8 gennaio 2017

Ho un sacco di cose e me ne dimentico sempre

Il freddo alla fermata dell'autobus. 
Il vento che taglia la faccia, in spiaggia.
Le mani che si scaldano solo se strette tra le coscie.
Le tue braccia che mi cercano la notte.
Farsi sfuggire i minuti. Vivere un po' inconsapevolemente.
Sentimenti su sentimenti che si attorcigliano ad altri sentimenti che non sai come dirli. Che non sai come viverli.
Avere la sensazione di essere spettatore della propria vita e riguardarsela, ogni tanto, da spettatore. Come un video privo di voci ma solo con colonna sonora.
Fare il punto della situazione. Di quello che c'è, di ciò che si è perso. Di una serenità infantile che non tornerà più perché ha lasciato il posto alle preoccupazioni che mangiano lo stomaco e rosicchiano le ore di sonno. 
Persone, voci, pensieri e dolori dietro lo schermo che proietta la tua vita.
L'amore che non ha tempo perché ci sono la spesa, la posta, la benzina, la stanchezza.
I libri che si accumulano.
La tv che proietta immagini mute.
Bambini. Cani. Sorrisi. Guerra. Paura. Politica. Torte. Si mescola tutto.
Tutto frullato, restituito senza confini.
Non ci si caspisce mai nulla. Nelle ricette come nello scorrere del tempo.
Chissà come sarà fra dieci anni. Chissà cosa pensavo sarei stata dieci anni fa.
Mangio. Dormo. Rido. Piango. Mi tormento. Vado al lavoro. Torno dal lavoro. Guido. Pulisco casa. Cucino. E poi? E quindi?
Il mare è uno spettacolo incredibile la mattina.
Mi stupisce sempre quando alzo la testa dallo schermo del telefono e guardo dal finestrino.
Ho un sacco di cose e me ne dimentico sempre.


Share:

23 commenti:

  1. Se fossi Totò ti direi "la felicità, signorina, è fatta di momenti di dimenticanza"
    Un bacino
    Ah, e buon anno :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'era grande saggezza in quel piccolo uomo.

      Buon anno a te tesoro :*

      Elimina
  2. Tu hai un sacco di cose, più un sacco di altre che meglio che non hai scritto, altrimenti finivamo di leggere domani... un sacco di cose che forse puoi dimenticare un attimo, anche due.
    Noi invece riusciamo a leggerle solo da te, e da qualche altro spirito libero... ma non voglio fare quello che si butta giù..
    le abbiamo anche noi un sacco di quelle cose belle.. ma facciamo finta di averle catalogate, ordinate, impilate. Per non perderle mai.
    Ed è proprio lì che le perdiamo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace quando mi definisci/vengo definita "spirito libero". Mi dà sempre una sensazione di estraneità perché io mi sento così piena di catene.

      Elimina
  3. La quotidianità delle piccole cose, semplici e straordinarie.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E accorgersene aiuta sempre ad andare avanti :)

      Elimina
  4. come sempre, sei la più saggia...
    tu che hai tante cose, delle quali ti rendi conto, delle quali hai una sorta di percezione talmente meravigliosa, da sapere che hanno un peso... un peso pesante!
    ...eppure il destino ti ha tolto, e il tran tran quotidiano ti sfila dalle mani cose che contano
    quanto sai essere Mare... quanto!
    ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io passo un sacco di tempo a pensare, costruire e disfare a percepire tutto, anche quello sul quale non dovrei soffermarmi. A volte è bello, a volte ne farei volentieri a meno.
      Ti abbraccio forte amica mia. Ti penso tanto, anche se non te lo dico.

      Elimina
    2. siamo in due
      pensanti e silenti

      Elimina
  5. È il quotidiano che a volte sembra così scontato, eppure ha tutta la vita dentro. E tu lo sai.:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha delle immensità dentro, ben nascoste che ci passano sotto il naso.

      Elimina
  6. l'amore che non ha tempo alla vostra età no, cazzo !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma dillo ai nostri orari! Dillo ai nostri lavori che a volte ci incrociamo solo per dormire a volte nemmeno quello!

      Elimina
  7. Da quando siamo circondati dalla tecnologia OVUNQUE siamo diventati tutti un po' ciechi.
    Mi rendo conto che, volenti o nolenti, siamo tutti schiavi dei cellulari, dei tablet, delle SmartTv che ti offrono cosa mirabolanti e ti tengono attaccato col culo sul divano.
    Siamo circondati da così tanta bellezza, invece.
    Buon inizio anno tesoro.
    A che punto sei con"Harry Potter"? Io sono a metà de "Il prigioniero di Azkaban"!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È terribile. Io me ne accorgo perché quando vedo al lavoro in bus costeggio il mare da Cesenatico fino a RImini e ci sono delle volte che manco me ne accorgo. E poi mi sento una merda ché è tanto bello.

      (Ho iniziato Il calice di fuoco ma prevedo sarà una lunga lettura perché son 600 pagine e ho poco tempo. Poi devo andare a comprarmi gli ultimi tre!)

      Elimina
  8. Ci sono tante cose ma la quotidianità tende un po' a fagocitarle e a farne una polpettone. Più volte mi son detto di guardare le piccole cose, di non lasciarle andare e invece...

    RispondiElimina
  9. Io sono come te, a volte (più spesso di quanto dovrei) mi dimentico di quello che ho intorno a me... prima o poi dovrei smettere di farlo!

    RispondiElimina
  10. Tra 10 anni sarai esattamente come ora, con qualche ruga in più a pensare che c'è tanto di bello in giro ma tu corri troppo veloce mentre ogni tanto bisogna fermarsi magari a guardare quel cielo così bello da sembrare dipinto (l'ho fatto l'altro giorno al semaforo nella stradina vicino a casa mia, non c'era nessuno io e la bimba ci siam concessi due secondi di pura poesia...)

    RispondiElimina
  11. non dimenticare mai di guardare il mare..e lì che a volte si torna a vivere.
    sempre ogni bene a te.
    ^_^

    RispondiElimina
  12. Quante cose e soprattutto quanta vita: potente, forte, vissuta e sopravvissuta, piena di amore e di tormenti, così come deve essere quando si ha tanto tantissimo e ci se ne accorge non sempre ma quelle volte che bastano a servire per stare bene! Un abbraccione e ti invidio tanto il poter vedere il mare così spesso :)

    RispondiElimina
  13. E come se, a volte, della vita non capissimo un cazzo. Così dimentichiamo.
    La quotidianità ci mangia letteralmente vivi. Pochi sprazzi di lucidità ci aprono veramente gli occhi sul mondo. Ed lì che ci scappa un Woow. Nonostante tutto.
    <3


    RispondiElimina
  14. Le piccolezze che ci fanno stare bene, a volte sono come il sole, non sempre le vedi, ma sono sempre lì -un pò parafrasata la frase, ma il concetto è quello.- ...e forse è un bene non ricordarsene sempre, altrimenti diventerebbe scontato, almeno così, ci tirano su quando ce ne ricordiamo! :)

    RispondiElimina
  15. Quanto mi manca il mare. Quanto...

    Ti abbraccio forte bellezza :)

    RispondiElimina

Parlo poco. Scrivo molto. Leggo ovunque.
Faccio cose e non vedo gente.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001 concernente i Disclaimer.

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet, pertanto considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
Tutti i testi e le immagini riportanti la firma dell’autrice sono di proprietà della stessa, pertanto non utilizzabili su altri siti web, blog e affini. Se interessati alla riproduzione di qualsivoglia materiale si contatti l’autrice per stabilire consenso e clausole.