18 dicembre 2017

Di quella roba là, di quello che non sono

In questa giornata non è successo praticamente nulla - a parte che sfoglio pagine e strizzo gli occhi per stanchezza.
Lui mi ha detto ti amo e forse è davvero l'unica cosa che conta.
Ho conosciuto uomini inutili che hanno provato a conquistarmi con una poesia o con uno sfoggio di letture commercial-intellettuali. Tu sei entusiasmo e visione. Tu non cadrai mai da nessun filo.
Io, io invece ascolto il buio, la pancia un po' alcolica, e penso a Dalí che aveva il mio stesso problema: “Ho sempre visto cose che gli altri non vedevano, e quello che vedevano loro, io non lo vedevo”.
Non vorrei essere altro che suggestiva.

SUGGESTIVO: fig. Che induce uno stato di suggestione, di abbandono sentimentale e di patetica commozione;
suggestivo agg. [der. di suggerire, secondo il modello dell'ingl. suggestive]. - [che dà piacere ai sensi, che attrae per la sua bellezza e sim.: un paesaggio s.] ≈ fascinoso, favoloso, incantevole, malioso. ↔ anodino, indifferente, qualunque. ↑ disgustoso, repellente, ripugnante

Ora sappiamo quanto siamo in grado di salvarci l'un l'altra.
Quanto poco sappiamo ingannarci. Ora sai quanto di me non sai e forse che resti così non saprai mai come io non saprò. Ora sai che ti fiderai.

Comunque sono abbastanza felice.


Share:

22 commenti:

  1. Non so se si possa essere abbastanza felici.
    Nel senso che forse, più che la "abbastantezza" (!?) nella felicità vale la sua transitorietà. La felicità non può esserci senza il suo dipolo, l'afflizione/malessere. Io ho sempre considerata una delle posizioni del pendolo nel suo movimento ciclico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse bisogna solo decidere con che metro si misura la felicità. Perché credo non sia un sentimento duraturo e con la stessa forza costante, sempre.

      Elimina
  2. Nel tuo abbastanza credo bene incida qualcosa di devastante, di cambio parametro di ogni altro divenire, finché non ci si riconcilia con la propria idea di felicità, quella che non è abbastanza, ma lo diventa nell'eco di un ti amo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse è l'eterna malattia del non essere mai abbastanza. Sempre.

      Elimina
  3. io mai come questo anno ho mal sopportato la gente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La gente è (siamo) un grosso problema.

      Elimina
  4. Ma allora ogni tanto scrivi ancora <3

    RispondiElimina
  5. Wao, sì che lo sei, suggestiva :)
    Mi fa piacere leggerti felice!

    Moz-

    RispondiElimina
  6. Felice di rileggerti
    abbastanza felice è meglio di infelice

    ti auguro di raggiungere la piena felicità, bellezza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma io spero di no. E se poi svanisce lo scopo dell'andare avanti?

      Elimina
  7. Io ti trovo suggestiva. Ho sempre piacere a leggerti, ricevo sempre qualcosa facendolo e più di questo non posso chiedere. Immagino tu sia tal quale anche dal vivo :)

    RispondiElimina
  8. Tornare qui è un po' come tornare a casa dopo un lungo viaggio.
    Mi sono mancate le tue parole e, quasi quasi, mi fai tornare la voglia di scrivere.
    Un bacio bellissima! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà dove ci siamo perse... a che bivio.

      Elimina
  9. suggestiva...
    ti avrei definita così?
    no, sicuramente no, non ho la stessa tua profondità
    ma ti sta da Dio questo aggettivo, ti definisce e ti identifica, ed io trovo meraviglioso che possa esserci una parola così ricercata e bella, che possa essere così tua
    sei abbastanza felice?
    beh, è un buon punto di partenza tesoro, decisamente

    RispondiElimina
  10. Rapita dal rapporto.

    Ma sono contento per te, sempre che tu sia felice.

    ===

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Marco. Come avrai notato latito. Ma leggo.

      Elimina
  11. ok, ora mi 'risuonerà' in testa tutto il giorno, ma probabilmente per un po bel po di tempo il "abbastanza felice"... affermazione stupenda, perchè non riesco a decifrarla :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È lì sospesa. Sarà bene o male quell' "abbastanza"?

      Elimina

Parlo poco. Scrivo molto. Leggo ovunque.
Faccio cose e non vedo gente.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001 concernente i Disclaimer.

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet, pertanto considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email.
Tutti i testi e le immagini riportanti la firma dell’autrice sono di proprietà della stessa, pertanto non utilizzabili su altri siti web, blog e affini. Se interessati alla riproduzione di qualsivoglia materiale si contatti l’autrice per stabilire consenso e clausole.