finché non ci annoieremo a farlo.

I tuoi occhi ridono prima della tua bocca e mi fregano.
Raccolgo pezzetti, compongo le parti, mi guardo allo specchio e cerco, cerco.
Io sotto di te ci sto troppo bene.
Tu sopra di me ci stai a incastro.



Sulle leggende

C'è un castello fuori Rimini, il Castello di Montebello, che vale una visita. Non tanto per la struttura in sé eh - è pur sempre un castello medievale per cui oltre muri non è che ci sia molto da vedere - ma perché è protagonista di una leggenda. E a me le leggende, soprattutto quelle che riguardano bambine defunte, piacciono.

Si dice che alla fine del 1300 in questo castello abbia vissuto una bambina, Guendalina, che oltre ad essere antipatica, come ogni bambina nobile, aveva anche la sfiga di essere albina. E gli albini non è che se la passassero bene in quel periodo. Per cercare di nascondere la cosa i genitori le tingevano i capelli in qualche modo, con scarsi risultati. A quel tempo i parrucchieri non c'erano, le tinte fighe nemmeno e così, i capelli della povera bambina, assumevano una simpatica tonalità azzurra. Per questo, la strepitosa fantasia del tempo, portò tutti a soprannominarla Azzurrina. Fatto sta - per farla breve - che la bambina scompare all'improvviso, all'interno della ghiacciaia del castello. Le guardie che dovevano proteggerla vengono uccise e la bambina, cercata per giorni, non viene più trovata.
Era il 21 giugno.
In anni recenti prima la RAI e poi il CICAP (che si occupa di studi sul paranormale) hanno effettuato delle registrazioni di valore scientifico (effettuate sempre il 21 giugno) venendo così a scoprire strani rumori/voci/lamenti e conferendo, quindi, alla leggenda un alone di (gran) mistero.
La visita al castello prevede anche l'ascolto di queste registrazioni - ci sono anche su youtube - e, scetticismo a parte, hanno il loro fascino.



Sulle belle fotografie

Così, per caso, mi sono imbattuta nei lavori di questo fotografo cinese, Ren Hang e me ne sono innamorata. Non so voi.





Share:

34 commenti:

  1. No vabè io al castello di Azzurrina non ci vado. Mi cago solo a pensarci. (però affascina, assai!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahaha! No ma non è spaventoso. Nella registrazione non si sente niente di preciso, paiono gatti e tu ami i gatti!

      Elimina
  2. Ma ora si fotografano anche la golden shower e il footjob? Oo

    Comunque, Azzurrina è una mia fissazione da quando, anni e anni fa (facevo le elementari) ne sentii parlare in tv.
    Non credo ai fantasmi ecc, ma questa storia mi ha sempre affascinato.

    Sull'amore la penso come te, anche se la maglietta dice che l'amore ci farà a pezzi :p

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 1. Sì. Ahahaha, sono cose belle, io adoro quel genere di fotografie!

      2. Io non la conoscevo proprio. Me ne ha parlato Lui qualche tempo fa e il pomeriggio di Pasqua abbiamo deciso di andarci, tanto è solo a mezz'ora di macchina.

      3. Eh sì, lo dice, ma perché penso sia così. Ci fa e pezzi e ci ricompone.

      Elimina
  3. Al castello di Azzurrina ci voglio troppo andareeee!
    Le foto sono.. Ecco.. Particolari!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha, sì, un genere che a me piace molto ma posso capire non sia apprezzato da tutti!

      Elimina
  4. la t-shirt di love will tear us apart vince su tutto, anche sulle foto porn... ehm, d'arte :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh la depressione dei Joy Division vince sempre su tutto. Anche sull'arte ;)

      Elimina
  5. Mettije la tishirte ar frotografo.. ahah

    RispondiElimina
  6. Hai uno stile un po' punko che mi garba!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Da eterna quindicenne come dico io.

