28 settembre 2014

Ecco perché dovete guardare Pretty Little Liars


Certo, certo so ciò che molti di voi stanno pensando: 
"Io che guardo Pretty Little Liars? Assolutamente impossibile! Sei scema? Si tratta di una serie tv per ragazzine tweeny - le ventenni che si sentono giovane dentro e sorvoliamo sul fatto che io non lo sia più da un po', ventenne dico - che fanno acquisti da Forever 21!" Tra l'altro nemmeno capisco cosa ci sarebbe di male nel fare acquisti lì; io il mese scorso ci ho comprato una felpina con su le giraffe che è stupenda, per cui, ecco.
Ma andiamo avanti.

Quel che so è che Pretty Little Liars è migliore, più intelligente e più emozionante di quel che si pensi. Chi non dovesse conoscerlo - oh povera umanità - oltre a leggere qui, deve sapere che si tratta di una serie televisiva dell'ABC basata sui romanzi per giovani adulti (vi prego di porre attenzione sul giovani - adulti) scritti da Sarah Shepard. La trama principale ruota attorno a un gruppo di ragazze adolescenti - Spencer Hastings (Troian Bellisario), Hanna Marin (Ashley Benson), Aria Montgomery (Lucy Hale) e Emily Fields (Shay Mitchell) - la cui amicizia è messa in crisi e distrutta dopo che quella gran stronza, faccia di cazzo della leader della loro cricchetta - Alison DiLaurentis -, scompare e viene, poi, trovata un filino morta. Quando però una misteriosa entità chiamata - A - inizia a molestare le ragazze e a minacciare di divulgarne i segreti l'amicizia, pensa un po', si rinsalda con lo scopo - oltre a quello di fare le fighe in giro - di capire cosa sia successo alla merd... cioè alla migliore amica prima della sua scomparsa.

Dunque, detto questo, io non pensavo che una cagata di questa portata potesse appassionarmi in tal modo e non avrei mai pensato di trovarmi a scriverne per spingere anche gli altri ad ossessionarsene come me. Siete ancora in tempo. La quinta stagione - siamo a metà - è in pausa e riprenderà a dicembre per cui... su, diventate tutti teenager e parliamone e incazziamoci insieme!
Tuttavia, nel caso aveste bisogno di altre spinte verso il fantastico mondo della persuasione, cercherò di fornirvi altre validissime ragioni!




1. Moda e accessori 



L'abilità delle ragazze nella scelta dei vestiti e nell'abbinarci di tutto è da A +, se, naturalmente, non badiamo al fatto che 'ste sgallettate vanno a scuola vestite come probabilmente io non andrei nemmeno al mio matrimonio. Per tutto questo dobbiamo ringraziare la costumista Mandi Line che ha portato le ragazze di PLL a essere nominate come Best Dressed Cast e ha ispirato una linea di abbigliamento venduta dalla catena Aeropostale. Chiaramente si sono dimenticati di specificare che se non sei un pezzo di figa quei vestiti ti staranno di merda. Ma va be'.

2. Rifarsi gli occhi


Qui non ci sono solo sgnacchere e, per fortuna, il mio sentimento di inadeguatezza viene riequilibrato dalla presenza di qualche bel faccino. Non che ci sia gran rappresentanza del mio tipo d'uomo ideale (da leggersi: un po' boscaiolo), ma non posso assolutamente lamentarmi. Insomma si approda qui per il dramma e si rimane per gli uomini.

3. L'ansia


Potrei dirvi il perché, ma non lo farò. Vivo anche io nel terrore di - A-. Ma la trama è avvincente e piena di sbalorditivi colpi di scena e, alla fine di ogni puntata, nonostante il buon senso vi dirà di mollare 'sta merdata, non riuscirete a non pensare all'episodio successivo.

4. Gli anni di merda delle scuole superiori



Le ragazze, alle superiori, sono delle totali stronze vero? All'epoca odiavo essere immischiata nei vari pettegolezzi, sotterfugi e cattiverie ma ora che posso guardarli al sicuro - e comoda - sul mio divano mi piace farne parte e sguazzarci come la peggiore delle merde!

5. La fiducia


Non puoi fidarti di nessuno. Il lavoro degli sceneggiatori è incredibile: riescono sempre a farti credere che un personaggio sia in un certo modo a far sì che si guadagni fiducia e simpatia per poi... taaac... pugnalarti alle spalle. E, cristo, lo fanno in un modo magistrale. C'è da imparare. In tanti sensi.

6. Ho già parlato dei maschi?


Maschi che, tra l'altro, credo soffrano di una strana allergia ai tessuti perché sono sempre a torso nudo. Sempre.

