14 ottobre 2014

Flusso di (in)coscienza # 7

Schiantarsi sul divano e cercare un'altra via. Possibilmente senza compromessi, nelle notti che fanno perdere l'equilibrio alle stelle. I fili ci spiegano che la vita termina a un certo punto, che ci sono i nodi e i tratti sciolti, che scivoli via spinta dal caos della città e dalle more della campagna. 
Ho perso il tempo nel tempo.
La forza nella rabbia. 
Ho preso la discesa più ripida e mi sono lasciata crollare.
Ho preso a rotolare vortici, vortici di me sulla strada.
Mi sono dedicata tutto il pessimismo del mondo.
Ho dimenticato di restituire le chiavi.
Di sostare pagando.
Di restare in silenzio.
Non ripudio il destino, solo mi faccio figlia.

A dio
Agli amici più grandi
A tutta la terra
A chi ho perso per strada
A me
Che sono un represso
A te
Che mi hai reso tale
A voi
Felici nel fango
A noi
Disillusi e tristi
Al nostro futuro
Vestito di stracci
Alle nostre madri
Perdute nel parco
Ai nostri bambini
Che non ci capiranno
Ai nostri sogni
Per sempre in letargo
Non c'è più speranza
Non c'è più speranza.


Share:

25 commenti:

  1. ...te lo devo dire, questa volta, per il mio cervellino sei criptica...
    posso solo dirti che la sensazione che lascia è amara, ma non del tipo carciofo, più del tipo pazzesco, di marmellata d'arancia mangiata sopra una fetta biscottata, post una tazza di latte troppo zuccherata...
    hai presente come?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho presente. Proprio ieri ho fatto dei biscotti di frolla ripieni di marmellata di agrumi amarissima.
      Ma va bene se il tutto è criptico. Questo è il tipico caso in cui scrivo per me e non per essere capita!

      Elimina
    2. Bene che tu abbia scritto per te stessa, a volte fa bene.

      Ma i biscotti?? Cavolo, devo proprio venirti a trovare...

      Elimina
    3. Bisogna che ci vediamo noi. O quando tu sei a Milano o quando io sono in Romagna. Ti porto talmente tanto cibo che poi ne hai da andare a correre per smaltire :D

      Elimina
  2. Una speranza c'è sempre, ed è in quelle cose che hai elencato: nell'altro loro faccia.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di natura non dò gran fiducia alla speranza, è troppo aleatoria e io sono un po' troppo concreta per ingannarmici :D

      Elimina
  3. Un flusso interminabile.... Che spazza via anche anche il passato, e nella maggior parte dei casi non sai più chi sei...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aiuta a ricostruirsi, magari.

      Elimina
    2. Ci vuole tanta forza di volontà e di credere nel futuro. Che certi eventi, il cui verificarsi non dipende dal tuo operato, ma da quello degli altri, non si ripetano più.

      Elimina
  4. sai Mareva, io alla poesia preferisco la prosa. secondo me la vita la si vive meglio in questo modo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fra', ce sarebbe anche la prosa poetica che coniuga e concilia belle sensazioni...

      Elimina
    2. @francesco: la prosa vince. Io con la poesia non ho un gran rapporto. Non ne so scrivere e non amo leggerla. Amo però le canzoni (vedi il testo citato) e forse sì, quelle un po' sono poesia.

      @franco: la prosa poetica dà senso a tutto.

      Elimina
    3. sì, quella è poesia. e non perchè è canzone

      Elimina
  5. Comunque mo' è finita la cioccolata belga?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha, no. Ne ho ancora due tavolette (fondente al caffè e fondente all'anice) ma ho fatto il pieno!

      Elimina
  6. I sogni, anche se vanno in letargo, prima o poi si risvegliano e non potremo far nulla per non esaudirli, e poi la speranza risale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io spero risalga la forza perché la speranza, proprio, non fa per me.
      Però, sì, sono d'accordo. Poi ci si sveglia <3

      Elimina
  7. Che belissimo tornare a leggerti ispirata in cotal guisa! #Mimmmancavi..
    Azzeccchi locuzioni incatenate di rara efficacia ,quando ti piglia così.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già il sole fatto che tu abbia usato il termine "guisa" per un commento ha reso radiosa la mia giornata e ha fatto essere queste parole vecchie. Mi hai rallegrata!
      E grazie, davvero.

      Elimina
    2. Donna Mareva, Lo GiullarGio acciò fu deputato dalle Muse
      *prostra il rostro tosto atterra*

      Elimina
  8. Io istintivamente associo un colore ad ogni cosa.
    Questo post è nero lucido, quello che non potresti immaginare più nero. Ricorda solo che quelle discromie che da lontano sembrano macchie sono i riflessi della luce.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello quel nero. Per fortuna non è un colore che associo a cose brutte per cui sì, i riflessi della luce li vedo. <3

      Elimina
  9. brutta Bestia l astinenza da cioccolato e da birra eh
    :-P

    c'è sì, speranza. sei tu, la tua stessa speranza ;-)

    RispondiElimina

Parlo poco. Scrivo molto. Leggo ovunque.
Faccio cose e non vedo gente.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001 concernente i Disclaimer.

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet, pertanto considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
Tutti i testi e le immagini riportanti la firma dell’autrice sono di proprietà della stessa, pertanto non utilizzabili su altri siti web, blog e affini. Se interessati alla riproduzione di qualsivoglia materiale si contatti l’autrice per stabilire consenso e clausole.