1 novembre 2014

Del perché non mi piacciono i peni grandi

It's penis time! 
Post a discreto contenuto di peni e sinonimi vari, siete liberi di non leggere <3

Qualche giorno fa mi sono vista, come spesso accade, a Milano con Susanna e, oltre ad aver mangiato sushi come se fossimo appena uscite da una quarantena alimentare e aver fatto pettegolezzo selvaggio ci siamo, anche, scambiate un paio di regali.
Susanna non si smentisce mai.
E mi conosce molto bene.
Mi ha portato dei biscotti fatti da lei, mostruosamente buoni, al cioccolato e cannella mi ha anche dato questo:


Poi ditemi come si fa a non volerle tanto bene.


Sfogliando questo bel librino mi sono messa a riflettere su come io non sia, per nulla, un'amante del cazzo grosso, detto proprio così, come lo direbbe mia nonna. Ne ho avuto una ben precisa coscienza e conoscenza quando mi sono buttata in quella simpatica esperienza di cui vi ho raccontato qui e nei post lì linkati. Non che mi facciano schifo, sia chiaro, mica si sputa nel piatto in cui si mangia e senza dubbio melius abundare quam deficere come diceva quella brava gente che parlava latino tanti anni fa ma... lo so ho detto ma parlando di peni grandi (non me ne voglia Susanna!) oh, io preferisco, nonostante tutto, la vecchia e saggia via di mezzo. Liscia, pacata, serena, perfetta. Senza intoppi, conosciuta ma mai deludente.
La questione dei giganteschi pirilli tormenta gli uomini dalla notte dei tempi. Me lo immagino io Nerone incazzarsi per averlo sotto la media e appiccare fuoco a mezza città, per dire. O Marco Antonio. Si narra che, una manciata di anni fa, Cleopatra finse il suicidio per far sì che Antonio potesse ricordarsi di amarla e tornare da lei ma lui - povero deficiente - mica se ne rese conto e, convinto che la donna avesse compiuto l'insano gesto a causa sua (sindrome del piccolo pisello), cercò d'accopparsi. O, senza fare tanta strada temporale: quando la NASA ha cominciato a fornire i contenitori delle urine per gli astronauti ha rilevato un problema imprevisto. A ogni astronauta veniva data la possibilità di scegliere tra contenitori in cui infilare l'attrezzo (capite bene c'è assenza di gravità e le piogge dorate non so quanto siano piacevoli lassù) di dimensioni piccole, medie o grandi ma nessuno, quasi mai, sceglieva una delle prime due continuando, ovviamente, a sguillare ovunque, con alcune conseguenze indesiderate. Per risolvere questo problema, la NASA si è inventata 'na roba brillantissima; contenitori etichettati con: grande, gigante, e gigantesco.

L'ansia del pene, quindi. 
E pensare che credevo avessimo le paturnie noi donne. 


Dunque perché io preferisco il pene di misura normale? Lo faccio per essere gentile contro quelle facce di merda che, invece, a noi fanno pesare di non essere: abbastanza magre, col culo abbastanza sodo o le tette abbastanza grandi?
No, in realtà no, ma per alcuni semplici motivi. Semplici ma ben precisi.

1. Più grande è meglio è (solo se rimaniamo entro certe misure)

Guardo un pene di venticinque centimetri nello stesso modo in cui guardo un carro armato: sono belli da vedere, ma se un ragazzo pensa di parcheggiare nel mio garage, be', si sbaglia. Solo perché ha l'attrezzatura non significa che, necessariamente, sa come funziona e, soprattutto, non c'è alcuna correlazione tra le dimensioni del cazzo e le sue abilità a letto. Ovviamente. 
Mi fido di più di ragazzi che non sono stati dotati di un ariete: sicuramente conservano un po' di sangue nel cervello che li rende capaci di capire che hanno davanti un essere umano e che il cazzo non basta se attaccato c'è solo un coglione. Magari pure avvizzito.

2. La ricerca di un pene di certe dimensioni è molto in basso nella lista delle mie priorità - anche se fossi single

Hai il cazzo grosso. Bene. E poi? Ah be', sì, hai il cazzo grosso certo. E... ma dai, hai il cazzo grosso? Insomma, ma chi te s'incula se l'unica cosa che hai è il cazzo grosso.  Anche perché il sesso non è solo parcheggiare il tuo camioncino nel mio garage e se sei incapace di qualsiasi altra azione di mano o lingua be', divertiti tu con il tuo cazzo a guardarti allo specchio e a pensare a quanto sia grosso. E piccolo il tuo cervello.