7. Remembering "Una mamma per amica"



PLL viene girato sullo stesso identico set di Una mamma per amica. Personalmente non l'ho mai seguito molto e ho scoperto la cosa solo dopo una visita agli Studios a Burbank (California) dove mi era stato fatto notare come molti elementi siano rimasti immutati. Tanto per fare un esempio il Luke's Dinner è diventato, qui, l'Apple Rose Grille.
Per gli amanti di quella serie, quindi, c'è un motivo in più per appassionarsi a questa.

8. Nessuna censura per le bandiere arcobaleno


Una delle protagoniste, ad un certo punto della serie, decide di fare coming out sulla propria omosessualità. Sia i fan che la critica hanno plaudito al modo in cui il tema è stato trattato e AfterEllen.com ha sottolineato, in un articolo, come la serie sia riuscita a dimostrare come a volte le cose possano andare nel verso giusto. In un periodo in cui i suicidi tra i ragazzi/e omosessuali e il bullissimo da loro subito sono sui giornali ogni giorno è un piccolo segnale di apertura e speranza.
Amen!

9. Gli anni '90


Per chi fosse appassionato delle serie tv degli anni '90, PLL o meglio, le mamme di PLL, rappresentano un bellissimo tuffo nel passato: Chad Lowe di Life Goes On, Hollie Marie Combs di Streghe, Nia Peeples di Top Of The Pops e Laura Leighton di Melrose Place. Insomma un bel quadretto.

10. I tacchi


Okay. Io sui tacchi non ci so camminare e manco li metto altrimenti non passerei sotto le porte però, mannaggiacristo, 'ste qua hanno sempre delle scarpe favolose. A scuola, in passato, non ho mai visto ragazze indossarli però, ecco, chi lo sa che in questi dodici anni le cose non siano cambiate.
Scarpe favolose in ogni angolo.

11. Un po' di sana consapevolezza


Tutte e quattro le ragazze, nonostante gli eventi, si rifiutano di essere delle vittime e soccombere e fanno della reazione la loro bandiera. Questo è un bell'insegnamento per chiunque, sia che provenga da La mistica della femminilità di Betty Friedan sia che arrivi da PLL.

Quindi, insomma, andate a guardare Pretty Little Liars che ho bisogno di qualcuno - che abbia più di vent'anni! - con cui parlarne!



Share:

33 commenti:

  1. Io lo guardo dalla prima stagione, quando non era ancora passato in tv, immagino come te.

    E sono letteralmente drogata!!

    Ricordo che le prime 5/6 puntate le vidi una dietro l'altra, perché non lo scoprii subito-subito.

    Inutile dirti che lo adoro, e che pure io ho un sussulto quando arriva una notifica sul cellulare :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho scoperto un paio di anni fa quando le prime due stagioni erano già finite e, come te, mi ci sono tuffata a pesce e le ho guardate dimenticandomi perfino di mangiare :D

      Elimina
  2. Nia Peeples dovrebbe essere anche la poliziotta presente in Walker Texas Ranger.
    Cooomunque, c'è una mia amica che ci sta sotto per PLL, ma ho una domanda: essendo tratto da una catena di romanzi... non si può conoscerne il finale, ossia tutta la storia di A? :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I romanzi non sono finiti, nel senso che la Shepard li sta scrivendo man mano. Io ne ho una decina in inglese (faccio cagare lo so!) ma ne sono usciti parecchi altri. Per alcune cose si discostano abbastanza dalla serie per cui diciamo che potrebbero essere d'aiuto fino a un certo punto!

      Elimina
    2. Ah, quindi è probabile che romanzi e serie tv divergano del tutto.
      Mi sa che lo stesso è accaduto con Dexter.

      Moz-

      Elimina
  3. Lo guarderei per il punto 9.

    Ma la verità è che sono una fottuta pigra, non lo farò mai...

    RispondiElimina
  4. so che lo guarda mia figlia

    RispondiElimina
  5. ...io lo A D O R O è stato il telefilm che ha segnato e sorpreso questa grigia estate...
    innamorata follemente di Fitz, manco fossi un'adolescente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, vedi perché noi dobbiamo diventare subitissimo amiche? Anzi, se mi ricordo ti faccio la richiesta su fb perché urge spettegolare!
      Non so se tu sia in pari con la serie per cui mi cucio la bocca!

      Elimina
    2. sto seguendo la quarta su italia1...
      ma mi metto di buzzo buono, e vado di streaming di cattiveria
      siamo destinate Mareva!

      Elimina
  6. io l'ho accannato a metà della prima stagione. So insopportabili 'ste tizie. Poi se ci pensi, tutta la loro ricattabilità ha origine dal fatto che ommioddio, non volevano dire che si erano ubriacate una sera!
    Comunque mi sono data una bella spoilerata sulla trama dei libri e... beh... alla fine beautiful è meno contorto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dire contorto è poco. Io tre quarti delle cose le ho dimenticate :D
      Però, sappi che hanno motivi di ricattabilità fichi, ora, nella quinta stagione!

