24 novembre 2014

Diario di viaggio # 8 - Napoli

Ci sono giorni che ti stupiscono fin dalle loro prime ore.
Ci son giorni in cui, solo dopo tre ore di sonno, a Lui suona la sveglia alle 5.30 e dice dai andiamo.
E allora, con ancora i sogni negli occhi, io vado e mi fido.
Ci sono giorni in cui vai a Bologna per prendere un treno per un dove che non sai. Perché non te lo vuole dire.
Ci sono giorni che sono sorprese.
Ci sono giorni che un momento prima sei lì e quello dopo vedi il mare del Golfo di Napoli che si apre davanti a te.
E allora ti ricordi di quella volta che avevi detto quanto sarebbe stato bello andare là, in Via dei Tribunali a mangiare la pizza da Sorbillo. Che è il miglior pizzaiolo d'Italia. E che noi siamo un po' gastro-fighetti e queste cose non possiamo lasciarle andare inosservate. 
Ci sono giorni che ti sorprendono perché durano tantissimo e perché ti trovi in una città verso la quale provavi sentimenti contrastanti e che in dieci ore riesce (quasi) a conquistarti.
A Napoli ho visto tutti i luoghi comuni su Napoli. Ho visto i Quartieri Spagnoli che sono strettissimi e in salita, e le porte di casa aperte, e centinaia di panni stesi, e in tre in motorino senza casco, e le case sgarrupate e un sacco di botteghine artigiane che mi hanno fatto dimenticare tutto e mi hanno fatto bene a occhi e cuore. Ho visto venditori di sigarette di contrabbando. Ho visto persone cercare di vendere iPhone e iPad per strada e il mito di Maradona e la fede nel calcio ovunque. Ho visto la Napoli dei tg, degli speciali, delle cronache. Ma ho anche visto una Napoli che, ingenuamente, non pensavo potesse essere così bella. Ho visto Piazza del Plebiscito. Col sole negli occhi. A farmi male.



Ho visto il mare. Seduta sugli scalini ai lati della piazza. Ho alzato gli occhi e lui era lì. In un angolo.
Ho visto il mare e ho visto il Vesuvio. E mi ha fatta pensare. A me il mare fa sempre pensare. Tanto. A quanto, nonostante la mia apertura mentale, io sia chiusa e piena di pregiudizi. A come viaggiare mi abbia cambiata e plasmata e migliorata.



A Napoli ho visto una delle Metropolitane più belle al mondo (la fermata Toledo toglie il fiato).
Ho mangiato la pizza da Sorbillo.


E le sfogliatelle da Attanasio. E se ci capitate prendetele ché sono le migliori.


Il babà no, ché non mi piace. Lui l'ha mangiato però. Da Capparelli. La pasticceria migliore per i babbà. L'ho detto che siamo gastro-fighetti.
A Napoli ho alzato la testa nella Galleria Umberto I e per un attimo mi è sembrato di essere a Milano.


Ma solo per un attimo perché a Milano non ce l'hanno mica tutto quel cielo.
Ci sono giorni che si concludono così, su un treno che ti riporta a Bologna con lo zaino pieno di mozzarelle di bufala e di caciocavallo ripieno di burro. (Sì).

Ci sono giorni che ti stupiscono fin dalle loro prime ore.
Ci sono giorni che ti stupiscono fino alla fine delle loro ore.


Share:

60 commenti:

  1. Bello. Ogni luogo ha i propri scheletri nell'armadio. Napoli ha gli armadi aperti e sottosopra, ma in ogni luoho c'è qualcosa di bello e di buono.

    La foto della pizza mi ha messo una gran fame, poi data l'ora... ti sto odiando ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero quel che dici. È importante non farsi fermare dal le ante chiuse e avere la voglia e il coraggio di aprirle.

      Quella pizza!

      Elimina
  2. Madonna quella pizza. E quella sfogliatella! *___*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le sfogliatelle pesano tipo 400kg! D'amore!

      Elimina
  3. alcuni luoghi comuni sono falsi altri sono veri

    Napoli è bellissima. ma non ci puoi vivere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come in ogni luogo, si hanno confeme e smentite.

      Sul viverci ho fatto lo stesso pensiero anche io.