3. Solo perché peni grandi sono lo standard nel porno non significa che dovrebbero esserlo nella vita reale, grazie

Se usata correttamente, la pornografia può essere un ottimo strumento per l'educazione delle masse e andrebbe guardata con maggior rispetto e con una mente più aperta invece che come qualcosa che ci dica come dovremmo scopare e come dovrebbe essere il nostro corpo anche perché, poi, passa l'idea che fare sesso con un pene davvero, davvero, davvero grande sia di gran lunga più bello che farlo con un uomo normalmente dotato. Le aspettative sui big penises sono troppo alte, giuro. E questo cosa significa? Che molto spesso i PDI (i peni di dimensioni inusuali) deludono. Ma deludono tanto e forte. Si tratta, la prima volta, di un'esperienza fortemente disorientante che vuoi e che non vuoi e che alla fine ti fa venir voglia (almeno a me) di alzarti, bere un sorso d'acqua e andartene, serena, per la tua strada. 
Se poi dovesse capitarti di vedere una ragazza piangere sull'autobus non per la fine di una storia ma per aver appena perso l'opportunità di scoparsi un superdotato falle un favore e dille che no, davvero, non stiamo parlando di qualcosa fuori dal mondo.

4.  I PDI possono essere dolorosi, essì

Quando gli uomini discutono sui meriti di avere un pene grande, trascurano spesso il fatto che, per buona parte delle donne, è un filino doloroso avere rapporti con una bottiglia di Coca-Cola da due litri. Non importa quanto debba essere bello per l'ego di un uomo sapere di avere un martello pneumatico invece di un giocattolo Fisher Price. La triste verità è che, in realtà, è molto difficile per gli uomini ben dotati trovare partner in grado di gestire la loro attrezzatura perché, donne, non importa se siete la Vergine Maria o se avete avuto rapporti sessuali con l'intera scuola quando avevate diciassette anni, se non si hanno regolarmente rapporti sessuali con un uomo con un PDI, farà male. Sì.
Infatti, se non è stato precedentemente incontrato un PDI o non sono stati spesi tempo e fatica per arrivare a un certo livello accadrà una di queste due cose: 1) vi sembrerà di partorire. Al contrario o 2) non sarete in grado di avere un rapporto sessuale e tutto il lubrificante e i preliminari del mondo non serviranno a lavare via la vergogna e la delusione di non essere state capaci di prendere il vostro primo cazzo enorme. Dove non importa. La delusione sarà, comunque, cocente.

Queste sono le motivazioni per le quali io mi sento perfettamente felice se accompagnata da un pene normalissimo, senza velleità. Simpatico e nella norma. Non ci sono menate, illusioni, paragoni, sangue e dolore. Perché, insomma, non è che fare sesso faccia schifo e se posso non fare fatica sono decisamente più contenta.


Share:

49 commenti:

  1. Hai perfettamente ragione. Un pene fuori norma può essere bello da vedere, può essere divertente per certe cose, ma nella vita di tutti i giorni non è affatto divertente, immagino anche per coloro che ne sono portatori. Devo tra l'altro sottolineare come
    A) nel porno sembrano tutti grandi ma in realtà sono tutti inquadrati dal basso/ gonfiati anche chirurgicamente.
    B) nella realtà i portatori di peni giganti sono spesso brutti.
    C) molte volte l'ego corrisponde ai centimetri e questo non è bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Belli sono belli certi peni eh, niente da dire però sì, hai ragione... spesso intorno ha un grande pene ci sta una faccia mica tanto bellina. Oh, meglio così. Mica possono sempre avere tutto gli altri eh!

      Elimina
  2. La mia amica Giorgia nata due anni esatti prima di me, che di cazzi ne ha visi tanti, un giorno mi disse "non bisogna essere ipocriti, le dimensioni contano". Io la penso come lei. E lo dico benché nessuna si sia mai lamentata (che io sappia)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certo, sul fatto che contino (in negativo o positivo?!) siamo d'accordo e, infatti, ben sottolineo che è meglio l'abbondanza che la carestia! Poi, personalmente, tra abbondanza e media preferisco la media. Ma credo di essere una delle poche!

