2 luglio 2014

Listography # 27 - List your favorite restaurants

The Life In A Year

Amo mangiare. E penso si sia capito. Mi piace mangiare schifezze ma amo anche mangiar bene e penso che la maggior parte dei soldi che io e Lui destiniamo agli sfizi finisca in cene e ristoranti vari. Ora stiamo risparmiando per andare a mangiare all'Osteria Francescana di Massimo Bottura ma volendoci circa 200 euro a testa mi sa che non ce la faremo e "ripiegheremo" sul Povero Diavolo, di Parini. Ci piacciono i ristoranti un po' così, che se la tirano, e ci piace molto provare abbinamenti particolari. Abbiamo un sacco di posti in lista che speriamo di riuscire pian piano a visitare. Per ora di stellati non ne abbiamo ancora provati ma tra le varie cene fatte ci sono dei posti (anche economici) che ci/mi sono rimasti particolarmente impressi.



List your favorite restaurants (in ordine casuale)

● Ristorante Vite. (prov. Rimini) Ne ho parlato in passato qui. Il ristorante della comunità di SanPatrignano. Un posto meraviglioso. Cibo ottimo, personale gentilissimo e preparato.
Pizzeria O'Malomm. (prov. Rimini) Pizzeria appartenente (anch'essa) alla comunità di SanPatrignano dove ho mangiato una delle pizze migliori della mia vita. Abbinamenti particolari (mele, cannella, pancetta), impasto napoletano buonissimo, pizza tagliata a spicchi conditi singolarmente. Quando capita ci andiamo e i soldi sono spesi con enorme gioia.
Il chiosco di Bacco. (prov. Rimini). Sempre in Romagna, sempre un ristorante bello e un pochino costoso. Carne eccellente, servizio impeccabile e ottima carta dei vini.
Calycanto. (prov. Rimini). Un posticini meraviglioso dove si fonde la tradizione con piatti etnici e ingredienti particolarissimi. Il primo ristorante dove siamo stati a cena insieme e uno dei miei preferiti in assoluto.
Trattoria La madia. (prov. Brescia). Con questo siamo nella mia zona. A metà strada tra la mia valle e la Franciacorta, incuneato tra colline/montagne c'è questa trattoria ricercatissima con tutto cibo a chilometro zero (presidio slow food). La tradizione della mia zona viene rivisitata e ri-sperimentata. Lo amo.
Ristorante Vita Nova. (prov. Brescia). Ristorante gestito da ex allievi della scuola CAST Alimenti che c'è a Brescia. Lo amo. Non cambierei nulla. Menù che (naturalmente) si rinnova stagionalmente, cura nella scelta delle portate, del cibo e dell'ambiente. Quando riusciamo ci andiamo.

Oltre a questi posti che sono, diciamo, più costosi (una media di 50-60 euro a persona) ci sono anche quei due/tre ristoranti in cui si spende poco e si mangia con tanto amore.

● Pizzeria Tropi&co. Pizzeria della mia zona dove con 12 euro puoi mangiare tutta la pizza che vuoi. Oltre ai gusti tradizionali ci sono anche abbinamenti particolari. La pizza è buona e quando abbiamo voglia di ingozzarci a basso costo ci andiamo di corsa.
● Ristorante giapponese Sakura. Sempre nella mia zona offre un menù all you can eat a meno di venti euro. Stesso discorso fatto sopra. Digestione di wasabi (che adoriamo) assicurata.
●Cheesecake Factory (California) e BLT Burger (Las Vegas). Due posticini che ci porteremo sempre nel cuore. Il primo per le cheesecake (ma va?!) e le insalate incredibili e il secondo per i migliori hamburger mai mangiati da che ho memoria.
Share:

42 commenti:

  1. a Rimini ristoranti cari suona un pò strano per me che sono milanese....200 euro a testa è un gran spendere...ma ne vale la pena ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No be', chiaramente "cari" per i miei standard, dove spendere fino a 30-40 euro a testa è naturale, di più inizia a incidere (se fatto una volta a settimana!).
      Riguardo Bottura: amici che ci sono stati dicono che si tratta di un'esperienza sensoriale incredibile. Chiaramente bisogna aspettarsi porzioni minime e sapori nuovissimi.

      Elimina
    2. ecco, io quei ristoranti non li capisco francamente....

