26 gennaio 2016

Che fregatura diventare grandi

A volte mi manca la tarda adolescenza quando riuscivo a sentirmi così pienamente felice, così parte del tutto, così infinito, così piena di futuro.
Quando si diventa grandi succede una cosa strana: si riesce a essere felici senza essere pienamente sereni ché c'è sempre qualcosa che preoccupa, graffia, bussa e si tiene ben in disparte ma presente.

Succede a me, quotidianamente, e ancora di più in questi giorni. Ho trovato lavoro a Rimini, un lavoro di cui sono davvero, davvero infinitamente contenta ma, ovviamente, mi sento in colpa e sono preoccupata e mi dispiace lasciare mia mamma qui, da sola. Ovviamente vado, ovviamente scelgo me e la mia vita e ovviamente questo non significa amare i miei genitori di meno ma amare anche me. Ma ovviamente non è facile per niente.
Essere felici ma essere al contempo preoccupati.
Che fregatura diventare grandi.




Share:

37 commenti:

  1. Crescere è come avere uno zainetto sulle spalle, man mano che passano gli anni diventa un pochino più pesante. (ok, questa sembra presa dai baci perugina lo so, ma le preoccupazioni e le decisioni difficili io me le sento sulla schiena)
    In bocca al lupo per tutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nonostante i Baci Perugina rende perfettamente l'idea e, in effetti, è davvero così.
      Crepi!

      Elimina
  2. e' esattamente quello che mi passa per la testa in questo momento: capire, a prescindere da tutto e tutti, cosa fare e cosa no, cosa vale di più per me, cosa mi farà stare meglio.

    ed è un po' sempre un casino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo è. Perché è tutto come una coperta: se tiri da una parte scopri dall'altra. Ma fa parte del gioco, si vede. <3

      Elimina
  3. L'ho sempre detto che è una fregatura. Quando sei adolescente non ti rendi conto pienamente di ciò che ti sta intorno, non pensi alle conseguenze di quello che fai e a quante possibilità hai di essere felice se fai la scelta sbagliata. Sai solo che devi studiare per l'interrogazione e che alla fine di tutto c'è un diploma da prendere e poi mille cose che potresti fare dopo. Di questo dopo non te ne frega un cazzo finchè non arriva. E il dopo è adesso.

    Tu comunque stai facendo la cosa migliore. Ovviamente. E non è facile. Congratulazioni, e in bocca al lupo. <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie e crepi!
      Comunque sì, mica ci si pensa. Il mondo adulto sembra fatato. Sembra che tutto si risolverà e prenderà la strada giusta come per incanto, ma mica ti dicono delle fregature!

      Elimina
    2. E pure se te lo dicono, non te ne frega niente! XD

      Elimina
  4. Più o meno, è una sensazione che viviamo tutti.
    In bocca al lupo per il nuovo lavoro!

    RispondiElimina
  5. se tu sei grande io sono vecchio

    fanculo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché non puoi essere grande anche tu? Io parlo di essere adulti. Mi risulta che tu lo sia. :)

      Elimina
  6. Purtroppo quando siamo giovani vediamo l'età adulta come qualcosa di "semplice" perchè gli adulti stessi non ci mettono al corrente della realtà....ma è solo quando siamo noi gli adulti, con i nostri problemi e le nostre preoccupazioni, che tutto torna :(
    Però, secondo me, l'importante è cercare sempre qualcosa per cui si possa essere un poco felici :) E son felice che tu abbia trovato questo nuovo lavoro :*
    Buona fortuna :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille cara. La tua analisi è giusta. Da giovani si vede solo il lato "bello" dell'essere adulti. Ce lo nascondono perché altrimenti chi ce lo farebbe fare di crescere?

      Elimina
  7. lo spadone di damocle dell'età adulta ti viene collocato sopra la testa appena esci dall'esame di maturità.
    Ma noi riusciremo a seminarlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sì. O massimo gli mettiamo 'na bella catena grossa così non può cadere.

      Elimina
  8. Ha ragione Doppio Geffer, ci sono tante cose che non ci dicono quando cresciamo, che, va bene che non c'è un manuale di istruzioni. Ma ditelo, no, che crescere fa schifo. Che non è vero che ad un certo punto sai cosa fare in ogni situazione, e sei più risoluto. Io mi incasino lo stesso anche ora. E non sono poi così tanto cresciuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più si cresce più NON si sa cosa fare. Mannaggia. Penso ci incasineremo sempre. Ma in un modo o nell'altro ne usciremo.