      Elimina
    2. potrei scrivere racconti corposi su Napoli..... è una città dove sono stato decine e decine di volte per lavoro, una al massimo per diletto. quindi la conosco e non la conosco. non è vero, la conosco. poi non parliamo dell'hinterland o della regione.....

      Elimina
    3. Io in Campania sono stata solo da piccola, nei pressi di Paestum e non ho, per via dell'età, grossi ricordi. Sono partita con un bel bagaglio di pregiudizi ignoranti e sono stata felicissima di trovare qualcosa di diverso. Certo è che mi piacerebbe ritornarci con più calma e tempo perché, naturalmente, una giornata non significa nulla.

      Elimina
  4. Napoli è una città contraddittoria...
    come tutte le cose possiede un'anima duplice, ma ha un carattere fiero che le ha fatto superare le asperità di una società tanto indolente nei suoi confronti...
    e poi ha pizza e sfogliatelle, non so se mi spiego!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti spieghi!
      Comunque sì, sono d'accordo. Mi ha sorpresa molto e questo, di per sé, è già bellissimo.

      Elimina
  5. Spero qualcuno vi abbia indirizzato al Cristo velato, oppure si sia ricordato di farvi attraversare Piazza del Plebiscito ad occhi chiusi dal cancello di Palazzo reale fino a passare (o meglio, tentare di) attraverso le due statue equestri.. altrimenti pazienza.. ma già aver messo piede da Attanasio, vuol dire non aver vanificato la visita.. eheh..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fatto e fatto. Per chi ci hai presi?! Il Criato Velato, per me, era una meta imprescindibile invece, l'aver attraversato la piazza in quel modo, è stato istinto!

      Attanasio l'abbiamo svaligiato!

      Elimina
    2. *Cristo, naturalmente.

      Elimina
    3. Siete mitici!! per la cronaca: io l'ho mancato il passaggio tra i due cavalli.. ma non avevo dubbi.. eheh.. equilibrato io? E quanno mai!!

      Elimina
    4. Ahahaha! Il fatto è che noi siamo fin troppo pedanti quando facciamo un viaggio e ci informiamo tantissimo su un sacco di cose per essere sicuri di perderci poco!

      Elimina
    5. L'ho mancato nel senso che sono andato troppo a sinistra!!! la pendenza mi ha fregato.. come quasi tutti del resto.. ahah! certo manco da un bel po' la metro me la ricordo solo a forma di cantiere!! ;)

      Elimina
    6. La metro (la linea 1) è assolutamente da vedere. Alcune fermate sono meravigliose!

      Elimina
  6. avete visto il Cristo velato, bravi! Da quando una mia amica l'ha visto, non fa altro che parlarmene... poi ultimamente mi è capitato di vederne alcune foto... e davvero mi ha preso un sacco la voglia di andarlo a vedere! Io Napoli l'ho vista solo in gita di terza media, sono passati un sacco di anni...lo so che è un luogo in cui dovrei tornare, per apprezzare le cose che quando sei adolescente non ti interessano più di tanto perchè imposte da qualcun'altro (gli insegnanti... anche se in realtà io sono stata comunque sempre curiosa, per cui non è che visitavo un luogo tanto per, ma prestavo comunque attenzione!)...
    e la pizza da Sorbillo... mi sa che è stata paradisiaca! ;-)
    Buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Cristo velato è meraviglioso.
      Voglio tornarci anche io perché, come dicevo in qualche commento sopra, una giornata non è sufficiente. Certi luoghi vanno visti e rivisti o, comunque, visti con una certa predisposizione mentale per cercare, almeno, di capirli un po'.

      Elimina
    2. Emozionante. Vale ampiamente tutto un Bernini (romano..) ;)

      Elimina
    3. Tutto tutto .. sono innamorato di quella velatura.. e il dubbio che non sia chimica rimane... ;)

      Elimina
    4. Oddio ti immagini? Fregati. Un po' come col Sangue di San Gennaro!

