4 aprile 2016

Here comes April again

Questo non sarà uno di quei post in cui non vi racconto niente e scrivo cose e di cose che nemmeno io, poi, a conti fatti, capisco e mi spiego bene. Sarà un post così, di come non ne scrivo da tempo, che tira un po' le somme di questi due mesi in cui ho scritto poco e detto nulla.

Sono diventata pigra. Vorrei scrivere di più e leggere di più ma i tempi sono stretti e c'è sempre qualcosa di mentalmente meno impegnativo che attira la mia attenzione: mangiare, parlare, cazzeggiare in Internet, guardare film o serie tv a caso. O pensare a come mettere i mobili nella nuova casa.

  • Ci trasferiamo, sì. Momentaneamente siamo a casa dei genitori di Lui, in attesa che quella che sarà casa nostra sia agibile. Ci sono ancora un po' di lavoretti da fare e i mobili devono ancora arrivare ma prosegue. Giugno dovrebbe vederci là, a poterci scaccolare liberamente senza nessuno attorno. Ieri abbiamo cominciato a fare un po' di pulizie ovvero abbiamo cominciato a togliere i centimetri di polvere accumulatasi per i vari lavori. Penso che lo straccio dovrò passarlo in eterno per ottenere un minimo di cambiamento. Però sono contenta. Lo siamo entrambi. Abbiamo preso la lavatrice, il microonde, la scopa elettrica e la brocca per l'acqua. Sì lo so, non abbiamo ancora preso il tavolo o il divano o un mobile soggiorno ma la brocca sì. Oh, priorità. Arriverà anche il resto. Siamo molto indecisi sulla TV. Prenderla o meno? Grandi misteri. Risolveremo anche questa. Sarà bello.
  • Questa mattina ho consegnato l'anticipo per la macchina. Oh rendetevi conto. Io. La macchina. Mi sono presa una Smart usata, dopo tanta ricerca e peregrinare, ne ho trovata una con una serie di caratteristiche positive (meccanicamente parlando) e, in teoria, questa settimana dovrei ritirarla. So che ai più fa cagare e i più mi chiedono quando mi comprerò una macchina vera ma a me piace, è piccola, al cambio automatico e mi fa sentire tranquilla. Per cui mi basta.
  • Sono due mesi ormai che ho cominciato il nuovo lavoro. E sono felice. Tanto. Vado al lavoro serena, mi piace, rido tanto e mi diverto pure certe volte. Direi che i lamenti sono banditi. Certo la gente rompe, non è tutto semplice, a volte vorrei essere al parco a scrivere o leggere, è un po' lontano da casa ma... sono felice e mi pare possa bastare.
  • Ho iniziato un nuovo tatuaggio. Grande festa.
  • Non è sempre facile convivere con la distanza dai miei genitori: i pensieri per mia mamma da sola, la tristezza per mio babbo in Casa di Riposo. Ci provo. A volte va bene. A volte sono triste. A volte mi arrabbio e mi sembra tutto ingiusto. Mi manca mio padre per com'era. Mi manca la serenità di mia mamma. Mi manca saperli insieme e non dovermi preoccupare di e per loro. Ma la vita è diversa da come me l'ero immaginata e non resta che farsela andare bene.
La primavera mi stronca. Vorrei sempre dormire. La mia mente è allineata con un clima tiepido ma è freddo, il mare grigio e le spiagge ancora in assetto invernale. Eppure ho sonno. Forse devo solo aspettare di sbocciare.


Share:

19 commenti:

  1. minchia, con i genitori di lui....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è così tragica se sai che è per un breve periodo! Sono brave persone, e non li vediamo mai!

      Elimina
  2. Capisco i tuoi pensieri sui tuoi genitori. Oh se non li capisco..... Ti auguro sempre il meglio un abbraccio a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei gentilissima. Grazie. Un passo alla volta uno se lo cerca il meglio.

      Elimina
  3. ...sbocciare ancora di più?
    ancora meglio?
    ma vah là
    comunque tesoro non ti devi preoccupare della vita che va,
    non va mai come dicevamo noi, ma sa essere molto piacevole...
    ...ma senza tv come fate?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non la guardiamo mai la tv. Pure ora, qui con i suoi, che ce ne sono ben tre. Non la accendiamo mai. Stiamo valutando di prenderla solo per Netflix e lo streaming.

      Per il resto sì, è vero, non va mai come ce l'eravamo immaginato e forse è anche un bene. <3

      Elimina
  4. Ecco, io stamattina sono esattamente come quella larva umana che descrivi.
    Tipo che ritornerei subito in pigiama!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutta colpa della maledetta primavera!

