9 ottobre 2016

I pioppi di ottobre

Settembre è passato senza che me ne accorgessi e senza rendermene conto è più di un mese che non scrivo. Ci sono atti che uno crede immutabili, come lo scrivere, convinto che non possa esserci altro se non mettere in fila le parole per un pubblico di sconosciuti. Fino a un anno fa ero sicura che non sarei riuscita a non scrivere sul blog. Ora, mi rendo conto, che come ogni volta le mie sicurezze si sgretolano come una manciata di terra secca.
Dovrei dare da bere alle piante, a proposito di terra che si sbriciola. Ci sono troppe azioni che dovrei fare e non faccio per pigrizia, lassismo, non voglia, mancanza di tempo e cambio di priorità. Eppure far bene tutti i compiti per me è sempre stato motivo di vanto. E non farli motivo d'angoscia. Ma forse un po' di ansia da mania di controllo la sto abbandonando. Forse.
Stasera ho voglia di un bel piatto di verdure con pane e spezie varie. Sono andata al supermercato prima, perché ho il frigo vuoto. Non amo il supermercato la domenica ma la mia fruttivendola di fiducia, giustamente, è chiusa. C'era così tanta gente e io mi sono sentita così stronza e uguale alla massa pascolante che cammina senza saperlo e guarda senza vedere.
Ho già molta fame ma Lui tornerà dal lavoro solo alle nove per cui cerco di non pensarci.

Settembre è passato senza che me accorgessi.

A settembre è venuto mio fratello con la fidanzata a trovarci. Ci hanno portato libri e vino in dono. E abbiamo passato alcune serate piacevolissime. I due uomini sono cuochi incredibili ed è bello vedere quanta creatività riescano a esprimere con pochissimi elementi.

A settembre c'è stata l'inaugurazione del nuovo studio dove lavoro.
Siamo noi. Ancora e sempre.


Con tutti i nostri problemi, i fraintendimenti, i non detti, il proprio vissuto e i propri dolori che a volte è difficile non gettare sugli altri. Con le nostre risposte fredde e le discussioni. Ma siamo ancora noi che siamo una squadra, che funzioniamo benissimo anche se a volte ci boicottiamo, che ridiamo fino alle lacrime e che in fondo proviamo un sacco di amore l'uno per gli altri perché siamo una famiglia.

A settembre sono tornata a casa per il solito fine settimana mensile e ho visto mio babbo che è sempre mio babbo e che a volte non ricordo nemmeno più com'era prima. Mi capita di guardare delle foto scattate nell'ultimo anno e sforzarmi per ripotarmi alla mente il prima. Ché situazioni sostituiscono situazioni ed è un attimo scordarsi ciò che si era e abituarsi a ciò che si è.

A settembre sono stata in Toscana con Lui. Perché Lui ha voluto sospendersi.


Abbiamo conosciuto persone e rivisto persone. Ed è stato bello, ed è stato nostro ché era tanto tempo che non avevamo del tempo per qualcosa che ci andava da fare insieme con i lavori che rubano ore e occasioni.

A settembre ho comprato due libri e me ne hanno regalati quattro e ancora non ho finito quello cominciato all'inizio di settembre. E io tutti questi libri non potrei amarli di più. Non potrebbero farmi sentire meglio.

A ottobre, invece, anche se iniziato da poco ho: litigato con mio nonno la cui ingratitudine, grettezza e meschinità sono i motivi per cui non lo ricorderò mai con affetto; ho cenato fuori troppe volte; ho finalmente sentito freddo e visto le foglie diventare gialle; ho pensato che il mondo sarebbe bellissimo se fosse per sempre autunno.


Share:

33 commenti:

  1. No dai non si litiga col nonno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mio nonno è una brutta persona Francesco, e la vecchiaia non giustifica un cazzo!