      Elimina
  9. Concorderei un cincinnino con Francesco...e ti dico una cosa, quando (o se) ci sono i figli è pure peggio mannaggia...comunque buona vita a Rimini e ovunque tu sia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma non ho dato del vecchio a nessuno! Siamo adulti tutti, fine! :)

      Grazie di cuore <3

      Elimina
  10. Il prezzo da pagare per essere veramente completi... bel casino. Ma io, forse, sono ancora ai tempi meno complicati.

    RispondiElimina
  11. Gli abbracci, però, migliorano con l'età (chè sono più pregni di significato). Uno grossissimo per il tuo nuovo inizio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è molto vero. E mi prendo il tuo strettissimo <3

      Elimina
  12. Ce la farò a inserire questo commento?
    Dicevo.

    Eterno dilemma, carriera o famiglia? In questo caso un po' adattato alla situazione. Ti capisco sai, a tal punto da aver scelto un compromesso con il mio attuale lavoro, di cui ovviamente non mi lamento.
    Comunque, non posso che sostenerti nella tua scelta. Da madre, soprattutto, posso dirti che hai fatto la scelta giusta: non si fanno i figli per tenerseli con sé, ma per regalare al mondo persone migliori. I tuoi genitori ce l'hanno fatta.
    Sono felicissima per il tuo nuovo inizio!
    Ti abbraccio fortissimo.

    Micol, dall'ennesimo blog aperto.
    rediviva.wordpress.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per le belle parole.
      Non si fa quasi più nulla a cuor leggero da grandi. Ma quel che conta è farlo. <3

      Elimina
  13. ci penso tanto al tempo che scorre, lo sai...
    sono anni ed anni che mi percepisco più vecchia di quella che non sono, e così mi sono goduta poco l'adolescenza, che è davvero il momento più frivolo e frugale della vita
    il mio essere una giovane donna, spessissimo cozza contro il mio non volerlo essere.
    ...ma portare indietro le lancette non ci è dato di poterlo fare, quindi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi siamo diventate adolescente tardi Pata, secondo me. Perdendoci molto. Ma ho capito che ogni età ha le sue cose belle. Anche questi 30anni pieni di fregature!

      Elimina
  14. Ti capisco..... Sul trovare lavoro e gestire il resto.
    An contrario non capisco le sensazioni dell'adolescenza...la mia è da dimenticare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per tanti versi anche la mia adolescenza è stata brutta però sai, c'era quella sensazione di divenire, di potere ancora tutto, di avere tempo che ora me la scordo.

      Elimina
  15. P.s
    Mi chiedevo che lavoro avessi potuto trovare a Rimini. Io l ho trovata molto limitante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho avuto molta fortuna con un'amica. A tempo debito ne parlerò. Onestamente, però, credo sia limitante tanto quanto altre città purtroppo.

      Elimina
  16. "così pienamente felice, così parte del tutto, così infinito, così piena di futuro"
    Io mi ci sento Ma, ma non è sempre così. Voi adulti, voi cresciuti, vi dimenticate spesso e anche volentieri di quanto sia stato maledettamente difficile crescere, vivere e crearsi in un mondo che non aspetta nessuno. Lo dico perchè lo so, credo che anche questa mia tristezza di adesso verrà dimenticata in favore dei momenti in cui mi sento infinito. Ma la fatica c'è, esiste, ed è feroce.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai qual è il punto? Non tanto il dimenticarselo ché io mi ricordo bene come si sta di merda a 18 anni ma il pensare che una volta adulti si avranno le risposte. E invece no, si hanno solo problemi diversi ma è la stessa merda che a vent'anni con la differenza che non hai dalla tua nemmeno la consolazione di avere una vita davanti! Però, ecco, se ti consola a parte per quella sensazione di "infinito" sono di gran lunga contenta di non essere più adolescente!

      Elimina

Parlo poco. Scrivo molto. Leggo ovunque.
Faccio cose e non vedo gente.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001 concernente i Disclaimer.

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet, pertanto considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
Tutti i testi e le immagini riportanti la firma dell’autrice sono di proprietà della stessa, pertanto non utilizzabili su altri siti web, blog e affini. Se interessati alla riproduzione di qualsivoglia materiale si contatti l’autrice per stabilire consenso e clausole.