      Elimina
  5. capisco bene come sia il pensiero ai genitori... io mi sono trasferita con lui pochi mesi dopo la morte di mio papà. mia mamma rimaneva sola, con mio fratello ma in un certo senso comunque sola... perché lui non è me. Immagino sia stato difficile anche per lui trasferirsi l'anno scorso, per lasciarla sola sul serio. Però è la vita e deve andare avanti, la nostra e la loro. Mia madre alla fine ha trovato nella solitudine forzata il modo per svegliarsi e fare cose che prima non faceva, una cosa che per lei sembra sempre un insormontabili ostacolo. Sai cosa? Non si finisce mai di crescere (neanche a 60 anni) e nemmeno di sbocciare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai c'entrato in pieno tutto. So che sopravviverà. So che, a modo loro staranno bene. Egoisticamente vorrei stessere bene come decido io, nelle modalità che mi rendono tranquilla. Ma non si può e devo essere solo felice che, tutto sommato, non possiamo lamentarci. Grazie <3

      Elimina
  6. Sono tanto, tanto, tanto, tanto, TANTISSIMO felice per te! Per la convivenza, per il nuovo lavoro, per la brocca (sì! la brocca!) e l'indecisione sulla tv. Queste cose sono le più belle della coppia e degli inizi insieme, quelle che mi piace leggere. Non tutti partono con la casa Instagram friendly, come alcuni vogliono far credere. Io e Massimo abbiamo ristrutturato la nostra attuale casa nel giro di tre mesi perché ci scadeva l'affitto nell'altra e quando siamo venuti a viverci non avevamo le porte, ma la tv sì.

    E sulla Smart: l'ho sempre schifata, ma da quando ho ricominciato a guidare l'ho rivalutata: è piccola fuori ma gigante dentro, è comoda se non guidi da tanto, la ficchi dove ti pare. Non ti nascondo che ogni tanto ci faccio un pensierino, però col cambio automatico ho paura di perdere la (poca) confidenza che ho acquisito negli ultimi mesi con la frizione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma... <3 Che bello che è leggerti. Sei sempre così ottimista e allegra! Comunque, non riesco a immaginare come voi siate riusciti a fare tutto in tre mesi senza farvi prendere dal panico! Che bravi! Io sono una che ha bisogno di avere tutto sotto controllo e tempo per controllare tutto! La fortuna vuole che stiamo mettendo a posto una casa di famiglia per cui non abbiamo l'ansia delle tempistiche e dell'affitto, ma ormai, in teoria, quasi ci siamo. Anche se si scoprono di continuo cose da sistemare!

      La Smart l'ho scelta proprio perché piccola e facile. Io e la mia ansia di guida riusciamo a gestirla meglio in questo modo. La volontà, comunque, è quella di prendere confidenza, tenerla qualche annetto e comprarmi poi una macchina vera!

      Elimina
    2. Il panico c'era, eccome! C'erano solo le mura e avevamo già iniziato a metterci le mani, poi è arrivato il discorso affitto e ci siamo dovuti sbrigare in tre mesi a renderla abitabile. I mobili li avevamo già comprati per l'altra casa, quindi ci siamo accontentati di quelli e buonanotte, il resto tipo le porte, il battiscopa, la cucina e il bagno sono arrivati dopo con calma! Le cose da sistemare usciranno di continuo, rassegnati xD

      Elimina
  7. Sono tanto ma tanto felice per te tesoro, lo sai <3
    E la cosa per cui ti invidio di più è che hai ripreso a guidare! Canaglia, mi hai lasciato sola nel club di quelli che hanno paura a mettersi al volante :D (Scherzo, ovviamente. Hai fatto benissimo e sono orgogliosa di te!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sentirti sola MechianicalRose, io non ho neppure la patente!

      Sono felice per te, Mareva.
      Stare con la persona che si ama e andare a lavorare in un posto che ti fa sorridere sono le due cose più belle della vita.
      La mancanza da casa è normale, e spaventa anche a me che non ho in programma cambiamenti importanti. Ma dobbiamo andare avanti. Se restiamo rischiamo di morire e di odiare chi invece amiamo.
      Ti abbraccio <3

      Elimina
    2. Ragazze! Ho solo preso una scorciatoia eh, la Smart (col cambio automatico) mi fa sentire più sicura. La speranza, comunque, è di riacquistare fiducia e pian piano tornare a guidare qualsiasi macchina. Grazie comunque <3

      Per il resto sì, uno ci prova e va avanti. <3

      Elimina
  8. Sono curiosa.. Voglio sapere come finirá la scelta per la tv!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahaha! Per ora abbiamo preso il divano e un sacco di roba per la cucina. Di tv ancora nulla!

      Elimina
  9. Tesoro, quant'è che non ripasso da qui.
    E sono super felice di leggere che la tua vita sta evolvendo.

    ((automunita!!!))

    Ti mando un abbraccio enorme, bellezza

    RispondiElimina

Parlo poco. Scrivo molto. Leggo ovunque.
Faccio cose e non vedo gente.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001 concernente i Disclaimer.

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet, pertanto considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
Tutti i testi e le immagini riportanti la firma dell’autrice sono di proprietà della stessa, pertanto non utilizzabili su altri siti web, blog e affini. Se interessati alla riproduzione di qualsivoglia materiale si contatti l’autrice per stabilire consenso e clausole.