      Elimina
    2. E allora non averci a che fare, ti risparmi il mal di fegato

      Elimina
  2. Come mi ci ritrovo nelle tue parole, nel tempo che passa senza accorgercene, in certi ricordi che più richiami, e più sembrano allontanarsi, nella pigrizia che però mi ha sempre accompagnato.
    Confesso però che ho skippato in fretta la sospensione ché sono anziano e le ginocchia mi fanno male al solo pensiero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'anzianità è una bella piaga! Ti capisco bene. Per il resto sì. Sono strani questi anni. Tutto corre ma forse è proprio questo diventare adulti. Bella merda!

      Elimina
  3. Anche io adoro l'autunno.
    A te Mareva auguro tutto e di più secondo i tuoi desideri e le tue preferenze.
    Ti abbraccio tanto.

    P.s.
    Non riesco a farmi un tatuaggi e tu sei piena, :P
    Magari verrò a trovati chissà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'autunno è super.
      Ti abbraccio forte anche io. Ti auguro il meglio. Non sperarlo ma inizia a crederci. Deve arrivare.

      PS Io ti aspetto.

      Elimina
  4. oddio, solo a guardalo il tuo lui, messo così...brrrrr
    francamente non potrei mai.
    Come fai, e come fanno gli altri ad amare l'autunno? a me porta tristezza infinita, cadrei in letargo per risvegliargli in primavera.
    Sono animale a sangue freddo, ho bisogno di sole.:/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non amo per nulla il caldo. Mi piace il freddo e mi piacciono i colori dell'autunno e la sensazione di "casa" e di serenità che mi dà.
      La sospensione è cosa ben strana, lo so.

      Elimina
  5. Forse è proprio l'autunno a creare questa dimensione di ricordi e tempo che vola via.
    Quanto alla sospensione (non del tempo, ma del tuo ragazzo) avevo visto la foto su fb e volevo chiederlo... ma fa male?? Oo

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fa male, decisamente. Fanno male i fori e fa male la pelle che tira tantissimo.
      Io non l'ho mai fatta. Vorrei, ma non trovo il coraggio. Però chiunque la faccia dice che si sopporta, si può ed è bellissimo.

      Elimina
    2. Oddio... bellissimo soffrire?? XD
      Non so, non fa per me. Preferisco sempre soffrire con un panino del Mc :p
      Un caro abbraccio, Mar! **

      Moz-

      Elimina
  6. Le tue parole si leggono troppo piacevolmente e troppo velocemente, al punto di sentirne subito la mancanza.
    Proprio ieri ripensavo a "questo" settembre, così sfuggente e particolare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Posso solo dirti grazie per le bellissime parole. <3

      Elimina
  7. A ottobre Lui compie gli anni, 13, e diventa sempre più un adolescente scostante...ottobre è il barometro del tempo che passa, fa freddo porca miseria...lascia stare tuo nonno, hai ragione però..la vecchiaia non giustifica un cazzo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lascio dov'è mio nonno. Mi dispiaccio per mamma che deve correre più per dovere che per reale sentimento.
      Cavolo cresce lui. Passeranno questi momenti, non temere. Sono passati per tutti.

      Elimina
  8. Abbi pazienza, ma quella foto lì di Lui mi inquieta, giuro.

    Io ho litigato con mio papà che di anni ne ha 70, e giuro se divento così m'impicco, altroché.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace molto per il litigio con tuo babbo. Spero sia risolvibile. Sarò che io, i genitori, li reputo i ricordi più preziosi.

      E non preoccuparti per la foto!

