1 maggio 2014

Listography # 18 - Clubs and bars you've frequented

The Life In A Year

Lista strana. Strana perché oltre a essere una persona che esce con la frequenza con cui passano le comete non sono nemmeno una persona stanziale e non ho mai eletto un locale/pub/quellochevolete a seconda casa. Quello è accaduto solo con le biblioteche e le librerie. Specialmente la Feltrinelli dove manca solo che io abbia un mio letto.
Fatta questa doverosa premessa giuro che mi impegno e ci provo a compilare anche questa lista con un minimo di quel che ci vuole. Come mi ha sempre detto mamma. Chissà che cos'è questo quel che ci vuole.

Clubs and bars you've frequented

Re Desiderio. Un piccolo localino nel centro storico della mia città. Inizialmente nato e frequentato quasi solo da clientela omosessuale - e relative amiche dei gay, la mia prima professione per anni - e poi aperto a chiunque. Un posto piccino, colorato e artistico. Credo sia il luogo che io e i mie due amici D. e S. abbiamo frequentato con maggior intensità per alcuni anni. Un bel periodo. Tanti begli amici e tanta bella gente.
787 Broadway. Un bel locale a San Francisco con musica dal vivo e dj-set piuttosto fighi che ho frequentato a lungo soprattutto per i cocktail e la compagnia ogni volta diversa e interessante. Uno di quei posti molto alla moda ma dove potevi andare anche vestito solo col pigiama (cosa che ho fatto) senza che nessuno avesse nulla da dire e senza che nessuno lanciasse occhiate per farti sentire 'na merda.
Birreria del Pratello a Bologna. La selezione di birre non era male - anche se all'epoca avendo le pezze al culo non potevo permettermi più di tanto. Era un bel posto per rifugiarsi durante la settimana e per evitare un certo tipo di persone.
Zoe. Milano. All'epoca per la musica. E per la facilità di approccio. Ora non so assolutamente come sia. E sono troppo vecchia anche solo per pensare di andarci.
Lelephant. Milano. Locale gay. Ci andavo spesso con il mio coinquilino per fare l'aperitivo che ricordo abbondante. Ora, minimo, conoscendo l'andazzo costerà il doppio e ci sarà la metà del cibo. Mi è sempre piaciuto quel posto. Sarà che forse ero sempre in ottima compagnia. E con un po' di alcool in corpo.
Doc 141. Cesenatico. Un posto carino dove vado molto spesso con lui. Scelta molto vasta di vini e buona di birre. Bella gestione. Bella musica. Bello. Ora sono grande e preferisco le cose raffinate!

Share:

30 commenti:

  1. almeno tu sei un po' donna di mondo. Io se facessi un elenco del genere cosa rispondo? -.-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per fortuna una volta uscivo. Se la lista si basasse sui posti attuali avrei solo l'ultimo dell'elenco :D

      Elimina
    2. E io che non uscivo neanche una volta? XD

      Elimina
  2. Andiamo in pigiama in qualche posto anche se ci guardano male??? :3 Sono già pronto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Soprattutto se ci guardano male! Due dive!

      Elimina
  3. ormai è ufficiale, ho smarrito parecchie listography...
    però la tua è una figata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sì, tu la fai alternativa. Quando hai voglia!
      E grazie :)

      Elimina
  4. Io potrei citarne praticamente solo uno... non che non ne frequenti altri, ma questo è... è.
    Il posto dove passi almeno una volta al giorno, un ritrovo, un rifugio, l'ultimo posto che vedi prima di rincasare.
    W il bar.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che mi sarebbe sempre piaciuto avere un posto così da frequentare? Dove ormai tutti ti conoscono ed è quasi meglio stare lì che a casa!

      Elimina
  5. Mi viene in mente che non frequento stabilmente bar, baretti, ristorantini, birrerie, trattorie e similari. Per lo meno non sempre i medesimi. Ma in verità, e non solo per amor di pubblicità, ti citerò Agricoltura Nuova (Coop Sociale Agricola Biologica a via di Castel di Leva, 371 Roma (Divino Amore). La pizza biologica no stop più buona del mondo... un posto dove spesso ci rifocilliamo sentendoci molto a "casetta"...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Segno. Sia mai che capitassi in quel di Roma. Una buona pizza sarebbe da pazzi rifiutarla!