      Elimina
  3. Poichè faccio anch'io parte di quella gente che usa il latino ad mentula canis, mi pare doveroso dire che sì, è vero; virtus in media stat!
    Per quanto un pene troppo grosso sia come un peluche gigante su un lettino singolo (cioè ingombrante e attirapolvere), nemmeno un pene troppo piccolo va bene!
    Ci vuole la giusta misura e, soprattutto, la giusta "forma"! Niente peni arcuati verso su, niente curve a gomito, niente sinusoidi; ritto, funzionale e preferibilmente accompagnato da un cervello.
    E' chiedere troppo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso non sia chiedere troppo, penso dovrebbe essere legge e penso che, a quelle povere donne che si trovano a convivere con un pene esageratamente grande, dovrebbero essere forniti gratuitamente panni antipolvere ché, come hai ben sottolineato, portano con sé molte disgrazie.

      Elimina
  4. Uuuuhhhh che m'hai fatto ricordare :-D
    Una delle più grandi soddisfazioni della mia vita!!!
    (sessualmente parlando invece, in quel frangente, soddisfazione non pervenuta!)

    Sottoscrivo tutto, pure la punteggiatura!
    E ancora grazie, ancora:-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No be', ora sono curiosa :D

      Meno male che la punteggiatura è decente, mi sarebbe dispiaciuto farti fare brutta figura!

      Elimina
    2. e' successo che mi sono ritrovata nel MIO letto (perché c'avranno anche il cazzo grosso ma poi si fanno fare ancora il bidet da mammà!) il Lorenzo Lamas della Bovisasca ed il suo bilico a rimorchio.

      Egocentrati ed egoisti così non ne ho più visti, grazie al cielo.
      C'ho il cazzo grosso e che ti basti....e invece no che non mi basta.

      E niente.Ci ho provato a far funzionare la cosa ma niente. Andava chiusa la pratica nel modo più veloce possibile e quindi...ho chiesto a lui ed al suo bilico di andare a parcheggiare fuori da casa mia.
      E siccome non ci poteva credere gli ho preso ad una ad una tutte le sue cose (i calzini- uno alla volta-, i pantaloni, la cintura, i boxer, la maglia della salute e glieli ho lanciati tutti sul pianerottolo.

      Vederlo zampettare coprendoselo a due mani fino al terrazzino della monnezza non ha prezzo!!!!

      Elimina
    3. Su "bilico" ho capito che sarebbe stata una storia divertente. Hai fatto benissimo. Contando, poi, che con quell'attrezzo ti portava via un sacco di spazio in casa. I libri, poi, dove li mettiamo?

      Elimina
  5. il pisellonio va definito grande quando è godibile senza ripercussioni psicologiche. Quando lo puoi usare tipo alabarda spaziale è tempo di iscriversi al circo o di darsi al porno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Alabarda spaziale! ... madreeeeh, che donna!
      Comunque sono d'accordissimo. D'altra parte immagino sia pure soggettivo. Magari per Genoveffa, che ha fatto pratica nella stalla di famiglia, 25cm sono nulla!

      Elimina
  6. in poche parole: "torre di pisa" batte "tour eiffel" =P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahaha, ecco, sì! E detta così è pure più elegante!

      Elimina
  7. Dei delitti e dei peni, direi. Io so solo che un giorno, a una mostra di Mapplethorpe, mi sono sentito profondamente inadeguato, però poi è passata (del resto era veramente una mostra del cazzo...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sappi che alle sue mostre il sentimento di inadeguatezza è comune. Che fotografo del cazzo ;)

      Elimina
  8. Comunque negli spogliatoi del calcetto tra uomini anche rigorosamente etero ci si guarda li

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi pare sano! Mi stupirei che non fosse così.

      Elimina
    2. Dai, mica saremo nella situazione che la sana curiosità è deprecabile? Su!