      Elimina
  9. le tue parole hanno sempre una tenerezza insita, che le rende fruibili e leggere, al di là di tutto...
    sei speciale, ragazza colorata, e lo sei perché il tuo non è un esserci prepotente, che è veramente impagabile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu, amica mia, sai sempre i modi e i tempi per tutto. <3

      Elimina
  10. Cielo, ma il tuo fidanzato è appeso a testa in giù tramite ganci che passano per la pelle delle ginocchia o sono io che debbo farmi un paio d'occhiali??? Mamma mia xD
    Comunque posso capirti.
    Anche io non ho potuto controllare il tempo nè fare tutto quello che avrei voluto fare (tra cui scrivere) ma alla fin fine abbiamo avuto comunque le nostre piccole soddisfazioni, no?
    Inoltre anche io ho ricevuto dei libri! Peccato che non abbia ancora potuto iniziarne uno -.-*
    Infine, per quel che concerne tuo nonno...beh, ti capisco.
    Mia nonna non mi rivolge parola da quasi 3 mesi e per stupidissimi motivi.
    E' vero, la vecchiaia non giustifica nulla anzi, amplifica il carattere (buono o cattivo che sia) delle persone perchè si perdono i freni inibitori.
    Peggio per loro, comunque.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, il mio fidanzato ha fatto tutta quella roba lì! :D

      Per il resto vedo che stiamo percorrendo la stessa strada, tra litigi e tempo che manca. Verrà il nostro momento!

      Elimina
  11. Ma lavori in uno studio di tatuaggi? Dove? Mi serve un tatuaggio nuovo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sono la shop manager. Siamo a Rimini!

      Elimina
  12. Mare... ti voglio bene, ma la foto di lui "sospeso" mi ha fatto impressione.

    Ho i brividi :(((

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cazzo non fa male???

      Elimina
    2. Eh fa male sì.
      Però ti voglio bene anche io <3

      Elimina
  13. "...perché LUI ha voluto sospendersi" e io "EH? AH! Ma... ah, minchia!" XD

    Un riassunto niente male. È bello sentirti parlare di famiglia quando ti riferisci a chi lavora con te, ed è bello anche sentirti parlare di normalità quando ti riferisci alla convivenza. Mi sembri più serena man mano che passa il tempo e questo mi fa un sacco piacere. Quanto a tuo nonno, io ne ho uno che ha più di novant'anni, fa tenerezza a tutti ma abitiamo lontani e non abbiamo mai avuto un forte legame, se ci mettiamo pure che la sua badante ha quasi mandato all'aria il matrimonio dei miei e lui nonostante tutto continui a volere la sua compagnia praticamente hai il quadro completo. Ogni volta che provo a parlarci succede sempre qualcosa che mi fa pentire di averlo fatto, e allora sai cosa, vaffanculo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti capisco molto bene per tuo nonno. D'altra parte la famiglia biologica non te la scegli ma quella "vera" per fotuna sì.

      Elimina
  14. Settembre è passato e ho letto pochissimo, ottobre è a metà e ho recuperato. Il tempo trascorso senza un libro mi sembra sprecato.

    Hai un dono meraviglioso, riesci a esprimere i tuoi pensieri con una delicatezza incredibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!

      Sul leggere poco siamo sulla stessa barca. E non passa giorno che non me ne dispiaccia.

      Elimina
  15. Che bello leggerti, come sempre, e sei incantevole anche questo come sempre! Che prelibatezze culinarie ti hanno preparato gli uomini? :) bellissime tu e i tuoi colleghi e quello che hai scritto di voi *.* Lui si sospeso un pò mi fa paura, ma io sono una fifona di natura e soffro di vertigini e ho una soglia del dolore bassissima! Adoro quando parli di te e lui, del vostro spazio e dimensione, bello sapere che delle volte capita che le persone si incontrino e insieme escano da questo mondo per starsene in uno loro! :) Un bacio e un abbraccio! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un bacio a te <3 È sempre bello averti qui.

      Elimina

Parlo poco. Scrivo molto. Leggo ovunque.
Faccio cose e non vedo gente.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001 concernente i Disclaimer.

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet, pertanto considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
Tutti i testi e le immagini riportanti la firma dell’autrice sono di proprietà della stessa, pertanto non utilizzabili su altri siti web, blog e affini. Se interessati alla riproduzione di qualsivoglia materiale si contatti l’autrice per stabilire consenso e clausole.