      Elimina
  7. Napoli è Napoli, fa parte del patrimonio di famiglia!
    eppure non mai visto la Napoli sotterranea...imperdonabile.

    il caciocavallo con sorpresa si chiama Mandeca;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Napoli sotterranea è un grosso rammarico ma avendo a disposizione solo sette ore e mezza abbiamo dovuto fare delle scelte. L'idea è quello di tornarci con calma e passarci qualche giorno.

      Mandeca <3 Ormai è tra le cose che amo.

      Elimina
    2. ..vabbè.. ma tanto hai preso la metro.. vale quella come sotterranea.. ahah

      Elimina
    3. Allora sono a posto! Ho visto tutto!

      Elimina
  8. .....caciocavallo ripieno di burrooOOOooooo.... *perde i sensi per una crisi d'astinenza da colesterolo* :Q__________________

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahaha! Oh sì, la tagli a metà e dentro c'è tipo un panetto. L'amore.

      Elimina
    2. Lo conosco...Annegato nelle acciughe è SESSO. E pure fatto bene..

      Elimina
    3. Accolgo il suggerimento e provo!

      Elimina
  9. Eggià, Mar.
    Napoli è una gran bella città. I babà non piacciono nemmeno a me, ma a Napoli farei un'eccezione XD
    E' davvero un posto magico, ma dopotutto è in Italia ;)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E ci dimentichiamo sempre in che bel posto viviamo.

      Elimina
  10. io ci passai ore molto belle, alcuni anni fa.
    Si trattava di una trasferta per danza transe. L'idea era quella di andare, poi, alla tammuriata della Madonan Candelora di Montevergine, a Montemarano (AV).
    Mi ricordo che si stava facendo sempre più tardi e... io lo facevo osservare.
    Ehh,,, cosa vuoi che sia...
    Insomma, alla fine arrivammo a rito finito.
    Ero furioso.
    Ecco, quella è(ra) Napoli, proprio.
    Cose meravigliose e pessime insieme.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche questa è Napoli o, comunque, in generale (nella mia esperienza) il sud Italia dove ci si prende il proprio tempo e non si vive con l'orologio in mano come faccio io. Per paura che tutto fugga.

      Elimina
    2. Per paura che tutto fugga...
      Poi tutto fugge davvero.
      Eravamo andati giù per quello.

      Elimina
    3. No va be', lì, allora non c'era tradizione alla pigrizia che tenga.

      Elimina
  11. Ma che bellezza! Ce ne vorrebbero diverse di giornate così. Le foto, poi, invogliano un sacco. <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il cibo è la cosa più bella del mondo!

      Elimina
  12. Sei venuta nella mia città (anche se adesso abito ad un ora da Napoli) :)
    Da attanasio ci vado spessissimo, è tappa fissa anche se molti preferiscono le sfogliatelle di scaturchio, però se ti ricapita di andare prendi i rustici salati (che sono una meraviglia) e i taralli con le mandorle! =P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scaturchio è un altro nome che il mio fidanzato si era segnato per le sfogliatelle. Se me lo dice una napoletana, poi, allora mi fido!

      Elimina
    2. una napoletana "atipica" direi =P
      comunque, io le sfolgiatelle le preferisco da attanasio, la mia famiglia le ha sempre prese lì (insieme ai rustici salati che adoro) :)
      Da scaturchio di famoso ci sono i ministeriali e la frittata di maccheroni! ;)

      Elimina
    3. Grazie dei consigli!

      Elimina
  13. A me piacciono tanto i post dei gastro-fighetti perchè mi dicono sempre dove andare a mangiare le cose più buone che esistono <3

    Ho deciso di dare a Napoli una seconda chance e tu mi hai dato una bella idea, prossimamente mi ci sparerò una giornata o un weekend :) però giurerei di aver segnato un altro nome sotto "pizza più buona di Napoli" sai? Ora controllo, se vuoi ti faccio sapere qual è "il collega" di Sorbillo.

    (IL CACIOCAVALLO COL BURRO?! DOVE! DIMMI DO-VE!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di pizzaiolo valido c'è sicuramente anche "Michele" che era l'altra nostra opzione, però non so se ti riferissi a lui!
      Dalla un'altra possibilità a Napoli. Tu sei a Roma, no? In un attimo ci sei, puoi pensare di farlo anche in una giornata.