      Elimina
  9. Hahahahahaha felice che i miei regali siano stati tanto graditi! ( e sappi che son già quasi a metà del primo libro *_*)
    Io son dell'idea che, esteticamente parlando, il pirellone fa la sua figura. Cioè l'effetto che fa aprire un pacco e trovarci un birillo da bowling è diverso dal trovarci un cetriolino. Però concordo con te, nonostante a me di piselli di dimensioni fuori dal comune non sia mai capitato di trovarne, dal lato pratico non dev'essere il massimo della vita. Poi, noi, come ci sia già dette, siamo donne dalla vagyna minuta. Un robo grosso come un avambraccio, per quanto bello, non saprei dove metterlo e soprattutto COME metterlo. Però devo fare la donna dalle opinioni impopolari e dire che il detto "non importa la dimensione, importa come lo sai usare", non vale per tutti. C'è un limite anche lì. E' brutto da dire, puoi essere bravo quanto vuoi, ma se a malapena riesco a capire che è entrato è un po' difficile che io faccia i salti di gioia.
    (e non toccatemi Mapplethorpe ché io da fotografa lo amo! :D )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sulla questione dell' "usare" sono completamente d'accordo. Prima di tutto ci deve essere un po' di materia prima altrimenti non andiamo da nessuna parte, poi, l'abilità fa la differenza.
      Comunque noi mini-vagine saremo mini ma molto fiche.

      (Brava per il libro *_*)

      Elimina
  10. Dei cazzi e dei controcazzi... :)
    Maaaa... non e' che sia una fissazione maschile?
    Nel senso che, dato per scontato che un cazzettino tipo dito possa creare qualche problema, pensare che un cazzo grosso garantisca un piacere grosso e' un po' come pensare che un piatto grosso di pasta sia migliore che un piatto normale di pasta. Pasta fatta come? di quale qualita'? al dente? etcetcetc.
    Il discorso dei tentativi naif di tentare di aumentare la qualita' aumentando la quantita' temo che sia di derivazione statunitense. Tanto - grosso - grande - costoso e' bello.
    Ovvio che sia una minchiata pazzesca. Penso alle loro auto baraccone, ad esempio.

    Io penso che il fisting possa essere molto piu' piacevole, per chi lo desidera.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo anche io sia, per certi versi, una fissazione maschile. Come lo è quella femminile di un certo fisico e di una certa magrezza. Modelli imposti che diventano la norma.

      Elimina
    2. "Un pene simpatico".
      Sto morendo dal ridere.

      Elimina
    3. Eh be', non è da tutti essere anche simpatici!

      Elimina
  11. Quanta saggezza.
    Inutile dire che sottoscrivo ogni riga.
    Che davvero, a certi livelli che ci fai? o lo usi come mattarello per tirarci la sfoglia o... tutto il resto è noia. E fastidio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come matterello per la sfoglia, tra l'altro, sarebbe di un'utilità non indifferente.
      E poi dai, insomma, a certi livelli preferisco rivestirmi e arrangiarmi.

      Elimina
  12. Un giorno dirò a Lui
    "Ciccio ma levati! Me la sposo io!"

    Ora mentre sono in viaggio accompagnata da una simpatica nonnetta ti racconto una simpatica storiella

    Nel mio gruppo di amici c'era un conoscente, e come hai ben detto parafrasando: "cazzo grosso, cervello minuscolo"
    Ci provava e anche tanto, ma io non me lo filavo, quando un giorno per una serie di sfortunate coincidenze e alcool finii con lui.

    Per tutta la settimana successiva i tre nostri amici in comune non facevano altro che tirare frecciatine e battutine manco fossero ragazzini di 16 anni
    Stanca azzitti tutti dicendo: "senti, è davvero inutile avere la ferrari e non saperla guidare. Quindi io fossi in te non mi vanterei di niente. Ah e per la cronaca: ho finto."

    Ne conseguirono grosse risate dai miei amici e lo stupore e la vergogna da parte di Ciccio e i tre moschettieri.

    E la consapevolezza che farei soldi a palate come doppiatrice porno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei in ottima compagnia, come doppiatrice. Per lo meno ci garantiremmo la minestra!
      Per il resto: poverini quelli che credono di essere il loro cazzo (o quelle che credono di essere la loro vagina eh) senza rendersi conto che ce l'abbiamo tutti. Mi fan pena. E tu gli hai causato più dolore così che con un calcio nel coglioni. Mi piace!

      (Ti attendo all'altare!)