      Elimina
    3. Io credo dipenda molto dal modo in cui ci si approccia. Se si va con l'idea di mangiare tanto e non sperimentare (e ci sta eh) non sono il posto adatto. Si va, secondo me, per sperimentare e aprirsi a nuovi sapori (che possono anche far cagare, va detto!).

      Elimina
    4. se non c'è sostanza non è cena. per me, sia chiaro

      Elimina
    5. Ma la sostanza è direttamente proporzionale alla quantità? Perché può esserci anche in una fettina di carpaccio di fassona, per dire. Quantità minima ma resa al palato enorme.

      Elimina
  2. Umh, tutti posti lontani in cui non sono stato manco per sbaglio... chissà se nella stessa lista di altra gente becco un ristorante dove ho mangiato!!! :D

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .. ci sarebbe il Mc Moz-nalds, dove fanno dei panini cosi astrusi che in cucina sono collegati direttamente con la Nasa.. ti piacerebbe.. ahah..

      Elimina
    2. Ahahahahahaha, be', quello è molto più che stellato!

      Moz, sicuramente anche nella tua zona c'è roba bbbona!

      Elimina
  3. Avevo capito che amassi i ristoranti ma non sapevo che li amassi così tanto da cercare quelli più rinomati, figata e soprattutto mica scema eh :)
    Me li segno, casomai dovessi capitare in Romagna (anche se mi ispira tantissimo la trattoria dalle tue parti) :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io e Lui abbiamo un unico grosso vizio (oltre i tatuaggi) per cui spendiamo tanto e volentieri: andare al ristorante ahaha!

      Elimina
  4. A Roma c'è Il Picchio Rosso, sulla cassia. probabilmente tra i migliori della capitale. Forse con duecento euro ci mangi. Noi lo abbiamo testato con Groupon. Grandissima soddisfazione ma se non vinco al Superenalotto, difficile che mi rivedano... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo conosco (di nome) quel posto :) Purtroppo certi ristoranti, per quanto buoni siano, ce li si può permettere pochissime volte nell'arco di una vita.

      Elimina
  5. Non mangio in un ristorante come si deve da così tanto tempo che non credo nemmeno di saper stare seduto composto! Però, dovessi passare da quelle parti, mi fido del Mareva Advisor!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahaha! Dovresti prendere lezione da quella bambina nel film Titanic che, rigida come avesse una scopa nel culo, si sistema il tovagliolo sulle ginocchia!

      Elimina
    2. Oddio muoio!! Quella stronzetta mi è sempre stata sulla balle...

      I ristoranti di Las Vegas VINCONO :-DDD

      Elimina
    3. Ahahah, quella figa secca è terrificante!

      Elimina
    4. ahahah la bimba del titanic mica me la ricordavo! Mi riguardo la scena che almeno imparo qualcosa XD

      Elimina
  6. Per l'osteria francescana ricordati che ci voglio venire pure io...
    nel frattempoo sto meditando di festeggiare il mio giubileo a Villa Crespi, da Cannavacciuolo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente anche perché mi sa che noi saltiamo di nuovo quest'autunno perché vogliamo tatuarci!
      Vacci, fai da apripista e dicci!

      Comunque Francesco mi suggerisce che se vuoi unirti puoi venire da Parini con noi (e un paio di amici). Sarebbe nella prima metà di settembre, dobbiamo ancora prenotare però. (davvero eh!)

      Elimina
    2. volete tatuarvi? ma basta, che schifo! ah ah ah ah ah! ;)

      Prima metà di settembre? ma sai che non sarebbe affatto male? se non coincide con la settimana in cui io e la bionda andremo a spiaggiarci al caldo da qualche parte sappi che io ci sono!

      Elimina
    3. Lui ha già prenotato il tatuaggio. Io ci sto meditando ma credo lo farò presto.

      Ad ogni modo ti tengo aggiornata. Verso agosto è probabile che prenoteremo per cui ti dettaglierò su tutto <3

      Elimina
    4. attendo dettagliamenti! ;)

      Elimina
  7. favolosi "La madia" e il "Tropico" che nasconde l'essenza vera e propria del consumo necessario di pizza pre mestruo...
    non conosco la "Vita Nuova"... è quello segnalato alla rotonda prima di ingegneria?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho mai badato se è segnalato in realtà, ma può essere, non è lontano! (Via Stretta). Vacci, merita molto!