      Elimina
  7. Hai stra ragione, condivido tutti i punti, ma ne manca uno: il trash! Le espressioni di Emily, gli outfit di Aria, la parrucca si Spencer nell'ultima stagione, le mamme un po' milf, la faccia di Toby, quella stronza di Alison e i capelli unticci che si ritrovo :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dio Toby... che faccia da cazzo che ha! Ma non possono fargli una plastica? Comunque Aria è imbattibile ahaha!

      Elimina
  8. un elenco esaustivo e molto persuasivo, complimenti.
    però in fondo non c'è bisogno di una ragione per guardarle.
    le pretty little liars vanno amate irrazionalmente e basta :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahaha, quindi mi dici che questo folle amore non deve avere spiegazione? :D

      Elimina
  9. Pretty little liars è una droga.

    PORCA EVA.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma informatemi che siamo così tanti a guardarlo! Facciamo un club!

      Elimina
  10. A parte che io non mi spiego come, nelle serie tv americane, ci sia sta cosa che le adolescenti sono sempre fighe. Ma dove? Ma quando? E' già tanto se quando ti svegli al mattino hai un bubbone solo.
    E comunque, bon, mi hai incuriosita. Mi sa ch euna chance gliela do. Anche perché sto finendo di guardare per l'ennesima volta Sex&TheCity e devo rimpiazzarlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poi guarda loro sembrano appena uscite dalla copertina di Vogue. L'irrealtà proprio.
      Ad ogni modo drogati così poi ne parliamo <3

      Elimina
  11. Giuro che appena ho (ok, stavo scrivendo un: buco libero, ma non mi sembra il caso) più tempo e finisco Orange Is the new black mi dedico a questa serie :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahahahaha! :D
      Brava! E io giuro che mi dedico a Orange is the new black. Ne parlano tutti!

      Elimina
  12. l'avevo iniziato a guardare... ma poi... me lo sono perso!! Non ho più la costanza di seguire nessuna serie... sigh!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooooooooooo, riprendilo. Ritorna fra di noi!

      Elimina
  13. Questo post è uno spasso! Allora, io non l'ho mai visto. Diciamo che:

    1. il modo di affrontare l'argomento omosessualità è uno di quelli che ho apprezzato di più nella serie Grey's Anatomy, nel senso che tra i protagonisti ad un certo punto spuntano lesbiche, gay e bisessuali che poi mettono su famiglia e la questione viene affrontata in modo talmente normale e naturale (non tipo il ragazzo gay che fa coming out, la gente che si butta di sotto per lo shock, lui che si innamora di qualcuno ma gli va tutto male siccome poraccio è gay aka natosbagliato, non so se mi spiego) che ti chiedi come mai la gente si faccia tante pippe mentali per accettare persone come loro. Quindi +100 punti per PLL

    2. il primo punto me gusta

    3. ero scettica anche quando mi hanno consigliato The Vampire Diaries e invece mi piace un sacco

    4. i maschi mezzi gnudi bastano da soli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahaha, il tuo commento mi è piaciuto un sacco.
      Soprattutto il punto 4.
      Riguardo all'1, ti sei spiegata benissimo e speriamo, che nel loro piccolo, questi esempi possano servire a qualcosa.

      Elimina
  14. Me ne vergogno tanto ma... non riesco a smettere.
    Il trash che impera in ogni inquadratura, i manzi ovunque, gli outfit per la scuola come se si andasse a una serata di gala o a battere (a seconda del personaggio), la sceneggiatura totalmente inverosimile e PER QUESTO funzionante alla perfezione: Pretty Little Liars va vista.

    (ma adesso vorrei che finisse, DEVO sapere chi è A!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma quanta verità c'è in PLL? Quanta? Ormai è il nostro faro guida!

      Elimina
  15. Lo guardavo in streaming in lingua originale (ehhmm sottotitolato ovviamente) tipo due o tre anni fa!
    Poi mi sono un po' persa tra altre varie serie tv e esami universitari...
    ma sì, Caled tanta roba. 10+. Lo seguo anche su instagram :D:D

    RispondiElimina

Parlo poco. Scrivo molto. Leggo ovunque.
Faccio cose e non vedo gente.

Il passato è una terra straniera

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001 concernente i Disclaimer.

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet, pertanto considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
Tutti i testi e le immagini riportanti la firma dell’autrice sono di proprietà della stessa, pertanto non utilizzabili su altri siti web, blog e affini. Se interessati alla riproduzione di qualsivoglia materiale si contatti l’autrice per stabilire consenso e clausole.