      Elimina
  13. Mapperchè non si parla mai del gigamorfismo femmineo, dico io? Che siccome il nostro è più esteticamente rilevante tutte, giustamente, a parlarne bene /o male...Si dovrebbe parlare anche dell'immensa scomodità, dei problemi intimi profondi e del disagio proprio e dei partner, quando ci si trova con la guaina sorella di Rocco e i suoi fratelli...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahahahahahahaha! Eh, potresti provvedere tu a colmare questa lacuna letteraria. Si parla più degli uomini perché siete i primi a passare l'infanzia a misurarvelo col righello!

      Elimina
  14. Condivido ogni singolo tuo pensiero.
    Va detto che sei a dir poco geniale, dio santo!
    Ah, comunque, sai chi è messo bene a billo? Francisco Lackowsky! Dio mio, dai un'occhiata se ti capita!
    Non me lo aspettavo xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho googlato perché non lo conoscevo e ti dico che, sì, decisamente, "lassotto" sta messo piuttosto bene!

      Elimina
  15. A parte che ho riso per l'intera lettura del post e per tutti i commenti.
    Devo dire che non sarei mai arrivato al tuo blog se non fosse per il titolo del post. :-D
    ma già ti "preferisco".
    comunque, non volendo parlare di me stesso,per lo più sono d'accordo che le automobili devono essere ben guidate per potercisi divertire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be', ti ringrazio davvero allo per "preferirmi"!
      Sì, d'altra parte che cazzo te ne fai della macchina se a male pena sai andare in bici?

      Elimina
  16. Non ho ancora letto tutto ma la cosa della NASA mi ha stroncata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco adesso ho finito.
      Questo post è bellissimo.

      Elimina
    2. Quelli della NASA sono dei geni del male! E grazie!

      Elimina
  17. Ho riso tantissimo, sushi e pettegolezzo sono la perfezione comunque, e ho concordato con te su ogni singolo punto! Fantastica! X°D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah grazie!
      Il sushi in compagnia, comunque, risolve un sacco di problemi.

      Elimina
  18. Un post sul perchè preferisci un pene misura standard. Sei un genio, non credo riuscirai a superarti dopo una cosa del genere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahaha, ti ringrazio ma ricorda che si può sempre fare di meglio eh!

      Elimina
  19. Sono un po' in ritardo coi commenti, ma la discussione è sempre attuale, credo... C'era un amico che ripeteva spesso un supposto proverbio che recitava : "né lungo che tocchi, né largo che otturi, ma duro che duri !"
    Che dire ? Sempre stato d'accordo con lui, e con te e il tuo post. Due cose non ho mai sopportato : gli sbruffoni che si vantano di avere sventrato qualche "papera" con gli amici, e le donne che davanti dicono che le dimensioni non contano e poi invece, nei forum e nei blog, tessono le lodi del supertarello come qualcosa di irrinunciabile. E ce ne sono ! Garantisco ! Ti stimo sorella ! Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meglio tardi che mai! Ma poi, cosa ci sarà di lodevole nello sventrare? Quanti misteri!

      Elimina
  20. La realtà sulle dimensioni del pene è molto delicata anche per volontà delle donne stesse che su questo punto si mostrano da sempre molto selettive al di là del sentimento che dichiarano ad un uomo. Non esistono donne indifferenti ai centimetri del pene e quando si parla di centimetri ovviamente si sta sempre su misure molto alte, cioè dai 18 cm in su in erezione e minimo 14 di circonferenza. Infatti nonostante qualcuna in giro tenti ancora di raccontare la storia che il pene grande non sia così affascinante, alla fine invece ogni femmina riesce a fare sempre la scelta giusta in fatto di dimensioni al punto da mettersi costantemente sotto le coperte del proprio letto il soggetto sessualmente adatto, quello dalle misure utili e soddisfacenti o meglio quello con il pene di minimo 18 cm. E questo la dice lunga sul fatto che le dimensioni non contino!! A me vien da ridere quando le sento pubblicamente dichiarare convinta indifferenza verso le dimensioni, perchè so che non è vero!! Nessuna donna desidera avere un marito o un compagno "sessualmente inferiore" (cioè con il pene sotto i 18 cm), anche perchè confrontandosi con le amiche o le colleghe di lavoro sarebbe l'unica a trovarsi accanto ad un uomo in deficit, mentre tutte le altre no. Basta un po' leggere quello che raccontano molte signore in tanti forum di Internet o ascoltare casualmente al bar qualche gruppetto di quarantenni imbellettate per capire il vero pensiero femminile verso il pene dell'uomo. Quelle che dichiarano indifferenza per la misura del membro il più delle volte mentono volutamente perchè poi sono le stesse a tenere tra le mura di casa il marito il compagno con la mazza da almeno 18 - 20 cm in mezzo alle gambe. E' proprio per questo che le femmine nel tempo hanno sviluppato verso i cosiddetti "difettosi" (cioè quelli con il pene sotto i 15 cm) una considerazione nulla, un po' come se si trattasse di Non-Uomini (che di fatto è quello che nella realtà poi sono). Questo loro atteggiamento nel tempo ha alimentato una divisione netta nel genere maschile, tra chi si trova da una parte e chi purtroppo dall'altra, tra chi ha il pene grande ed è un UOMO VERO e chi invece è rimasto al di sotto delle misure abbondanti cioè il NON-UOMO........(continua).............