      Elimina
  8. Il Sakura è quello dove siamo andate insieme? L'amore assoluto!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, un altro con lo stesso nome ahahaha!
      Però cacchio me n'ero scordata di quello e dei suoi maki fritti *_*

      Elimina
  9. Oggi zio ggogle si sarà magnato dieci miei commenti.
    Riscrivo
    Il cibo giappi è troppo freddo e mental(oid)e per i miei gusti.
    Ideologicamente e snobisticamente parlando, inoltre, è un cibo troppo di moda per apprezzarlo.
    Considera poi che la cucina giappi è fatta spesso dai ciaini, come quella indiana è fatta dai pachistani.
    'sta frode già in partenza penso che non giovi molto.

    Preferisco la ricerca identitaria nella nostra sterminata cultura gastronomica. Ogni tanto con qualche puntata fuori porta.
    Grazie per le segnalazioni. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra l'altro, leggendo qui e là, ho scoperto che il sushi lo mangiamo e ce lo servono nel modo sbagliato qui (rispetto al Giappone) e quindi anche tutta la questione di immersione culturale va a farsi un giro. Senza contare, come ben dici, che nove volte su dieci i gestori sono cinesi.

      A me il "sushi" (lo virgoletto apposta) piace mangiarlo ogni tanto ma sono più orientata verso altri sapori.

      Prego :)

      Elimina
    2. In che senso "nel modo sbagliato"?

      Elimina
    3. Leggevo che chi prepara il sushi dovrebbe già servirtelo con la giusta quantità di wasabi (che invece non va sciolto nella salsa di soia); che nella soia il boccone va immerso dalla parte del pesce e non del riso; che il sushi va mangiato con le mani e solo il sashimi con le bacchette e forse anche altre cose.

      Elimina
    4. aaaaaaaaaah, ok.
      In effetti è vero, in Giappone il wasabi te lo mettono tra il riso e il pesce, poi sì, nella soia il nigiri andrebbe immerso dalla parte del pesce, ed è vero che lo PUOI anche mangiare con le mani, ma se lo mangi con le bacchette nessun giapponese ti guarderà male! :)

      Elimina
    5. Mi rincuori :D Mi vedevo già con una katana al collo.

      Elimina
    6. Sono le contaminazioni delle cucine esotiche, non molto diverso dai tortellini con ragù (!?) in scatola da aprire e riscaldare nel forno a microonde o degli orripilanti, orribili würstel di pollo senza pelle italici o altre cose del genere.
      Perché queste robe orribili?
      Perché il cibo è frutto di una terra, di una cultura, del rapporto unico e irripetibile del bio-topo con il topo culturale di homo.
      I giapponesi lo hanno ritualizzato, come molte altre culture riconoscono la sacralità del cibo.
      Quindi c'è anche un aspetto simbolico nel cibo e nel modo di farlo proprio per nutrimento e piacere.
      Del resto molti italiani guardano male, se non inorriditi - giustamente - grovigli di spaghetti stracotti, magari in combutta con maionese, polpette, marmellate o altro.

      Poi, come sempre, la trasgressione ecologica una tantum fa bene.
      Che non è certamente la moda, neppure quelle del cibo.

      Elimina
  10. Cibo. La stessa cosa che facciamo io e il mio ragazzo,rotoliamo :c

    RispondiElimina
  11. Questo post mi conferma che andremmo molto d'accordo, io e moglie ci sbizzarriamo in cucina, più che altro ma se dobbiamo spendere soldi allora è per viaggi e cibo :)

    (il BLT di Las Vegas, se non è troppo distante dall'hotel in cui staremo quasi quasi lo provo!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. (Il BLT è dentro il Mirage per cui se alloggiate sullo strip - Las Vegas Blvd - ci passate per forza! C'è anche la burgeria di Gordon Ramsey che pareva interessante!).

      Prima o poi faremo una cena chic :)

      Elimina
    2. Sì, dovremmo alloggiare sulla Las Vegas Blvd...e anche quello di Ramsay mi attira molto...ma dovrei avere il culo di trovare lui (che adoro)

      Per la cena, ci sto! :)

      Elimina

Parlo poco. Scrivo molto. Leggo ovunque.
Faccio cose e non vedo gente.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001 concernente i Disclaimer.

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet, pertanto considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
Tutti i testi e le immagini riportanti la firma dell’autrice sono di proprietà della stessa, pertanto non utilizzabili su altri siti web, blog e affini. Se interessati alla riproduzione di qualsivoglia materiale si contatti l’autrice per stabilire consenso e clausole.