      Elimina
  6. Ah, e tu saresti una che non esce? Ma suvvia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una che esce poco, come detto. Un paio di sere al mese, che se paragonate alle cinque sere a settimana di anni fa è poco!

      Elimina
  7. Ma a tal Re Desiderio, prima che fosse "aperto a tutti", ti facevano il test di omosessualità?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha in effetti da come è stato descritto sembra un locale sessista che accettava solo gay! XD

      Moz-

      Elimina
    2. Ahahahahahaha! No chiaro. Ma tanto gli etero scemi non ci avrebbero mai messo piede!

      Elimina
    3. Ma gli etero=scemi o la categoria scema degli etero? E gli omosessuali scemi c'erano?

      Elimina
    4. La categoria scema degli etero. Gli omosessuali scemi sì, quelli erano ammessi.

      Elimina
    5. Ricordo quando una sera ci incontrai l'ex parroco dell'oratorio vicino casa...Lui imbarazzato e io dall'altro tavolo: "Ah, ma sei TU!! " - E lui giuggioloso" Sopreso?" - " No! eri molto più tarvestito prima" E' venuto giù il locale... XD

      Elimina
    6. Tra l'altro, la professione amica dei gay è così? :D
      https://www.youtube.com/watch?v=wL9TF23ICOE

      Elimina
  8. Ommioddio lo Zoe. Io ci son stata tipo 2/3 anni fa e pareva di stare al circo. E sai che se lo dico io, che un certo tipo di stile e musica lo apprezzo, la situazione è grave.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ecco, quindi mi confermi che è ancora un circo ahahaha! Andiamo insieme a fare le disagiate una volta!

      Elimina
  9. In Lombardia frequentai alcuni locali tra lo scapigliato, il kitsch (omosessuale che adoro), il modaiolo, radical-chic. No Ties e Plastic O'Killer a Milano, il Matilda Waltzing e il Palace Discover a Brescia.
    Molti notte di dolce vita e grande divertimento, di house, acid e hi-energy meravigliose.
    Bello bello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono posti che conosco solo di nome ma sapere che siano esistiti (ed esistano) luoghi del genere fa sentire un po' meno abbandonati.

      Elimina
  10. Il RE! L'ho visto aprire e battezzare, quel posto, quando era un locale medieval style.Poi il passaggio a "primo locale dichiarato" della città l'ho vissuto come un trauma per la perdita della spettacolare lista panini, ma la conoscenza del nuovo proprietario ha perdonato tutto. Anch'io ci andavo spesso per fuggire da altre situazione barbare del circondario: grandioso rapporto qualità-prezzo e clientela se non altro inoffensiva!
    (Certo, il primo cambio di decori e arredi NON-SI - POTEVA VEDE', menomale si è evoluto col tempo)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spettacolare lista panini? Cosa mi sono persa! Io quando si tratta di mangiare non capisco più nulla!
      Bello, però, sapere che nonostante il cambio di gestione sia rimasto un luogo in cui stare bene.

      Elimina
  11. Visto che a San Francisco ci andrò in agosto prendo per buono il tuo consiglio; altre dritte???

    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio. Ci dovrei pensare. Sono passati un sacco di anni e probabilmente molti dei posti che frequentavo saranno anche chiusi!

      Elimina
  12. se ben ricordo lo zoe ha chiuso tempo fa...

    RispondiElimina

Parlo poco. Scrivo molto. Leggo ovunque.
Faccio cose e non vedo gente.

Il passato è una terra straniera

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001 concernente i Disclaimer.

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet, pertanto considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
Tutti i testi e le immagini riportanti la firma dell’autrice sono di proprietà della stessa, pertanto non utilizzabili su altri siti web, blog e affini. Se interessati alla riproduzione di qualsivoglia materiale si contatti l’autrice per stabilire consenso e clausole.