    RispondiElimina
  21. ........... (continua)........... In Italia, la stragrande maggioranza dei maschi si colloca tra gli UOMINI VERI (chi ha fatto un po' di sport nello spogliatoio sotto le docce ha potuto constatarlo direttamente: sono moltissimi nel nostro Paese ad avere un pene in erezione di circa 18 - 20 cm, diciamo pure la stragrande maggioranza). La storia sessuale di una donna nel 99% dei casi è fatta di Uomini Veri nella vita, uomini con la U maiuscola (con il pene dai 18 - 20 cm in su). Quelli che nonostante le misure ridotte non accettano l'idea di restare soli nella vita e cercano una donna finiscono quasi sempre per sopportare l'umiliazione di vedere la propria moglie o compagna andare a letto con gli UOMINI VERI per poter essere soddisfatta (si tratta dei cosiddetti cuckold). Chiaramente è un dramma, ma li capisco perchè a volte si accetta di tutto pur di non restare soli nella vita. Io ho preferito restare single perchè una cosa del genere non sarei mai riuscito a sopportarla, però mi sono trovato sessualmente in una condizione ancora peggiore perchè il mio pene di fatto in erezione non supera i 10 cm, misura che da una qualsiasi donna sarebbe valutata come quella di un bambino delle elementari. Purtroppo quando ti trovi in certe condizioni fisiche devi restare alla finestra come uno spettatore passivo e guardare gli altri vivere la vita in modo esaltate e produttivo, mentre tu rimani là fermo con la rabbia nell'animo e l'invidia verso tutti quelli che possono fare l'amore con una femmina. Vivere senza una donna è difficilissimo perchè non puoi condividere con nessuna i momenti importanti della vita, a meno di non accettare come tanti l'umiliazione di esssere traditi pur di avere qualcuna accanto, ma io una cosa così non sarei mai stato in grado di accettarla. A supportare tutto il mio discorso c'è un fatto ulteriore: in questi ultimi anni sempre più femmine bianche (tra cui moltissime italiane) scelgono di vivere assieme a maschi di colore nero (che sono superdotati per definizione arrivando anche a 25 cm in erezione e 16 di circonferenza), tante altre invece preferiscono prenotare viaggi vacanza in luoghi esotici come la Giamaica e cercare il famoso "Big bamboo", uomo in grado di soddisfarle sessualmente in maniera eccellente. (Un saluto da parte mia).

    RispondiElimina
  22. Purtroppo non ho il dono della sintesi e ho diviso il commento in due parti. Chiedo scusa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mancanza del dono della sintesi riguarda entrambi.
      Tutto ciò che hai scritto è vero, doloroso, lucido e reale. Doloroso perché siamo tutti vittime di una normalità imposta dove il diverso dalla norma imposta non è accettato ma condannato. Ci hanno insegnato cosa è giusto senza chiederci la nostra opinione.

      Elimina

Parlo poco. Scrivo molto. Leggo ovunque.
Faccio cose e non vedo gente.

Il passato è una terra straniera

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001 concernente i Disclaimer.

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet, pertanto considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
Tutti i testi e le immagini riportanti la firma dell’autrice sono di proprietà della stessa, pertanto non utilizzabili su altri siti web, blog e affini. Se interessati alla riproduzione di qualsivoglia materiale si contatti l’autrice per stabilire consenso e clausole.