      Elimina
  7. eppure a me quel castello ricorda qualcosa. Ma è mica vicino a Villa Verucchio per caso?
    Sulla maglia già sai.
    Lui è bello. Anche in versione E.T. Ma già sai anche quello.
    Pure tu sei bella, e però sai anche questo.
    Che due palle sto commento... :)
    Dai, le foto in compenso non mi piacciono proprio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diomio che noia 'sto commento.
      Meno male che almeno le foto ti fanno cagare perché sarebbe stato troppo. <3

      Quel castello è in quella zona Poison mia bella. Figurati se non ci sei stata tu che vai ovunque!

      Elimina
  8. Organizzo una gita al castello, che quando si tratta di scorrazzare in giro per l'Italia ci sono sempre...
    Le foto non mi garbano, ma comunque meglio quest'effetto strong, rispetto ai marmocchietti di Anne Geddes..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Madonna le foto di quei bambini sono terrificanti.

      Al castello vacci appena riesci. Una visita la merita e nel borghetto esterno ci sono due/tre ristorantini che sembrano promettere bene!

      Elimina
  9. Dopo la menata iniziale ci stava proprio la storia di Azzurrina, una delle leggende italiane più famose e che rimangono più impresse. Grande.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non la conoscevo ma in Romagna ci portano i bambini in gita quindi non ho voluto essere da meno!

      Elimina
  10. Non avevo mai sentito della leggenda di Azzurrina, è moooolto interessante! (basta che non ci mandano gli acchiappafantasmi di Dmax)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahaha! No va", proviamo a trattarla seriamente!

      Elimina
  11. No, vabbè, avverti per le foto. Sono le 7 e sono sul bus, ciò vuol dire che - per la legge della conservazione degli spazi - sull mio telefono ci stiamo leggendo io, due ucraine e quattro bambini in età scolare. E un paio di loro hanno iniziato a inclinare la testa per vederci chiaro. Tu capisci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahah! Come ti capisco. Io ho le persone che tentano di leggere i miei sms! Portarsi un libro, no?

      Elimina
  12. Secondo me azzurrina si lamenta per ilnnome che le hanno dato.
    Se smettono smette. E, come si dice in questi casi, pace all'aria sua;-)

    La verità, ti prego, sull'amore.
    Belli :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti non è che sia stata proprio baciata dalla fortuna eh!

      <3

      Elimina
  13. Pensare per due, è sempre bello! ♥

    RispondiElimina
  14. Mi piacciono questi pensieri sparsi! E poi voi due siete così belli <3

    Io vorrei dire ai genitori di Azzurrina che Henné + indigo e la bambina mi diventava castana, che dall'India lo importavano già e non facevamo patire la bambina mischina! Che ansia!
    Mi preoccupa un po' lo strizzamento a livello frenulo....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci fossi stato tu Pier, almeno quella bambina avrebbe avuto un futuro radioso. Genitori scriteriati!
      (Io ti adoro!)

      Lo strizzamento, in effetti, non so quanto sia cosa bella e gradita.

      Elimina
  15. La leggenda di Azzurini non mi fa fare sonni tranquilli :S sia mai che le prenda via male e venga a fare una visita a Bolocity traumatizzandomi a vita!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stai lontana da quelle con i capelli azzurri per sicurezza!

      Elimina
  16. L'amore è bello ma voi... siete spettacolari! :)

    RispondiElimina
  17. la parte sull'amore è la perfezione. Ho condiviso tutto, conosco la sensazione (purtroppo o per fortuna). Sul fotografo un po' meno. Su Azzurrina....non ho letto tutto perchè mi fa impressione, non ce la faccio proprio, mi viene l'ansia e si sa che io vivo con l'ansia perenne, aumentarla non so se è il caso. Tempo fa ho fatto i tuoi dolcetti alla cannella ! un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Conosco bene la sensazione dell'ansia perenne. Meglio non alimentarla! E son contenta che hai provato i dolcetti *_*

      Elimina

Parlo poco. Scrivo molto. Leggo ovunque.
Faccio cose e non vedo gente.

Il passato è una terra straniera

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001 concernente i Disclaimer.

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet, pertanto considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
Tutti i testi e le immagini riportanti la firma dell’autrice sono di proprietà della stessa, pertanto non utilizzabili su altri siti web, blog e affini. Se interessati alla riproduzione di qualsivoglia materiale si contatti l’autrice per stabilire consenso e clausole.