3 settembre 2014

Listography # 36 - Your most memorable injuries and illness

The Life In A Year

Sì, lo so. Ho finito la stagione quasi tre giorni fa e ancora non ho fatto un post di pettegolezzi-aggiornamenti. Lo so. Lo so. Giuro che lo farò presto, devo solo ritrovare il ritmo, o meglio un nuovo ritmo ché avere tutta la giornata libera mi sta destabilizzando e non faccio che sprecare minuti.
Oggi, quindi, vi beccate la nuova lista che ha lo scopo di rivangare felicissimi momenti di malattia e dolore del mio passato.
Fortunatamente sono una che si ammala poco e si fa ancor meno male. Sarà perché ho paura di tutto.

Your most memorable injuries and illness

● Frattura al polso sinistro. A tredici anni giocavo a fare i flips con i rollerblade. Ero una ragazzina un po' yo e con i pattini ci andavo anche a scuola. Fatto sta che volendo fare la figa sono caduta e il mio polso sinistro ha detto ciaociao.
● Attacco da parte di millemila meduse. Che poi... attacco... diciamo che sono una rincoglionita e ci sono finita in mezzo. A 22 anni vivevo a San Francisco e spesso, la mattina prestissimo, andavo a fare surf. Molto spesso usavo la muta con i pantaloni fino al ginocchio (furba, lo so). Quella mattina ho avuto un incontro ravvicinato con una famiglia di meduse che non hanno gradito e mi hanno ustionato le gambe. Che carine.
● Mano gonfia per due settimane causa pugno al muro per scaricare tensione e frustrazione.
● Incidente a sei anni. Io e mio babbo siamo stati investiti. Per fortuna senza grosse conseguenze.
● Influenza mortale! Cinque-sei anni fa febbre a 40 con conseguente delirio. Pazzesco e bellissimo.
Share:

23 commenti:

  1. quella della mano gonfia è spassomamente da imbecilli ! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so. Quanto mi sono sentita scema lo so solo io!

      Elimina
  2. Oddio le meduse sono il mio terrore...

    RispondiElimina
  3. LE MEDUSE! Che ansia. Al mare ne ero talmente terrorizzata che prima di entrare in acqua stavo a riva a fissare le onde per 10 minuti buoni. E osservavo i bambini; se scappavano fuori urlando, pericolo meduse. E me ne stavo fuori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eri saggia già da bambina, tu!

      Elimina
  4. Ho letto "cinque- sei anni di febbre a 40...." ho pensato stessi commentando il blog di un fantasma xD Da bambino ero solito prendere le meduse con un retino e metterle sugli scogli ad appassire. Mai vista più una medusa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahahaha, diomio immagina!
      Da bambino eri crudelissimo :D

      Elimina
  5. Ahhhhh il ho il terrore delle meduse, anche se non ne ho nemmeno mai vista una da vicino - per fortuna!!
    Ma io mica lo sapevo che vivevi in America!! :O Come hai fatto?? Cioè, con chi? Che facevi? Anche io voglio!! T.T

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono creaturine interessanti eh ma stronze.

      Ho vissuto quasi un anno lavorando per il governo. Detto così fa figo ma semplicemente (grazie a un'associazione italiana) sono riuscita a trovare un lavoro iniziato come volontariato (per un mese) e proseguito poi retribuito presso il Golden Gate Park. Facevo, insieme ad altra gente, manutenzione del parco. Ho, poi, la fortuna di avere amici a Los Angeles (grazie a un trimestre estivo passato là presso una famiglia a 17 anni) da cui torno spessissimo.

      Elimina
    2. Invidia a mille!! Io tramite l'uni ho trovato uno stage presso un'azienda che organizza eventi a Los Angeles, ma purtroppo (per forza) i costi sono esorbitanti e non posso permettermelo a meno di vincere domani alla lotteria... Però uff voglio assolutamente fare un coast to coast da NY a LA!!!

      P.S. Ti ho nominata per il premio The Very Inspiring Blog Award! http://bettimisbehaves.blogspot.it/2014/09/the-very-inspiring-blog-award-e-ultimo.html ;)

      Elimina
    3. I soldi sono sempre un tasto dolentissimo. Ti capisco bene.
      E... grazie!

      Elimina
  6. Io sono faccio alle meduse l'effetto che fanno le carte appiccicose gialle alle mosche. Credo di aver così spiegato la mia solidarietà nei tuoi confronti, sorella. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahaha, hai reso perfettamente (e tristemente) l'idea.

      Elimina
  7. Io ho il terrorissimo delle meduse. Quando devo buttarmi in mare mi cago sotto per quelle. O per gli scogli che mi fanno paura lo stesso.

    RispondiElimina
  8. Quest'anno mi sono tuffata, mi giro circa 15 meduse intorno XD non so come ne sono uscita viva.

    (tranquilla, siamo tutti in post-estate... dobbiamo pigghiddiarci :D )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ansia. Della serie: ne sopravviverà solo una!

      Elimina
  9. il pugno da frustrazione valeva anche 3 o 4 settimane di più...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahaha! Nonostante tutto mi ha fatto un gran bene!

      Elimina

Parlo poco. Scrivo molto. Leggo ovunque.
Faccio cose e non vedo gente.

Il passato è una terra straniera

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001 concernente i Disclaimer.

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet, pertanto considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
Tutti i testi e le immagini riportanti la firma dell’autrice sono di proprietà della stessa, pertanto non utilizzabili su altri siti web, blog e affini. Se interessati alla riproduzione di qualsivoglia materiale si contatti l’autrice per stabilire consenso e clausole.