      Il caciocavallo ripieno d'amore l'abbiamo preso da Rafele 'O Lattaro (se googli lo trovi)!

      Elimina
    2. Confermo, era Michele :)

      Elimina
  14. Napoli mi manca tra le città da vedere, ma è tanta la curiosità! In tre ore di treno circa dovrei arrivarci, e il babà che hai lasciato vado a mangiarlo io :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha, mangialo mangialo!
      E comunque sì, tutto sommato è fattibile anche per te. Merita molto.

      Elimina
  15. dunque io vivo a Napoli, consideratemi una guerrigliera...scherzo, ma davvero pensate che sia difficile viverci? abbiamo ne più ne meno gli stessi problemi delle altri metropoli, solo con un po' di folklore...
    se posso permettermi consiglierei la pizzeria Starita a MaterDei, dove è stato girato il film L'oro di Napoli
    dove la Loren faceva la,pizza fritta, per chi ricorda il film, sfogliatella da Pintauro a via Toledo...Baba'
    dal bar Roma sempre a via Toledo, per mangiare pagando poco e bene " Le zandraglie" nella Pignasecca, quartiere a ridosso dei quartieri spagnoli, oppure se volete essere " divertiti" mentre mangiate pasta e patate con la provola, giusto per dirne una, da Nenella sui quartieri spagnoli, e poi il cimitero delle Fontanelle e le catacombe di San Gennaro e tantissime altre cose...Volevo rassicurarvi il velo del Cristo è di marmo, nessun esoterismo ma grande maestria. Perido di Natale via San Gregorio Armeno, presepi e pastori, ma anche tutto l' anno, e poi parlate con la gente, dal salumiere, con i camerieri, insomma con chi capita, una sceneggiata, la metro di Toledo è spettacolare, ma quella che aprirà a piazza municipio a dicembre sarà un museo e voi ci passerete dentro, con ritrovamenti di barche greche e tante altre sorprese...visitate i chiostri dell' università, lettere e fisica e quello di Santa Chiara ...lo scippo il furto l' imbroglio esistono, evitate le bancarelle che vi propongono l'affare dell' anno
    non copritevi di oro come la Madonna di Pompei e va sempre bene
    ciao :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per tutti i suggerimenti. Ho in programma di tornarci con calma perché mi ha davvero colpita per cui terrò presente tutto ciò che hai detto <3

      E sì, guarda, purtroppo ho alcuni pregiudizi che non riguardano solo certe zone ci mancherebbe. Per dire, ho le mie remore anche ad andare ad Aosta! Ma sono felicissima quando qualcosa mi fa cambiare idea. E Napoli c'è riuscita!

      Elimina
  16. Risposte
    1. Ti ho pensata tanto. E ho parlato a Lui di te <3

      Elimina
  17. Mareva quanto sei brava a regalare sensazioni altamente positive e io ne ho molto bisogno per tanti di quei motivi che faccio molto prima a non dirli ..
    E con tutto questo azzurro, questo SpaccaNapoli , questa intensità dei colori , mi fai quasi apparire miracolosamente un lembo di sole che è più d un mese e mezzo che in Liguria non si vede..
    Grazie , grazie per tutto e mi sono iscritta , sperando in un tuo gradito ricambio...
    Un bacio!
    http://rockmusicspace.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per le belle parole. Alle volte i cieli sono nascosti dietro il grigio ma sappi che ci sono.

      Elimina
  18. Ma che posto bello! Inutile dire che anche se l'italia per certe cose non va bene per altre,beh regala posti meravigliosi ♡

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente! Prima o poi lo capiremo.

      Elimina
  19. Grazie per questa testimonianza così spontanea e autentica.
    Una napoletana verace, che bazzica "l'Angolo del sorriso" ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per il bellissimo commento!

      Elimina

Parlo poco. Scrivo molto. Leggo ovunque.
Faccio cose e non vedo gente.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001 concernente i Disclaimer.

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet, pertanto considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
Tutti i testi e le immagini riportanti la firma dell’autrice sono di proprietà della stessa, pertanto non utilizzabili su altri siti web, blog e affini. Se interessati alla riproduzione di qualsivoglia materiale si contatti l’autrice per stabilire consenso e clausole.